Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

'Cortei per la pace in orario scolastico, da genitore sono turbato'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La reazione di un papà alla comunicazione della scuola media che organizzerà un corteo lungo i viali: 'Mai visto per altre guerre di invasione. Altro che pace e costituzione. Il governo manda armi e usa la scuola per fare passare il messaggio che esistono guerre giuste'


'Cortei per la pace in orario scolastico, da genitore sono turbato'

Gentile Direttore,

Sono rimasto turbato dal fatto che nella scuola di mia figlia sia stata organizzata per venerdi prossimo un corteo con manifestazione “per simboleggiare un abbraccio ideale con il popolo ucraino provato dall’invasione in atto”. In orario scolastico, con gli studenti veicolati direttamente dalle classi alla strada dagli insegnanti.

Ho domandato alla Dirigente Scolastica il come mai si fosse ritenuto di sospendere l’attività didattica per condurre i bambini e ragazzi ad una manifestazione politica.

Mi è stato risposto che non si tratta di una manifestazione politica ma di un momento per “veicolare un messaggio di Pace secondo il dettato costituzionale “ e che “è in linea con quanto sollecitato dal Ministro dell'Istruzione Bianchi” . E che addirittura che è stato deciso che diventasse “parte integrante del Curricolo ed è per questo motivo che si è scelto di farlo durante l'orario scolastico”.
L’oggetto del mio turbamento non è né la questione di merito nel contenzioso geopolitico nell’est Europa, né la ignobile quanto innegabile barbarie in corso in Ucraina in questi ultimi giorni.

Ma che il conflitto in corso sia faccenda di geopolitica, mi sembra francamente innegabile. Che lo stesso stia animando un profondo dibattito politico nel nostro Paese lo è altrettanto. Che il Governo di cui fa parte il Ministro Bianchi abbia – in barba alla Costituzione tanto sbandierata – disposto l’invio di personale e armamenti al confine dell’Ucraina è cosa nota, sebbene il documento che contiene lʼelenco completo di uomini e mezzi militari inviati dallʼItalia in aiuto allʼUcraina sia stato classificato “SEGRETISSIMO”, ovvero il massimo livello di inaccessibilità e secretazione previsto dallo Stato.

È altrettanto dibattuto il fatto che si stia configurando, in Italia e altrove, un sentimento russofobo, censurando artisti, musicisti, addirittura scrittori defunti, squadre sportive e persino competizioni feline.
Che negli ultimi anni ci siano state molte guerre di invasione (tuttora in corso) è altrettanto innegabile. Libia, Iraq, Afghanistan, Siria. In Yemen stanno morendo decine di migliaia di bambini, per armamenti consegnati ai confliggenti da stati alleati dell’Italia, condannati dall’ONU per crimini di guerra. Due giorni dopo l’invasione russa, in Palestina i soldati israeliani hanno sparato una una bambina di 11 anni, coetanea dunque (in una zona dove da 50 anni, in barba a tutte le risoluzioni ONU, bambini vivono la guerra, la segregazione e la deportazione).
Perché solo oggi la Scuola italiana istituzionalizza l’ “abbraccio ideale” con uno solo di questi popoli, inserendolo come parte del programma curricolare?
Mi disgusta la sensazione che il nostro Governo stia utilizzando la Scuola per far passare il messaggio che esistano le guerre buone (quelle proclamate dagli Stati amici) e quelle cattive (quelle condotte dagli Stati geopoliticamente non nostri alleati). 
Non è di certo questo il messaggio di Pace di cui abbiamo bisogno.
Ci sono e ci saranno (per fortuna), diverse manifestazioni di Pace, politicamente distinte tra loro. C’è chi scende in piazza con lo spirito di rivendicazione della primazia dell’occidente (in coerenza con lo spirito crociatistico e colonialistico dei secoli scorsi) chiedendo l’invio di armi per annientare il “nemico” e esportare democrazia. C’è chi chiede che l’Italia non invii armi a nessuno ed anzi esca dalle Alleanze militari. C’è chi si riunisce in preghiera per supplicare il Signore a che le Guerre cessino.

Chi è questa Dirigente Scolastica, e il suo Ministro, per decidere a quale tipo di manifestazione devono partecipare i suoi studenti, ovvero i nostri figli, durante l’orario scolastico? Perché non ha organizzato una manifestazione nel pomeriggio, all’uscita da scuola, chiedendo alle famiglie di condurre volontariamente i propri figli alla manifestazione?

 Theodore Adorno, un grande filosofo, nel 1947 (quando ancora non c’erano i social media!) ha parlato per la prima volta di Industria Culturale, ovvero del come i poteri costituiti sviluppano una fabbrica del consenso al fine di liquidare la funzione critica della cultura, soffocandone la capacità di elevare la protesta contro le condizioni dell'esistente. Quello che oggi chiamiamo pensiero unico. Sarebbe interessante che nelle Scuole italiane se ne parli...

La Scuola pubblica dovrebbe essere il luogo dove si culla l’intelligenza, dove si sviluppa la cultura come strumento di difesa e progresso, dove si incuba il pensiero critico. Non il luogo asservito alla propaganda del governante di turno (forse per “preparare” l’opinione pubblica alla partecipazione italiana alla ennesima “guerra giusta”?).

Mi dispiace davvero di non poter scegliere a quale tipo di manifestazione condurre mia figlia. E sono realmente disperato dal constatare che la Scuola abdichi al ruolo di insegnare ai bambini e ragazzi a sviluppare risorse cognitive ed emotive per riconoscere chi parla di Pace inviando armi letali, usando parole incendiarie, demonizzando il “nemico” e voltandosi dall’altra parte se chi bombarda e aggredisce è l’alleato'

Devrim Di Finizio, Modena

Foto: archivio



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, controllo Pacemaker: ..
Quest'anno scopro che bisogna andare a casa senza l'appuntamento e telefonare al numero ..
29 Luglio 2022 - 09:59
La famiglia di mia moglie vive a ..
Questo fallimento di strategia, sul quale si continua a insistere, nasce da un concetto ..
30 Giugno 2022 - 12:38
Cognento, quella fontana è rotta da ..
Ultima segnalazione di maggio 2022 nella quale chiedevo una risposta è stata annullata dal ..
10 Giugno 2022 - 00:55
Figli esclusi dallo sport per la ..
Chi ha aderito con convinzione a norme che hanno calpestato diritto e Costituzione, ha agito..
04 Giugno 2022 - 15:37
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51