Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Pubblicitari
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
notiziarioLettere al Direttore

Treni troppo lunghi per la metro a Napoli: le dimensioni dello Shuttle

Data: / Categoria: Lettere al Direttore
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

L'esempio dei solchi che le ruote dei carri romani hanno lasciato nella strada romana emersa nel Novi Sad a Modena


Treni troppo lunghi per la metro a Napoli: le dimensioni dello Shuttle
 
Linea 6 della Metropolitana di superficie a Napoli, ferma da anni, arrivano i nuovi treni ma riescono a passare, ad essere calati sulle rotaie perché sono sovradimensionati: 39 metri. Che si fa? Si rimettono in circolazione i vecchi treni di 30 anni fa, lunghi solo 25 metri e i nuovi treni andranno ad arrugginire chissà dove. Eppure siamo nel terzo millenio, siamo da tempo andati sulla luna, ci stiamo preparando per andare su Marte, lo Space Shuttle verrà usato per vacanze spaziali per Vip. Come si fa a fare simili grossolani errori? Bisogna conoscere la Storia, per poter progettare strutture meccaniche ed elettroniche complesse come i treni super veloci e lo stesso Shuttle: questa storia ve ne spiegherà il nesso... avete presente la strada romana emersa nel Novi Sad a Modena, osservate i solchi che le ruote dei carri romani vi hanno tracciato nel corso dei secoli...

Quando si vede uno Space Shuttle sulla rampa di lancio, si notano i due booster attaccati al serbatoio principale; questi due propulsori sono due razzi a combustibile solido o SRB. Gli SRB sono stati costruiti dalla Thiokol nei propri stabilimenti situati in Utah. Gli ingegneri che li hanno progettati avrebbero voluto farli un po' più grossi, ma gli SRB dovevano essere trasportati in treno dalla fabbrica alla rampa di lancio.

Visto che la linea ferroviaria che collega lo Utah alla base di lancio attraversa nel suo percorso alcune gallerie, i razzi dovevano essere costruiti in modo da passarci dentro. I tunnel ferroviari sono poco più larghi di una carrozza ferroviaria, la cui larghezza è a sua volta dettata dallo scartamento dei binari (distanza tra le due rotaie). Lo scartamento standard degli Stati Uniti è di 4 piedi e 8,5 pollici. (E' la stessa misura europea solo che noi la esprimiamo in millimetri).

A prima vista questa misura sembra alquanto strana. Perchè è stata scelta? Perchè questa era la misura utilizzata in Inghilterra, e perchè le ferrovie americane sono state costruite da progettisti inglesi.

Ma perchè gli Inglesi le costruivano in questo modo? Perchè le prime ferrovie furono costruite dalle stesse persone che, prima dell'avvento delle strade ferrate, costruivano le linee tranviarie usando lo stesso scartamento.

Ma perchè i costruttori inglesi usavano questo scartamento? Perchè quelli che costruivano le carrozze dei tram utilizzavano gli stessi componenti e gli stessi strumenti che venivano usati dai costruttori di carrozze stradali, e quindi gli assi avevano la stessa larghezza e lo stesso scartamento.

Bene! Ma allora perchè le carrozze utilizzavano questa curiosa misura per la larghezza dell'asse?

Perchè, se avessero usato un'altra distanza, le ruote delle carrozze si sarebbero spezzate percorrendo alcune vecchie e consunte strade inglesi, in quanto questa era la misura dei solchi scavati dalle ruote sul fondo stradale.

Ma chi aveva provocato questi solchi sulle vecchie strade dell'Inghilterra?

Le prime strade di collegamento costruite in Europa (e Inghilterra) furono quelle costruite dall'Impero Romano per le proprie legioni. Prima di allora non vi erano strade che percorrevano lunghe distanze. E i solchi sulle strade?

I carri da guerra romani produssero i primi solchi sulle strade, solchi a cui poi tutti gli altri veicoli dovettero adeguarsi per evitare di rompere le ruote. Essendo i carri da guerra costruiti tutti per conto dell'esercito dell'Impero Romano, essi avevano tutti la stessa distanza tra le ruote.

In conclusione, lo scartamento standard di 4 piedi e 8,5 pollici deriva dalle specifiche originarie dei carri da guerra dell'Impero Romano ed è la misura necessaria a contenere i sederi di due cavalli da guerra.

MORALE

1.la prossima volta che ti capitano in mano delle specifiche tecniche e ti stupisci per il fatto che le misure sembrano stabilite a caso, magari stai facendo proprio la giusta congettura;

2.la misura standard utilizzata nel più avanzato mezzo di trasporto progettato in questo secolo (i booster dello Shuttle) è stata determinata oltre due millenni or sono prendendo a modello due culi di cavallo!

Massimo Guerrini



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:116092
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:30435
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:26205
E dopo il Modena calcio toccherà al Modena volley finire nella ..
Sport
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:22804
Edicola La Rotonda, l'appello del titolare: 'Così non ce la faccio'
Pressa Tube
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:17687
Soffiatori a motore e foglie cadenti: si moltiplica l'inquinamento
Lettere al Direttore
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:15446
Lettere al Direttore - Articoli Recenti
'Allungo le fronde ma vedo poco, a ..
La lettera di Albero 42, un lettore affezionato de La Pressa: 'Vogliono ..
24 Maggio 2018 - 13:08- Visite:536
Contratto del cambiamento? Questo è un ..
Uno strano modo di cercare il 'compromesso', certamente più facile nel ..
18 Maggio 2018 - 23:31- Visite:308
'RelArte è una associazione libera, ..
Anna Beatrice Borrelli risponde alla lettera di una nostra lettrice
09 Maggio 2018 - 13:31- Visite:319


Lettere al Direttore - Articoli più letti


Soffiatori a motore e foglie cadenti: si..
Basti pensare che ogni soffione a motore sposta, in un ora di servizio, un..
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:15446
Evasione fiscale.......una gara a chi ..
11 Ottobre 2017 - 22:03- Visite:12489
Bimbo non accettato al corso di ..
'Ci sono bimbi che saranno futuri ragazzi che vengono emarginati dalle ..
28 Ottobre 2017 - 00:40- Visite:11322

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa