Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
notiziarioLa Provincia

Maxi sequestro per un imprenditore edile modenese «contiguo alla criminalità organizzata»

La Pressa
Logo LaPressa.it

La Finanza ha sequestrato un patrimonio da 1,4 milioni riconducibile a un imprenditore di origine campana residente nel modenese


Maxi sequestro per un imprenditore edile modenese «contiguo alla criminalità organizzata»

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna hanno sequestrato, tra le province di Modena e Bologna, un ingente patrimonio immobiliare, societario e finanziario, del valore di oltre un milione e quattrocento mila euro, riconducibile a un imprenditore edile di origine campana (D.G.), da tempo residente nel modenese, ritenuto «vicino a pregiudicati e ad esponenti contigui alla criminalità organizzata campana e calabrese».

Sono stati sequestrati, tra Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro e Crevalcore, una villa, 5 appartamenti, 7 autorimesse, un fabbricato industriale, 3 partecipazioni sociali, rapporti bancari, tutti riconducibili all'uomo, per un valore di oltre 1.400.000 euro.

Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Modena ed eseguito dal G.I.C.O. (Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata) del Nucleo di Polizia Tributaria di Bologna, costituisce l’epilogo di complesse indagini di polizia economico-finanziaria, condotte ai sensi del “Codice Antimafia” su delega della Procura della Repubblica di Modena, nella persona del Sostituto Procuratore Claudia Ferretti.

Indagini che hanno permesso di disporre, a carico dell'imprenditore edile, il sequestro di una serie di cespiti «il cui valore è risultato sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati dallo stesso e dal suo nucleo familiare».

Le indagini eseguite avrebbero consentito di valorizzare evidenze investigative acquisite in precedenza dalle fiamme gialle bolognesi, «in ordine alla abituale dedizione del prevenuto alla commissione di condotte illecite e, quindi, alla sua manifesta pericolosità sociale».

In particolare, l'uomo, «la cui attività imprenditoriale, fin dagli anni ‘90, si è caratterizzata per l'elusione della normativa tributaria», è apparso - precisa il Giudice della Prevenzione nel provvedimento di oggi - «proclìve dal 1994 alla commissione di attività delittuose nel settore economico-finanziario, con particolare riferimento a evasioni fiscali e fatturazioni per operazioni in esistenti», ed è stato, pertanto, giudicato «attualmente socialmente pericoloso».

Questo, viene sottolineato nella nota delle Fiamme Gialle, «sia per aver commesso reiterati e sistematici delitti in ambito economico-finanziario, sia per la sua vicinanza a clan camorristici (“Moccia”, “Schiavone” e “Casalesi”) e a cosche della 'Ndrangheta (“Piromalli” e “Fortugno”)».

Tra le società colpite dall’ordinanza anche una S.r.l. già destinataria, nel mese di marzo del 2015, di un provvedimento di rigetto della domanda d’iscrizione nelle cosiddette “white list” emesso dalla Prefettura di Modena, proprio per la presenza di situazioni relative a tentativi di infiltrazione mafiosa.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182639
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174833
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109072
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:79432
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:76213
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:70536

La Provincia - Articoli Recenti
Schianto nel bolognese, muore a 28 ..
La giovane alla guida di una Kia Picanto, avrebbe perso improvvisamente il controllo ..
07 Ottobre 2021 - 20:44- Visite:1023
Covid, a Modena 78 contagi e due ..
I sintomatici sono 52, gli asintomatici sono 26. Una persona è stata ricoverata in Reparto
07 Ottobre 2021 - 16:55- Visite:1740
Sassuolo: i bambini delle elementari ..
Cerimonia in piazzale della rosa con gli alunni delle scuole primarie dell'Istituto ..
07 Ottobre 2021 - 12:57- Visite:179
San Felice festeggia i 100 anni di ..
Manfredini ha una zia paterna morta a 106 anni e due sorelle viventi entrambe 90enni
07 Ottobre 2021 - 12:46- Visite:298
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174833
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:160981
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:43487
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:39102