Società Dolce: fare insieme
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLettere al Direttore

Chiusura punti nascita, odissea di 12 ore prima di un intervento

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Chiederei a chi ha deciso la chiusura del reparto a Castelnovo (che evidentemente non è solo del punto nascite in sé per sé) se per loro questo è il progresso'


Chiusura punti nascita, odissea di 12 ore prima di un intervento

Riprendiamo una lettera inviata al Comitato Salviamo le Cicogne di Montagna firmata da una giovane donna che ha voluto raccontare la sua odissea legata alla chiusura del punto nascite di Castelnovo nè Monti. Un dramma davanti al quale non servono commenti e che interroga nuovamente sulla decisione della Regione di chiudere i punti nascita di Castelnovo, Pavullo e Borgotaro.

Vi scrivo per raccontare le due giornate più brutte della mia vita, lo sarebbero state lo stesso, ma con un minimo di decenza nell'ospedalizzazione sarebbero state meno traumatiche.
Purtroppo i disagi creati dalla chiusura del punto nascite a Castelnovo Nè Monti non colpiscono solo chi affronta una gravidanza, ma anche chi, come me, purtroppo la vede svanire all'improvviso.
Alla 13esima settimana a una visita di controllo in consultorio non rilevano battito. Per forza di cose la dottoressa deve chiamare il S.


Maria Nuova di Reggio Emilia per la terapia da eseguire e mi spiega che probabilmente mi faranno anche le analisi per provare a capire il perché sia successo visto che non c'era stato nessun segnale. Mi viene dato appuntamento per il giorno seguente alle 7 e 30. Volendoci 1 ora e 30 (con traffico e meteo nella norma) partiamo alle 5 e 30 e arriviamo puntuali. Dopo aver finalmente trovato il reparto l'infermiera mi chiede i documenti, poi fino alle 9 nessuno mi visita. Mi viene fatta un ecografia, mi viene detto che dovrò essere operata, mi viene fatto firmare il consenso e vengo mandata in camera con l'obbligo di continuare a restare a digiuno senza bere (lo ero dalla mezzanotte precedente) che per i liquidi mi metteranno una flebo. Aspetto nel letto fiduciosa che tornerà qualcuno a spiegarmi in cosa consiste l'intervento, a farmi le dovute analisi e a mettermi la famosa flebo. Nessuno si è fatto vivo fino alle 13 quando l'infermiera mi dice che devo spostarmi in ginecologia perché il reparto day hospital è in chiusura. Passano altre 2 ore di nulla, quando camminando nel corridoio già al limite incontriamo la dottoressa che ci dice che visto che clinicamente non sono urgente mi stanno passando avanti tutti gli altri casi, anche perché sono in 2 dottori ginecologi e un solo anestesista che deve però seguire anche altre sale operatorie. Alle 17 la dottoressa in visita ad altre degenti si scusa e dice che ora loro sarebbero liberi, ma l'anestesista no e che comunque c'è anche un altra ragazza che aspetta. Alle 18, meglio tardi che mai, mi mettono una flebo di liquido. E alle 19 (finalmente) arrivano in tutta fretta per portarmi in sala operatoria facendomi preparare in 1 minuto scarso. Mi sveglio alle 20.50, mi portano in una stanza nel reparto Sala Parto dove mi controllano ogni mezz'ora, e vengo riportata in stanza verso l'1 di notte. Diciotto ore. 18 ore delle quali 12 passate, oltre che con il dolore emotivo, con la preoccupazione dell'operazione e dell'attesa. 18 ore che il mio compagno ha passato preoccupandosi per me senza poter fare nulla. Io non mi sento di incolpare la dottoressa (che era già lì alle 9 del mattino e l'ho intravista appena svegliata dall'operazione mentre mi faceva un sorriso e una carezza) né le infermiere e ostetriche di Ginecologia e Sala Parto che sono state carine (in Day Hospital lasciamo perdere). Ma chiederei a chi ha deciso la chiusura del reparto a Castelnovo (che evidentemente non è solo del punto nascite in sé per sé!) Se per loro questo è il progresso? Se per loro è sicurezza? Se è il bene per noi pazienti? Se è rispetto? Che mi spieghino perché è giusto accentrare tutto su un ospedale se poi non ci sono personale e mezzi per fronteggiarlo nella maniera adeguata? Io non auguro a chi ha deciso per la chiusura di passare quello che abbiamo passato io e il mio compagno perché a differenza loro ho rispetto e decenza (e perché so che le somme verranno tirate da qualcun altro e in altra sede) . Però spero che si soffermino un attimo a leggere, e Sse hanno un briciolo di umanità, capiscano cosa hanno provocato con la loro scelta.

C
hiedo di restare anonima non perché non voglia metterci la faccia, ma perché non sono pronta a condividere il dolore della mia perdita così apertamente



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
La Nera
18 Febbraio 2018 - 22:39- Visite:43362
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:28239
La mappa dei contagi: 11 nuovi casi a Carpi, 14 a Formigine
La Provincia
27 Marzo 2020 - 18:49- Visite:26351
Piena del Panaro: cede un pilone a Ponte Samone di Pavullo
La Provincia
06 Dicembre 2020 - 10:50- Visite:24239
Da asili nido gratis a punti nascita riaperti: le 16 clamorose ..
Politica
28 Gennaio 2020 - 16:35- Visite:20328
La mappa de nuovi contagi: 17 casi a Carpi, 15 a Modena, 7 a Fiorano
La Provincia
19 Marzo 2020 - 18:09- Visite:19704

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Card Seta si smagnetizza: dopo 3 anni..
E intanto SETA Spa tace. Ho inviato mail, compilato il modulo all'interno del sito relativo ..
16 Novembre 2021 - 12:06- Visite:2598
'Hera vince le gara e i rifiuti ..
'Proprio quando vince la gara, in una zona di Modena, si dimentica di raccogliere i rifiuti ..
11 Novembre 2021 - 18:35- Visite:2255
'Green Pass, non voglio essere ..
'Vi ringrazio ancora per la preziosa collaborazione mostrata in questo periodo. Spero ..
09 Novembre 2021 - 12:55- Visite:3785
'Cara prof, la prego: non faccia ..
Lettera aperta di una mamma a una professoressa di una scuola secondaria di primo grado di ..
26 Ottobre 2021 - 09:34- Visite:7127
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51- Visite:48481
‘Caro Burioni, non sono un babbeo: ..
L’ex primario Pronto soccorso Modena: ‘Al contrario di altri colleghi non mi faccio ..
04 Luglio 2021 - 22:13- Visite:44488
Covid, allarme dal pronto soccorso di..
Purtroppo in questo momento non sono i posti in terapia intensiva a scarseggiare, ma quelli ..
29 Ottobre 2020 - 06:04- Visite:41308
'Sperimentazione vaccini finisce nel ..
L'ex primario Pronto soccorso Modena: 'Chi sono quei terrapiattisti che impediscono ..
24 Luglio 2021 - 16:36- Visite:38668