Primarie Carpi, la cultura del sospetto che Righi non merita
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Primarie Carpi, la cultura del sospetto che Righi non merita

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una cultura che vede nell’avversario un nemico da abbattere, umanamente, moralmente e professionalmente. Senza giustificazione politica


Primarie Carpi, la cultura del sospetto che Righi non merita
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ormai possono essere anche elezioni di condominio: ma puntuale, poco prima della scadenza, arriva la 'giustizia' a orologeria. Questa volta addirittura nella forma della strana alleanza fra gli ultraliberali di Azione e i reazionari di Rifondazione.

Negli ultimi due giorni, infatti, vicende tutt’altro che politiche hanno riscaldato la noiosa campagna elettorale per le primarie del centrosinistra carpigiano – quella, ricordiamo, fra l’architetto assessore Riccardo Righi e il dipendente regionale Giovanni Taurasi. Da un lato abbiamo alcuni video–sfottò contro il candidato Taurasi, al quale vengono attribuite piroette programmatiche andando a riprendere suoi voti di 20 anni fa. E fin qui tutto abbastanza normale – e senza possibilità alcuna di condizionare il voto. Ma le uscite improvvide di vecchi esponenti della sinistra locale, riprese dalla stampa locale, rischiano invece di inquinare oltre misura una competizione che di tutto avrebbe avuto bisogno, tranne che della retorica del giustizialismo e del moralismo di classe.

La vicenda è presto detta: secondo alcuni post, ripresi come detto dalla stampa, l’assessore Righi, nel dichiarare di averci rimesso in termini economici nel fare l’assessore invece che l’architetto, avrebbe mentito. Perché la sua dichiarazione dei redditi negli ultimi cinque anni sarebbe lievitata da meno di 10'000 euro nel 2018 a quasi 10 volte tanto nel 2022. È stata poi fatta una valutazione sull’opportunità, per un assessore all’urbanistica, di esercitare la professione di architetto in potenziale conflitto di interessi. Interpellato nel merito, Righi avrebbe ribadito la propria correttezza, esibendo fatture che dimostrerebbero che larga parte del fatturato viene da operazioni in Francia, Germania e Stati Uniti, e comunque ben fuori dal piano regolatore carpigiano.

Magari un errore di comunicazione, ma tutto regolare dal punto di vista legale. Ma anche, secondo noi, dell’opportunità politica e professionale.

Chiedere a un 30enne abilitato di recente di mollare interamente la propria professione per dedicarsi a tempo pieno a fare l’assessore a meno di 2'000 euro al mese, senza contributi pensionistici, è infatti un’aberrazione che può sostenere solo chi è atavicamente ostile alla libertà di professione e di impresa e alla valorizzazione dei meriti personali. Chiedergli poi “di rendere trasparente per chi effettivamente abbia lavorato in questi anni” alimenta ulteriormente quella cultura del sospetto che da 80 anni permea e pervade la politica locale. Una cultura che vede nell’avversario un nemico da abbattere, umanamente, moralmente e professionalmente, in assenza di qualsivoglia giustificazione politica. Perché, politicamente parlando, Righi in questi anni da amministratore pubblico ha indirizzato il nuovo piano regolatore nella direzione del taglio di diverse aree fabbricabili: qualcuno s’è accorto di questo?

O è proprio questo che dà fastidio a quelle lobby di potere che non vogliono un giovane architetto che viene da fuori, e che si permette di tagliare alcune aree? Perché una cosa è certa: Righi – come abbiamo già scritto in tempi non sospetti, quando nemmeno si parlava ufficialmente di una sua candidatura – è senz’altro gradito a una certa politica carpigiana. Ma di certo non è inquadrabile in quei potentati locali che da 80 anni governano ininterrottamente la città - e che dall’esterno tirano i fili di chi è all’interno.
Neanche Taurasi lo è, beninteso.

Magath

Magath Ing
Magath Ing

Dietro allo pseudonimo Magath un noto personaggio modenese che racconterà una Modena senza filtri. La responsabilità di quanto pubblicato da Magath ricade solo sul direttore della te..   Continua >>


Mivebo
Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Carpi, è morto a 55 anni Lollo Scardovi
La Provincia
07 Giugno 2024 - 07:16

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
'Mirandola, grande risultato di Letizia Budri: ora vincere ballottaggio'
Golinelli: 'Risultato lusinghiero anche in termini di preferenze con il record personale, ..
11 Giugno 2024 - 09:55
Maranello, Luigi Zironi si conferma sindaco
Il primo cittadino uscente ha ottenuto il 59,67% dei consensi. Nulla da fare per Barbara ..
10 Giugno 2024 - 20:56
Savignano, Enrico Tagliavini confermato sindaco
In termini assoluti Tagliavini ha ottenuto 3081 voti contro i 1226 di Pettinella
10 Giugno 2024 - 20:51
Pievepelago, Corrado Ferroni ancora sindaco per una manciata di voti
Ferroni alle elezioni incassa 473 voti (37,21%), superando Italo Nesti 421 (33,12%) e ..
10 Giugno 2024 - 20:47
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48