Riciclaggio con metodo mafioso: arrestato il bomportese Di Puorto
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Riciclaggio con metodo mafioso: arrestato il bomportese Di Puorto

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'uomo, originario di San Cipriano d'Aversa, era residente a Bomporto dove era stato arrestato nel 2014, insieme ad altre 10 persone


Riciclaggio con metodo mafioso: arrestato il bomportese Di Puorto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


E' finito in manette mercoledì a Santi Cosma e Damiano, dove aveva l'obbligo di dimora, Antonio Di Puorto, 49 anni. L'uomo, originario di San Cipriano d'Aversa, era residente a Bomporto dove era stato arrestato nel 2014, insieme ad altre 10 persone per reati associativi e riciclaggio.

L'inchiesta aveva svelato una reate di intermediari e prestanome che gestivano soldi che provenivano dal clan Schiavone. Di Puorto era infatti destinatario di un ordine di carcerazione perché deve espiare una condanna definitiva a due anni e sette mesi per riciclaggio con l'aggravante del metodo mafioso.

Di Puorto è stato  coinvolto anche in un'inchiesta di riciclaggio di denaro sporco nell'edilizia in Emilia e in Toscana. Grazie a prestanome incensurati di origine casertana, il gruppo si occupava di investire nel settore immobiliare edile. In un'operazione del 2014 Guardia di Finanza di Firenze e Squadra Mobile di Caserta sequestrarono circa dieci milioni di euro di beni immobili e mobili.

In quella circostanza furono emesse delle misure cautelari, che colpirono proprio Antonio Di Puorto e il fratello Salvatore, sulle cui imprese riferì il pentito Salvatore Venosa. «Salvatore - disse Venosa - aveva una notevole disponibilità economica e in particolare si trattava di soldi della famiglia Schiavone, provento di vari reati, che ripuliva in diversi settori commerciali. Il fratello Antonio è la mente economica, che ha capacità imprenditoriali, soprattutto nel settore delle costruzioni; investe i soldi di Salvatore Di Puorto in questo settore».


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Onoranze funebri Gibellini
La Provincia - Articoli Recenti
Rotary club di Carpi, Maurizio Bigi nuovo presidente
Maurizio Bigi è stato eletto presidente del Club per il prossimo anno sociale al termine ..
18 Luglio 2024 - 19:41
Irregolare e spacciatore fermato dalla Polizia: sarà espulso
Un 28enne marocchino fermato dalla Polizia di Stato durante un controllo nell'area della ..
18 Luglio 2024 - 18:03
Formigine, minacce di morte alla moglie: in carcere 51enne
Continue violenze fisiche e verbali, pressoché quotidiane, nonché minacce di morte ..
18 Luglio 2024 - 17:16
Terre d'Argine, entrano in funzione 4 autovelox fissi
Due sulla provinciale Motta 468 e due sulla provinciale Carpi-Ravarino
18 Luglio 2024 - 16:34
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48