Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
notiziarioLa Provincia

Nonantola: Polo logistico Gazzate, progetto sbagliato

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ne sono convinti i capogruppo consiliari di Nonantola Libera, Movimento 5 stelle e Nonantola Progetto 2030,


Nonantola: Polo logistico Gazzate, progetto sbagliato

Nei giorni scorsi, all'indomani della presentazione in commissione del progetto, era stato il Capogruppo di Nonantola Libera Francesco Cosimo Antonucci a sollevare dubbi, perplessità e critiche alla proposta di insediamento del polo logistico in zona PIP Gazzate da 75 metri quadrati. 'Strutture sicuramente impattanti - affermava - che andrebbero a sottrarre un'area verde ora esistente di più di 84 mila mq. Area che era stata indicata per espansione industriali delle attività produttive esistenti (esattamente divisa in 17 lotti) ma che ad oggi non aveva visto nessuna richiesta e che, molto probabilmente come anche indicato dall'assessore e dal sindaco, non si sarebbe mai sviluppata.

Durante l'incontro - continuava il Consigliere - ci era stata sbandierata la carta dei posti di lavoro, ma abbiamo più volte sottolineato lo svilimento contrattuale del mondo della logistica e quanto fossero irrisori solo 250 posti in cambio di 75 mila mq di consumo del suolo ,esattamente un posto di lavoro ogni 300 mq (se si fosse puntato a nuovi insediamenti manifatturieri singoli si sarebbe consumato molto meno suolo e si sarebbero avuti molti più posti di lavoro).
Abbiamo anche evidenziato, insieme ai compagni di Nonantola 2030, come questa Sindaco e l'assessore si siano prodigati da anni in un percorso di confronto con la società proponente e non abbiano mai interpellato i sindacati di categoria per comprendere quale fosse la qualità della vita lavorativa in quell'azienda e in quel settore.
Continuamo a dire che è un operazione che giova solo al privato , compreso gli interventi richiesti in scomputo , e che non porterà nulla ai cittadini'

Oggi critiche ed osservazioni si estendono con una nota congiunta ai tre gruppi consiliari Nonantola Progetto 2030 (capogruppo Alessandro di Bona), Movimento 5 Stelle (capogruppo Omer Zoboli)
Nonantola Libera (capogruppo Francesco Cosimo Antonucci). I tre nello entrano nello specifico dell'insediamento da circa 84 mila mq dell’azienda O&N che “amplierà il proprio stabilimento e magazzino', specificando alcune informazioni che a loro dire il sindaco avrebbe omesso di specificare come il fatto che 'il 70% del futuro insediamento non riguarderà l’O&N, bensì la multinazionale dei trasporti DSV (ex Saima Avandero) che costruirà un enorme polo logistico per la Maserati, Lamborghini e Ducati. Il buon Di Pietro direbbe: “ma che ci azzeccano costoro con l’azienda tessile?” Forse, nel tacere questo secondo soggetto, la sindaca non vuole alimentare ulteriore allarmismo fra i cittadini viste le già pesanti condizioni del traffico – soprattutto nello snodo Navicello – e visto che stiamo parlando di un’area ad elevato rischio idraulico? Dopo che per anni si è tenuto all’oscuro il Consiglio Comunale degli accordi che Amministrazione Comunale e Consorzio Attività Produttive (che ha in gestione l’area) stavano prendendo con l’impresa e nonostante nel 2011 lo stesso Consiglio Comunale di Nonantola avesse approvato un diverso progetto per utilizzare quell’area per la rigenerazione dell’intera area artigianale – in un'ottica di riconversione ecologica,
sia dal punto di vista energetico che idraulico – e dopo la convocazione, tardiva, della Commissione Urbanistica avvenuta qualche giorno fa a giochi fatti – ma alla presenza degli acquirenti – oggi leggiamo che l’unica offerta per l’utilizzo di quel territorio è venderla tutta... al migliore offerente?
Ma l’alluvione del 2020 non ha insegnato nulla alla nostra Sindaca, alla quale bastano le rassicurazioni dell’azienda che costruirà la vasca di laminazione e provvederà a mettere a dimora lo stesso numero di piante che ovviamente dovrà tagliare per costruire il magazzino?'

'Altrettanto - proseguono i tre capogruppo - la Sindaca ci rassicura sull’impatto sulla mobilità: qualche mezzo pesante verrebbe da Modena, senza incidere sul traffico presente dalla parte opposta!
Perché si vuole minimizzare l’impatto che invece tale realizzazione avrà? Perché lo si vuole mistificare con l’aumento dell’occupazione (in verità, con dati quantitativi e qualitativi vaghi e “unilaterali”) e del benessere complessivo per tutta la comunità, mentre nulla si dice in tema di transizione energetica e di lotta ai cambiamenti climatici? possono davvero bastare la desigillazione del Parco della Resistenza e la realizzazione del Parco Urbano nella striscia compresa fra la tangenziale e via Gazzate per compensare l’impatto del nuovo polo logistico e del prossimo comparto della “Consolata”,
dove agli insediamenti commerciali si aggiungeranno quelli produttivi tolti dal PIP Gazzate per fare posto alla logistica?
Se Modena continua ad essere fra le province italiane più inquinate d’Italia e l’aria della pianura Padana fra le peggiori al mondo, non possiamo persistere su politiche urbanistiche che consumano e impermeabilizzano suolo, né su scelte di mobilità su gomma, che allontanano la fine dell’utilizzo di combustibili fossili e sono fonti continue di polveri sottili - affermano Antonucci, Di Bona e Zoboli.
'Altrettanto non possiamo procrastinare il cambiamento del modello di sviluppo e mantenere la conflittualità tra sviluppo e qualità ambientale, assecondando le logiche espansive di chi ancora se lo può permettere: anche un governo locale, come il Comune di Nonantola, può e deve orientare la crescita del proprio territorio verso la sostenibilità ambientale e la sicurezza sociale operando scelte innovative e condivisibili per tutti. E per farlo deve abbandonare un progetto sbagliato sia nello spazio, sia nella qualità, accogliendo i dubbi e le critiche delle forze ambientaliste e progressiste e non strizzando l’occhio alla destra ultraliberista'



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

La Provincia - Articoli Recenti
Modena, Ponte Sant'Ambrogio chiude 6 ..
La Provincia interviene: 'I tecnici sottolineano le criticità che questa chiusura avrà sul..
28 Maggio 2022 - 13:31
Covid, 279 contagi a Modena, 14 ..
68 hanno eseguito il tampone per presenza di sintomi; 2 sono stati individuati con il test ..
27 Maggio 2022 - 19:24
Sassuolo: in auto con droga e senza ..
E' un 33enne di origine marocchina bloccato dalla Polizia Locale nel corso di un controllo ..
26 Maggio 2022 - 19:27
Esternalizzazione nidi comuni area ..
Si è concluso con un mancato accordo l’incontro svolto in Prefettura tra FP Cgil, Rsu, ..
26 Maggio 2022 - 13:42
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57