Modena, autisti soccorritori a partita Iva: una deregolamentazione selvaggia
CISL Emilia Centrale
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
notiziarioLettere al Direttore

Modena, autisti soccorritori a partita Iva: una deregolamentazione selvaggia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ci sono autisti a partita Iva che per far quadrare i conti svolgono fino a 250-300 ore al mese contro le 150 di un assunto con regolare contratto. E nessuno vigila


Modena, autisti soccorritori a partita Iva: una deregolamentazione selvaggia
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sono un dipendente Anpas, assunto come autista soccorritore in una pubblica assistenza in provincia di Modena. Scrivo questa lettera per fare emergere un fatto a mio avviso grave, perché amo il mio lavoro e ne capisco l'importanza per la popolazione.
A Modena ormai da alcuni anni stanno girando per il territorio autisti di ambulanze a partita Iva che collaborano con le pubbliche assistenze senza alcuna tutela né regolamentazione. Parliamo di autisti che lavorano a una tariffa pari a 13 euro di giorno e 16 euro di notte, senza alcun obbligo contrattuale, senza vincoli orari per i turni (un assunto invece non può fare più di 38 ore la settimana e tra un turno e l'altro devono passare almeno 11 ore) e senza assicurazione. Paradossalmente, un cittadino che necessita di un servizio di soccorso può ritrovarsi ad essere accompagnato in ospedale da un autista che ha svolto anche tre turni di fila.

Ci sono autisti a partita Iva che per far quadrare i conti svolgono fino a 250-300 ore al mese contro le 150 di un assunto con regolare contratto.

Svolgono principalmente il servizio 118 in appalto con l'Ausl di Modena, quindi soldi pubblici che invece che essere usati dalle pubbliche assistenze per assumere con contratti nazionali vengono usati per assumere con formule contrattuali non idonee. Un 'arruolamento' talmente esplicito da essere pubblicizzato da alcune associazioni di volontariato in modo palese con locandine ad hoc (foto sopra).
La carenza di volontari spinge le pubbliche assistenze ad assumere, ma con la scorciatoia rappresentata da questa formula, in accordo con il coordinamento provinciale.
Faccio notare che quest'anno vi è stato anche un incremento dei soldi pubblici erogati da parte dell'Ausl, in accordo con le pubbliche assistenze, per assumere nuovi contratti collettivi nazionali.

Purtroppo invece, attraverso il meccanismo delle partite Iva, accade diversamente, senza alcun controllo da parte del pubblico.
Autista soccorritore Modena

 

Nota di redazione
Rispetto alla fotografia associata alla lettera la redazione specifica quanto segue ed oggetto di specifico chiarimento (qui l'articolo)
L'associazione volontariato pubblica assistenza fioranese non è in alcun modo collegata al malcostume denunciato dalla lettera. La denuncia riguarda la presenza sul territorio di autisti di ambulanze a partita Iva che collaborano con le pubbliche assistenze senza tutele e regolamentazioni. Nell'articolo abbiamo pubblicato la foto di un annuncio di ricerca di autisti soccorritori da parte di detta associazione. Gli autisti che operano il loro servizio per l'associazione volontariato pubblica assistenza fioranese, indipendentemente siano a Partita Iva o meno, operano nel rispetto delle regole e con le dovute tutele del caso. La denuncia sollevata non riguarda quindi in alcun modo la specifica associazione e l'autore della lettera non è un volontario di questa associazione. Ci scusiamo con i lettori e con i diretti interessati per il collegamento fotografico.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

CISL Emilia Centrale

Mivebo
Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Autisti soccorritori a partita Iva: la Pubblica assistenza fioranese è del tutto estranea
La denuncia sollevata non riguardava la specifica associazione e l'autore della lettera non ..
11 Luglio 2024 - 16:27
Bene svolta di Mezzetti, felice sia archiviata l'esperienza Muzzarelli
Ad oggi sono soddisfatto delle scelte di Mezzetti. Ha nominato assessori competenti del ramo..
04 Luglio 2024 - 18:10
'Modena, microarea di Via Django sovraffollata: qui vivono 50 persone'
Si aggiunge l’aggravante che non è possibile rispettare alcuna norma sulla sicurezza: non..
04 Luglio 2024 - 12:35
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno chiederà conto di tutto questo
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi è vietato vivere la giovinezza
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna esenzione e il medico mi ha cacciato
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
'Sperimentazione vaccini finisce nel 2023: scelgo di curarmi e curare'
L'ex primario Pronto soccorso Modena: 'Chi sono quei terrapiattisti che impediscono ..
24 Luglio 2021 - 16:36