Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

'Costo dirigenti, la Provincia non è uno scatolone vuoto'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Intervento del dirigente Alessandro Manni dopo il nostro articolo sui costi della macchina dirigenziale di viale Martiri


'Costo dirigenti, la Provincia non è uno scatolone vuoto'

Gentile redazione,

prendo atto del vostro articolo “La Provincia è senza soldi, ma ai dirigenti stipendi e premi per 772.000 euro” dello scorso 21 giugno, e non ne contesto i numeri. Mi permetto però di osservare che alcune affermazioni paiono opinabili.

Fra le competenze istituzionalmente rimaste alla Provincia di Modena, ci oltre infatti oltre 1.000 km di strade (con 183 ponti) e 45 plessi scolastici che fanno riferimento a 36 istituti scolastici d’ordine secondario (Licei, Istituti tecnici, etc.), la cui gestione comporta evidenti responsabilità non solo civili, ma anche penali.

Se questo è ciò che contiene uno scatolone vuoto e doverlo gestire in pressochè totale assenza di risorse è lavorare in un’isola felice, allora le vostre affermazioni sono corrette e mi scuso per il tempo che le ho fatto perdere.



Se invece, come non dubito, anche voi pensate che una corretta informazione si fondi su dati e non su opinioni, allora aspetto di leggere una sua rettifica all’articolo di ieri.  

Saluto cordialmente.

Alessandro Manni - direttore area lavori pubblici Provincia di Modena

-----

Gentile dr. Manni, la ringaziamo per il suo intervento e le sue precisazioni che volentieri abbiamo pubblicato integralmente e che consentono di sottolineare ciò che non è mai stato messo in discussione: la professionalità dei dirigenti della Provincia, che insieme alla loro disponibilità, abbiamo avuto in più occasioni, anche recentemente, di misurare ed apprezzare, nel corso della nostra attività giornalistica. Nel merito, basterebbe, come lei ha fatto, ricordare le funzioni e le importanti deleghe istituzionali lasciate alle Province dalla 'riforma abortita'. e da lei stesso citate (lavori pubblici, rete viaria provinciale e manutenzione degli istituti scolastici superiori) per giustificare il finanziamento di interi settori e, ovviamente, gli stipendi dei dirigenti che, per legge, devono guidarli.



Siamo consapevoli di quanto sia difficile operare e continuare a svolgere non solo le funzioni operative ma anche e soprattutto di programmazione (che come tecnici dirigenti vi spettano), senza un bilancio (che non è possibile redigere ed approvare perché lo Stato non garantisce le risorse necessarie), che è la base di qualsiasi tipo di programmazione amministrativa e politica. Di quanto sia difficile (e paradossalmente anche anti-economico), operare in cosiddetti dodicesimi soprattutto quando si parla di investimenti in settori come strade e scuole.

Ed operare comunque in uno scatolone che se non è ancora vuoto di funzioni, lo è nell'anima amministrativa e politica, che sembra sopravvivere a sé stesso (ricordo bene che cosa era la Provincia nelle sue stanze, nei suoi settori dieci o quindici anni fa e vedo oggi come è), orfano di una politica che dopo avere tentato invano di abortirlo, lo ha mantenuto in vita senza garantirgli gli alimenti, scaricando agli amministratori locali e sulla prefessionalità dei tecnici la responsabilità di farlo vivere in un limbo istituzionale che non ha ragione di essere.

Questo è fastidioso, non certo lo stipendio (che al lordo delle ritenute sembra ancora più alto), a professionisti che semmai, come dimostrano i fatti, possono rappresentare la soluzione, e non certo il problema.

Gianni Galeotti



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, la teorica mobilità ..
Inviterei gli assessori, i geometri, gli ingegneri, i tecnici comunali che si occupano di ..
24 Novembre 2022 - 21:47
'Campagna vaccinale, così la scienza..
Giovanardi: 'Nessuna riposta dalle istituzioni sanitarie modenesi sulla richiesta di ..
22 Novembre 2022 - 22:31
Green pass, io non so se potrò mai ..
Non credo ci sia nulla che possa risarcire tutto quello che hanno subito le persone che non ..
02 Novembre 2022 - 17:01
Vaccini, ecco perchè condivido in ..
Nella mia vita ho visto diverse epidemie, allora non si usava il termine pandemia perché ..
27 Ottobre 2022 - 22:03
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51