La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

'Covid Modena, lasciati dall'Ausl nel limbo: una quarantena infinita'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Il numero 0593963663 non si è mai trovato nè libero, nè con possibilità di rimanere in attesa. E' una vergogna'


'Covid Modena, lasciati dall'Ausl nel limbo: una quarantena infinita'
Continuano a giungere in redazione segnalazioni di cittadini lasciati in un limbo indefinito della quarantena. Senza possibilità di contattare il numero dedicato Ausl e senza nessuna informazione. Oggi pubblichiamo due lettere tra le tante che ci sono pervenute.

Se si ha la sventura di capitare in una famiglia con un positivo (come nel mio caso), si finisce in quarantena obbligatoria. O meglio, ci si finisce solo grazie alla propria correttezza e onestà perché sta al singolo cittadino autodichiararsi convivente o a contatto col positivo, dato che al positivo arriva una mail da compilare in cui semplicemente indicare questi contatti.
Quindi, volendo, è possibile omettere e nessuno obbliga a fare la quarantena. Una quarantena che dura ben più di 14 giorni! Tra tampone, attesa dell'esito, ricezione mail della Asl con indicazione di obbligo di quarantena che calcola i 14 giorni dalla ricezione esito e non dal giorno in cui si è fatto il tampone, la mia famiglia è già arrivata a 3 settimane e dobbiamo attendere in teoria una seconda mail di via libera.
Domani sono quindi 3 settimane che siamo in quarantena e ancora non abbiamo ricevuto questa mail. Ora, per un dipendente poco male, ma per un autonomo (come mio marito) è lavoro perso. Ed è tanto lavoro perso! Il numero verde Asl non solo non risponde, ma non dà neppure la possibilità di stare in attesa a causa delle eccessive code. Quindi è come non averlo. Alla fine diventa quasi davvero una quarantena di 40 giorni. Se uno stesse male è più comprensibile, ma se si sta bene - come fortunatamente nel nostro caso - perdere 40 giorni di fatturato è insostenibile.
Una mamma di Bastiglia


Il sistema di tracciamento dei contagi è inefficiente e si riflette in uno spreco di risorse pubbliche enorme.
Ho eseguito un tampone presso il drive-through di via Pertini 118 di Vignola il 29 ottobre 2020 alle 11 e ho ricevuto comunicazione formale di isolamento domiciliare obbligatorio in data 10 novembre 2020 dall'Asl.
I sintomi sono tutti scomparsi già da giorni. Mi sono autoreclusa già dal 28 ottobre. Alla data odierna nessun'altra informazione, né contatto per appuntamento per secondo tampone, niente!
Il numero 0593963663 non si è mai trovato nè libero, nè con possibilità di rimanere in attesa per il raggiungimento del numero massimo di telefonate in attesa. E' una situazione vergognosa!
Questa falla nel tracciamento lascia alla responsabilità individuale il compito di isolarsi e comunicare la propria positività ai contatti a rischio, senza alcun intervento effettivo da parte delle istituzioni. Tutto ciò ha delle conseguenze gravissime sul sistema sanitario, sulla diffusione della pandemia e sulla salute dei cittadini. Non è possibile dichiarare che il sistema dei tracciamenti ha dei numeri non più sostenibili, se i tracciamenti non vengono effettuati correttamente.
l numero di persone dedicate al contact tracing da parte dell’Asl è 'evidentemente insufficiente' e questo contribuisce ad alimentare il 'ritardo di settimane tra il riscontro di positività al tampone e il contatto telefonico'.
Mi risulta che l’inefficienza del sistema di identificazione e tracciamento da parte dell’ Asl pubblica porta ad un incremento esponenziale dell’utilizzo dei servizi di screening privati (tamponi ed esami ematici sierologici) che colmano la mancanza di accessibilità ai servizi pubblici. Io per prima con il senno di poi, l’avrei utilizzata sperando in tempi più ragionevoli della sanità pubblica che ci impiega 9 giorni a darmi il risultato del primo tampone. Purtroppo successivamente al primo tampone l’ho chiesto, ma non mi hanno permesso di andare a fare un tampone a pagamento. Posso uscire solo con appuntamento dell’Asl, che non è mai arrivato.
I fondi per la gestione dell’emergenza dovrebbero essere equamente suddivisi tra: il potenziamento dei sistemi di cura (ampliamento dei posti nelle terapie intensive e ottimizzazione delle misure a sostegno degli ospedali pubblici e del personale sanitario) e i sistemi di prevenzione. Non è ammissibile che passato quasi un anno dall’inizio dell’epidemia e dallo stato di emergenza imposto dal primo picco pandemico, non esista un sistema pubblico accessibile e rapido di prenotazione dei test di screening per la popolazione.
Inoltre l’impressione è che gli sforzi e gli investimenti riservati alla cura dei malati, non siano equamente bilanciati. Personalità importanti vengono ricoverati, intervistati… a noi comuni mortali neanche rispondono al telefono. Poi io sono stata fortunata, non ho avuto sintomi gravi, ma sono certa che in caso contrario, non avrei visto neanche l’ombra di un sanitario! Come nessuno di “ufficiale“ si è proposto di aiutarmi con i beni di prima necessità, bensì mi hanno telefonato all’ufficialità del mio stato di positività il 10 novembre 2020, affinchè attivassi un sistema di volontari di Hera (anche questo numero irraggiungibile…) affinchè consegnassi loro la mia spazzatura in duplici sacchi e tramite guanti che non possiedo, non ho il cibo, ma secondo loro sicuramente ho la scorta di appositi sacchi per l’immondizia e relativi guanti.
Comunque a tutt’oggi sono ancora in isolamento volontario e non so quando potrò rientrare al lavoro.
Barbara Longagnani - Guiglia

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:148457
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:127812
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:104508
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:58602
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:57958
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:47753
Societa' - Articoli Recenti
Stalking condominiale: uomo ..
La sentenza del tribunale di Modena nei confronti di un 60enne di Vignola accusato di ..
28 Novembre 2020 - 09:20- Visite:150
Influenza: In Emilia-Romagna ancora ..
La conferma dell'Assessore regionale Donini che cita la stima fatta dai medici di famiglia ..
28 Novembre 2020 - 09:05- Visite:175
Covid a Modena, 11 morti in un ..
Le persone ricoverate sono 39, una in terapia intensiva. Solo a Modena città 143 contagi
27 Novembre 2020 - 18:40- Visite:3278
Covid: 2165 casi in Emilia Romagna, ..
La situazione dei contagi nelle province vede Modena con (538) nuovi casi, quella di ..
27 Novembre 2020 - 17:38- Visite:3213


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:127812
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:76158
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:69742
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:58602