Acof onoranze funebri
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
notiziarioLettere al Direttore

Raccolta differenziata, ma come si ottengono i numeri di cui Hera si vanta?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Spesso i mezzi raccolgono materiali aperti e sacchi diversi oltre a sacchi chiusi


Raccolta differenziata, ma come si ottengono i numeri di cui Hera si vanta?
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Gentile redazione, apprendiamo in questi giorni che la percentuale di raccolta differenziata nel comune di Modena è aumentata grazie al porta a porta per la carta e per la plastica. Ne siamo soddisfatti,  anche se lo strumento visto da fuori sembra poco efficace ed efficiente, evidentemente non è così. Dobbiamo abituarci forse a vedere le strade piene in qualunque momento di sacchetti di ogni genere e colore, forse non sarà sempre così e se anche lo fosse il risultato comunque vale il sacrificio. Mi permetto tuttavia alcune riflessioni. 

Io ho sempre fatto la raccolta differerenziata, anche prima del porta a porta. Ora cambia per me la tempistica, e per tanti altri nel quartiere che vedevo fare come me.

Prima, conferivo alle isole ecologiche sulla strada i rifiuti di plastica, carta e vetro ogni 2 o 3 giorni, così come buttavo  il biologico ogni giorno o due e conferivo piccoli sacchetti indifferenziati con mozziconi di sigaretta, fazzoletti, salvsalip ed assorbenti o carte alimentari di pesce e carne non appena prodotto il rifiuto. Ora, se nulla cambia per vetro e organico,  devo attendere i giorni dei calendari di raccolta per carta e plastica,  e devo abituarmi a non buttare indifferenziato spesso perché presto, ogni volta che userò la carta smeraldo, mi saranno fatturati 30 litri. Allora altro che 280 euro di tari, chissà quanto andrei a pagare. E che volume di rifiuti da differenziare e non, che odori, tutto a mio carico a casa mia.
Per non parlare delle strade, in cui si vede di tutto, sempre con gli stessi odori di prima, cosa che non dipende certo da Hera, ma dalla inciviltà degli abitanti,  siamo d' accordo.

Però il sistema è complesso. Ci sono anziani, stranieri, usobforesteria e studenti, affittuari che pagano a forfait ai proprietari le spese aggiuntive, attività commerciali di vicinato, condomini e villette, viali e strade chiuse, e si fa di ogni erba un fascio. Si mandano spazzini di quartiere a pulire spot e si ignorano le segnalazioni puntuali.
In più, mi è capitato lavorando da casa, di vedere come avviene la raccolta in vie piccole come la mia, dove non passano due macchine insieme.

Arriva un piccolo mezzo semiaperto  con pressa in cui un operatore che cammina per la via butta i sacchi a mano. Il materiale viene compresso, ma soprattutto quando sono sacchi di plastica enormi, si aprono e tutto vola fuori. Con tanti sacchi  non riesce nemmeno a finire la via e lascia lì, forse torna dopo aver scaricato chissà dove. E a volte raccoglie materiali aperti e sacchi diversi oltre a sacchi chiusi, quindi come si fanno poi i controlli sulle utenze e come si raggiungono gli obiettivi numerici di cui sopra? Non sembra coerente e plausibile. 
Alla fine rimane a terra qualcosa, magari perché la gente mette fuori plastica il giorno dela carta e viceversa. O li mette dopo il passaggio e restano lì,  quello lo spazzino di quartiere non lo guarda anche se segnali più volte.
E rimane la sensazione che tocchi sempre a noi abbozzare, almeno per chi credeva di far bene e forse ancora crede di fare bene, che non si sognerebbe mai di lasciare cose a terra o di mettere indifferenziato tra gli sfalci o il vetro, e che se ha ingombranti va in stazione ecologica. 
E che le persone che non facevano bene prima non lo facciano nemmeno ora, senza che poi ci siano controlli efficaci e qualcosa cambi.
Ma i numeri mi danno torto, certamente sbaglio.
SM


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Mivebo
Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Ecco perchè il centrodestra modenese..
Da Cavicchioli la scelta di una persona dalla carriera encomiabile, che non vuole ..
15 Febbraio 2024 - 21:19
L'ex rettore: 'Ecco perchè il mio ..
La lettera dell'ex rettore e candidato sindaco per il centrodestra nel 2009 Gian Carlo ..
15 Febbraio 2024 - 17:55
Ausl Modena, dopo odissea di mesi ..
Dopo aver speso oltre 600 euro fra visite dal fisiatra, infiltrazioni e terapie, prestazioni..
12 Febbraio 2024 - 15:20
'Non si getti alle ortiche il ..
Richiesta di due lettori all'Arcivescovo di Modena.Nonantola: 'Per il bene del popolo ..
11 Febbraio 2024 - 23:15
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
'Sperimentazione vaccini finisce nel ..
L'ex primario Pronto soccorso Modena: 'Chi sono quei terrapiattisti che impediscono ..
24 Luglio 2021 - 16:36