La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Provincia

'Mirandola fuori da Ucman? Scelta Lega ideologica e pregiudiziale'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Paolo Negro: 'Per Mirandola sarebbe un costoso salto nel vuoto: non c’è un vero studio costi e benefici che infatti dichiarano di volere fare dopo'


'Mirandola fuori da Ucman? Scelta Lega ideologica e pregiudiziale'
L'intervista a La Pressa del deputato Lega Guglielmo Golinelli sulla ipotesi di uscita di Mirandola dall'Unione Comuni Area Nord ha sollevato l'immediata reazione del Pd della Bassa che per bocca del capogruppo Paolo Negro alle argomentazione del parlamentare del Carroccio.

Golinelli dichiara di voler portare Mirandola fuori dall’Unione perché c’è sproporzione fra quanto Mirandola pesa in termini di abitanti, il 28 %, e quanto contribuisce all’Unione: il 36%. 
'Fatemi dire per per prima cosa che oggi dovremmo occuparci d’altro, dalla crisi sociale post Coronavirus. Detto questo, Golinelli non cerchi scuse basate su fantasie. La scelta sua e della Lega di Mirandola è ideologica e pregiudiziale, prescinde quindi dai numeri che sono infatti richiamati a sproposito: Mirandola concorre per il 36% alle spese dell’Unione a fronte dei servizi che Mirandola riceve e ne riceve più degli altri. Il costi sono ripartiti sulla base della quantità di servizi conferiti e dei cittadini serviti'. 
Golinelli sottolinea come l’Unione sia lenta nel reagire alla crisi, perché bisogna mettere d’accordo tante teste. 
'C’è, sì, la fatica del confronto, della democrazia, ma questo è anche un fattore di forza: decidere insieme ed organizzare insieme le risposte rende più forti. Quanto all’adeguatezza nell’affrontare le crisi, l’Unione ha attraversato una catastrofe immane come il terremoto, ci ha tenuto uniti nel prendere insieme tutte le decisioni fondamentali, verso la Regione e verso il Governo. Non è poco, non si può mettere la storia tra parentesi, anche se la Lega non c’era a ricostruire'.  
Il deputato Lega sostiene anche che l’Unione da cui ora Mirandola sceglie di uscire è un’incompiuta.
'Incompiuta rispetto a che cosa ? Ma ci rendiamo conto del cammino impressionante che è stato fatto dal 2004 partendo da nove municipi che gestivano tutto da soli? In questo momento, l’Unione e le realtà nate dell’Unione conta ben 700 dipendenti e  tantissimi servizi fondamentali assicurati ai cittadini, per quasi 50 milioni di euro: infinitamente di più dei singoli comuni, anche dello stesso comune di Mirandola. L’Unione, di legislatura in legislatura, è sempre cresciuta. Il sindaco di Mirandola Greco è stato eletto presidente dell’Unione pochi mesi fa su un programma condiviso all’unanimità da tutto il Consiglio e mai Greco e Golinelli hanno posto nel confronto politico questo tema di un'Unione incompiuta. Mai. Poi, all’improvviso, questa loro scelta di rottura, ideologica ed unilaterale'.
Ma uscire dall’Unione conviene a Mirandola?
'Per Mirandola sarebbe un costoso salto nel vuoto: non c’è un vero studio costi e benefici che infatti dichiarano di volere fare dopo, con quale ratio non si sa. Questo vuoto è la ragione del pesante parere contrario sul piano della regolarità contabile e dei revisori dei conti. Quel che è certo invece è che Mirandola perderebbe almeno centomila euro di trasferimenti regionali e, lo dichiarano loro stessi, dovranno pagare un super manager, assumere nuovo personale e pagare interamente i dirigenti il cui costo ora è condiviso con tutti i comuni. Non ci sono poi solo i maggiori costi: Mirandola, uscendo, si precluderebbe l’acceso anche a non poche opportunità di finanziamento regionale che fanno perno sulle Unioni'.  
La Lega immagina di gestire i servizi mediante convenzioni con gli altri Comuni. 
'Sconcertante. L’Unione andrebbe avanti a otto comuni e dovrà riorganizzarsi per dare i servizi ai cittadini degli 8 comuni aderenti. Sarebbe con l'Unione che il comune di Mirandola dovrà chiedere di comprare i servizi e fare convenzioni. E l’Unione giocoforza le potrà fare se, e solo se, le converrà. Montare, smontare e rimontare a piacimento l’organizzazione dei servizi,  questo sì è diseconomico.  A Golinelli e Greco dico 'fermatevi, finché siete in tempo'. Stiamo entrando in una fase straordinaria e decisiva per la storia della Bassa Modenese, a cavallo fra il completamento della ricostruzione post terremoto e le pesantissime conseguenze sociali della pandemia da Coronavirus, senza precedenti dal dopoguerra. Fermatevi, ritorniamo al quel programma di sviluppo che abbiamo scritto insieme pochi mesi fa, riformiamo insieme l’Unione per farla cresce ancora: sul tavolo c'è già una proposta di riorganizzazione avanzata dai sindaci del centrosinistra, apertissima al confronto. Riapriamo la discussione, ma per costruire, non per distruggere'.
Se così non fosse? 
'L'Unione andrebbe avanti a otto comuni, con i suoi 65 mila abitanti, tre volte Mirandola e diventerà giocoforza il punto di riferimento a tutti i livelli per la rappresentanza degli interessi generali della Bassa Modenese. Mirandola, con i suoi 23mila abitanti, al penultimo posto fra i comuni capo distretto della nostra provincia,  si metterebbe nell’angolo e condannerebbe all’irrilevanza da sola'.

Leo 

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103203
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76538
Inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni': indagati altri due sindaci
Politica
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:62539
Così il M5S appena un mese fa donava soldi alla onlus Hansel e Gretel
Politica
28 Giugno 2019 - 22:51- Visite:53698
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:51678
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:48692
La Provincia - Articoli Recenti
'Bomporto, niente pre e post scuola: ..
Stessa mancanza anche a Bastiglia. Savazzi (Civica Idee in Movimento): 'Aspettiamo risposte,..
14 Settembre 2020 - 11:00- Visite:331
Fiumalbo chiusa per disinnesco ..
Operazioni dalle ore 8,30 alle ore 17. L'ordigno da 226 kg inesploso della seconda guerra ..
14 Settembre 2020 - 00:54- Visite:306
Covid, contagi a Bastiglia, Carpi, ..
Nuovi casi anche a Fiorano, Mirandola e Nonantola. Due contagi a Modena città
13 Settembre 2020 - 16:31- Visite:3003
Carpi, spacciavano Mefedrone: due ..
Un carpigiano di 46anni e un mantovano di 35 avevano allestito in un appartamento a Carpi ..
13 Settembre 2020 - 11:05- Visite:342


La Provincia - Articoli più letti


Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:156081
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:38368
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:34202
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:32805