Lega - Referendum giustizia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Lega - Referendum giustizia
notiziarioLa Provincia

Montese, la gestione dei rifiuti passa ad Hera

La Pressa
Logo LaPressa.it

Al Comune di Montese rimane la gestione della fatturazione, la riscossione dei tributi e la gestione delle insolvenze. Critica l'opposizione


Montese, la gestione dei rifiuti passa ad Hera

Lo scorso 9 dicembre il Consiglio Comunale di Montese ha deliberato l’affidamento in via transitoria non obbligatoria per un periodo di 5/6 mesi a Hera Spa la gestione del servizio rifiuti urbani e assimilati. La concessione del servizio ha avuto inizio effettivo il primo gennaio di quest’anno e che segna da un lato l’avvio di una nuova modalità di gestione per il comune appenninico, dall’altro il termine di un percorso di trattative iniziato tre anni fa. Oltre al piazzamento di nuovi contenitori stradali più moderni e capienti, la novità più importante riguarda la raccolta a domicilio di rifiuti ingombranti ed elettrodomestici. Resta fuori dai nuovi accordi la gestione dell’acqua, anche se il sindaco De Luca (in foto) non esclude di prendere in considerazione un eventuale passaggio ad Hera in futuro.

L’opposizione in consiglio comunale, col gruppo “Insieme per Montese” è però critico sulla tempistica della raccolta e sulla parte economica dell’accordo. Partendo dai nuovi cassonetti, il gruppo consiliare sottolinea che «in particolare dell’indifferenziato e umido, sono stati nel tempo aumentati dal Comune per agevolare il servizio ai cittadini, in particolare agli anziani. Oggi, con Hera SpA, in alcune strade questi sono già stati ridotti o tolti suscitando molte proteste da parte dei cittadini. Siamo molto preoccupati che questa situazione si aggravi ulteriormente, in quanto, ad oggi, sono ancora presenti numerosi contenitori del Comune e non sappiamo se verranno sostituiti o tolti”. Inoltre nell’esposto dell’opposizione emerge il dettaglio secondo cui “La raccolta dei rifiuti indifferenziati da parte del Comune di Montese avveniva tutti i giorni della settimana sul capoluogo e su alcune frazioni: col nuovo accordo quasi ovunque avviene una volta alla settimana. Proviamo ad immaginare in estate, con la presenza dei turisti e dei residenti delle seconde case, quanti problemi insorgeranno. Il contratto proposto da Hera SpA prevede la clausola d’intervento allorquando i cassonetti raggiungano la capienza del 90-95%. A questo proposito sorgono spontanee le seguenti domande: tale percentuale deve essere presente su tutto il territorio comunale o fa riferimento ad un’unica postazione? E in questo caso, salgono apposta per svuotarli? A chi spetta il monitoraggio della situazione e chi ne deve fare comunicazione agli uffici competenti?»

Al Comune di Montese rimane la gestione della fatturazione, la riscossione dei tributi e la gestione delle insolvenze ma secondo l’opposizione la nuova gestione dei rifiuti farà lievitare la spesa di circa 100.000 il che potrebbe rendere probabile la cessione di altri servizi.

Un’ultimo appunto che l’opposizione fa all’amministrazione in carica è relativo al Centro di Raccolta situato in Via Pilone: «in passato gestito dal Comune di Montese e molto apprezzato dalla cittadinanza, oggi, come citato nella “Relazione Descrittiva dei Servizi di Gestione SGRUA”, viene definito come centro di raccolta itinerante. Pertanto, anche se per il momento rimane nel vecchio sito, certamente in futuro verrà posto alternativamente in varie località del territorio di Montese. Questo scenario futuro, purtroppo, è da imputare al fatto che nel medesimo luogo sono ubicate anche attività in capo al Comune di Montese e per questo sorgono delle conflittualità. Il Comune, per il momento, si è tenuto in prossimità del sito sopra menzionato la gestione della raccolta e smaltimento del cartone e ciò è a nostro avviso irregolare poiché questo servizio, secondo lo SGRUA, deve essere in capo ad Hera SpA. Inoltre, il Centro di Raccolta itinerante è a disposizione esclusivamente per le abitazioni civili: per artigiani e commercianti sarà quindi molto più difficile smaltire i propri rifiuti. Il valore economico dell’area, ammontante a svariate decine di migliaia di euro, è stato finanziato con soldi del Comune e della Regione con destinazione finalizzata: a nostro avviso è uno spreco non investire per riqualificare il sito ed adibirlo permanentemente all’uso come Centro di Raccolta».

Stefano Bonacorsi



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Hera, compenso dell'ad Venier quasi raddoppia in un anno: ora guadagna..
Economia
30 Aprile 2020 - 11:21- Visite:16979
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:16359
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:16199
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:15157
Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno
Dossier Inceneritore
13 Ottobre 2017 - 07:30- Visite:14929
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:14275

La Provincia - Articoli Recenti
Mirandola, scoperte 10 pecore ..
L'assessore Lodi: 'Sono i giorni in cui la comunità islamica celebra la Festa del ..
20 Luglio 2021 - 17:30- Visite:196
Covid, sette contagi a Modena e ..
I nuovi casi a Castelfranco, Guiglia, Modena città e Spilamberto
20 Luglio 2021 - 17:24- Visite:949
Crisi manifattura Riese, proprietà ..
L'assessore Colla: 'Inaccettabile e grave l'assenza, preoccupante il cinismo e disprezzo ..
20 Luglio 2021 - 15:10- Visite:186
Bastiglia, polisportiva chiusa da ..
Il sindaco Silvestri: 'Stiamo definendo il bando che uscirà a fine luglio con l'obiettivo ..
20 Luglio 2021 - 12:50- Visite:505
La Provincia - Articoli più letti
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:160170
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:42588
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:38252
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:35940