'Ravarino, studenti traslocati dalle scuole Volta: così non va'
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

'Ravarino, studenti traslocati dalle scuole Volta: così non va'

La Pressa
Logo LaPressa.it

I genitori: 'E' fondamentale che tutti i locali siano conformi alle normative vigenti sull'edilizia scolastica e idonei dal punto di vista igienico-sanitario'


'Ravarino, studenti traslocati dalle scuole Volta: così non va'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'I locali destinati alle nuove aule 'scolastiche' sono situati in tre diverse zone del paese di Ravarino, distanti tra loro di circa 200 metri. Le aule sono distribuite nei seguenti edifici: il fabbricato commerciale della Coop con 3 aule, la Biblioteca Comunale con 2 aule, e un edificio accanto alla farmacia con 2 aule'. Il trasloco delle classi di Ravarino dalla scuola media di Bomporto per la ristrutturazione dell'edificio di via Verdi (qui) ha sollevato più di una polemica tra i genitori dei ragazzi.

'Dato che il nuovo metodo di istruzione, denominato 'Scuola Diffusa', dall'Amministrazione Comunale, non è temporaneo o di emergenza, ma si prevede che durerà un anno e mezzo prima di un possibile ritorno alla scuola secondaria di primo grado di Bomporto, e periodi non ben definiti per la conclusione della scuola di pari grado presso Ravarino, è fondamentale che tutti i locali siano conformi alle normative vigenti sull'edilizia scolastica e idonei dal punto di vista igienico-sanitario - affermano un gruppo di genitori -.

Considerando inoltre che sono stati stipulati contratti di comodato d'uso gratuito per i locali non di proprietà dell'Amministrazione Comunale e sono stati investiti oltre 55.000 euro di risorse pubbliche per i lavori di sistemazione e modifica, è essenziale che tutti i locali rispettino i requisiti e le destinazioni d'uso sotto il profilo edilizio, urbanistico, igienico-sanitario, anche nel contesto della sicurezza sul luogo di lavoro'.

Le soluzioni adottate
'Nel fabbricato commerciale della Coop, dove sono state realizzate tre aule, si tratta effettivamente di locali commerciali adattati tramite lavori edili. Tuttavia, è importante sottolineare che, pur mantenendo la destinazione d'uso commerciale, mancano di finestre apribili, ad eccezione dell'accesso principale - continuano i genitori -. La porta di ingresso non può essere considerata una finestra, il che potrebbe causare problemi di circolazione dell'aria e di illuminazione naturale.

Ogni aula dispone di un servizio igienico, ma non rispetta le normative sull'accessibilità per gli studenti con ridotte capacità motorie, e non sono separati per genere. Poiché si tratta di locali commerciali, i requisiti igienico-sanitari sono differenti rispetto alle rigide normative degli ambienti scolastici'.

'Nel fabbricato della Biblioteca Comunale, dove sono state create due aule, la prima si trova al piano terra ed è destinata a sala multimediale, con adeguate finestrature e servizi igienici accessibili ai disabili. La seconda aula è situata in un altro locale a piano terra della biblioteca, che, pur avendo finestre adeguate, non dispone di servizi igienici interni. Gli studenti devono uscire dall'aula e percorrere esternamente un tratto per raggiungere i servizi igienici della biblioteca o quelli della sala multimediale sopra citata - aggiungono -. Nel fabbricato commerciale accanto alla farmacia, dove sono state create due aule provenienti da un locale a destinazione commerciale, potrebbe verificarsi un problema di ricambio dell'aria, dato che le uniche aperture sono rappresentate dalle porte di accesso. Durante l'adattamento interno, è stata realizzata una parete divisoria, ma ciò ha comportato che solo una delle aule dispone di servizi igienici, mentre gli studenti dell'altra aula devono attraversare la porta nella parete per accedervi. Questa situazione può causare disturbi e distrazioni cicliche dovute al passaggio degli studenti. Come già sottolineato, poiché si tratta di locali commerciali, i requisiti igienico-sanitari differiscono da quelli degli ambienti scolastici'.
'Da sottolineare infine che per chi abita in alcune frazioni di Ravarino il pullmino parte alle 6.50 e il ritorno a casa è previsto alle 14.50 a fronte di lezioni che iniziano alle 8 e si chiudono alle 14. Non solo, a Rami sono da poco state ristrutturate le scuole elementari e questa poteva essere una soluzione temporanea anziché adibire i locali all'Avis e alla Croce Rossa, come un'altra soluzione potevano essere moduli temporanei come fatto da altri Comuni limitrofi' - lamentano i genitori.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Fiorano, i viaggi in solitaria in mountain-bike di Gino Ferri
Santiago de Compostela, Bolivia, India, Giordania, e l'ultima propria e vera, lasciatemelo ..
11 Giugno 2024 - 15:52
'Mirandola, grande risultato di Letizia Budri: ora vincere ballottaggio'
Golinelli: 'Risultato lusinghiero anche in termini di preferenze con il record personale, ..
11 Giugno 2024 - 09:55
Maranello, Luigi Zironi si conferma sindaco
Il primo cittadino uscente ha ottenuto il 59,67% dei consensi. Nulla da fare per Barbara ..
10 Giugno 2024 - 20:56
Savignano, Enrico Tagliavini confermato sindaco
In termini assoluti Tagliavini ha ottenuto 3081 voti contro i 1226 di Pettinella
10 Giugno 2024 - 20:51
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48