LaPressa.it - La Provincia - Appennino, altro che ospedale: se queste sono strade...
La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliParola d'Autore

Appennino, altro che ospedale: se queste sono strade...

Data: / Categoria: Parola d'Autore
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Oggi è bastata una normale nevicata per collassare tutta la viabilità della montagna


Appennino, altro che ospedale: se queste sono strade...

Il tema di come mantenere le persone a vivere nelle località di montagna è molto delicato, ma una cosa è certa: se ci sono lavoro e servizi la gente resta instaurando un circolo virtuoso, se mancano, la gente se ne va instaurando un circolo vizioso. E allora riflettiamo su quanto è accaduto oggi.

E’ bastata una normale nevicata per collassare tutta la viabilità della montagna; e allora qualche riflessione occorre farla. Il problema del nostro Appennino non è solo quello (straordinariamente importante) dell’ospedale.

Tra i tanti, c’è quello della viabilità; ma come è possibile che per arrivare a Pievepelago si impieghi tanto tempo quanto per attivare a Trento? Come è possibile che la Nuova Estense non si sia mai riusciti a farla arrivare a Pavullo? Come è possibile che si costruiscano ceramiche in montagna (che danno tante possibilità di lavoro) e non ci sia una strada adeguata al transito dei camion? Come è possibile che non ci sia una tangenziale di Pavullo?

Come è possibile che ci sia un ponte (Strettara) con galleria senza le strade di collegamento? Come è possibile che i Carrai, poche centinaia di metri, costituiscano un così grave ostacolo alla comunicazione? Come è possibile che due fiocchi in novembre (evento quanto mai ordinario, almeno nel passato) blocchino tutto l’Appennino?

Come è possibile che anche l’Anas sia impreparata di fronte ad un evento ampliamente previsto?

Qualcuno sa rispondere? Ma se le risposte non saranno adeguate, non si dica che c’è una politica a sostegno dell’Appennino. Il resto sono chiacchiere...

Franco Fondriest



Franco Fondriest
Franco Fondriest

Sono di origine trentine, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita a Modena. Mi sono laureato in pedagogia ed ho svolto la mia attività lavorativa prevalentemente nella mia ..   Continua >>


Profilo Facebook di Franco Fondriest 


Articoli Correlati


'Neonato morto: col punto nascite di Pavullo aperto, rischio ridotto'
La Provincia
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:12815
Punti nascite chiusi, a Castelnovo Monti il sindaco Bini alza le mani
Oltre Modena
03 Novembre 2017 - 16:51- Visite:12041
Da Pavullo a Sassuolo per distacco di placenta, muore il neonato
La Nera
29 Ottobre 2017 - 19:11- Visite:11807
'Dramma neonato morto e chiusura Pavullo: malafede, ignavia, ..
Editoriali
31 Ottobre 2017 - 06:59- Visite:11355
Neonato morto, Sergio Venturi spiega i trentanove minuti che hanno ..
La Nera
31 Ottobre 2017 - 11:50- Visite:10988
Punto nascite di Pavullo, la marcia riprende
Politica
02 Novembre 2017 - 00:55- Visite:10962
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Legge urbanistica regionale, piovono le ..
Convegno con architetti, pianificatori, paesaggisti sulla legge urbanistica..
15 Novembre 2017 - 21:16- Visite:487
Poggi, Bortolamasi, Fava e i Comitati: ..
Le persone hanno capito le intenzioni di quel Comitato in maniera più ..
13 Novembre 2017 - 08:58- Visite:403

Feed RSS La Pressa

Parola d'Autore - Articoli più letti


'Neonato morto: col punto nascite di ..
Parla il ginecologo Locatelli (Forza Italia): 'La paziente con distacco di ..
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:12815
Pomodori, bici e molto altro
'Non dobbiamo avere dubbi sul fatto che un gruppo di persone impegnate ..
03 Novembre 2017 - 17:09- Visite:11666
'Caro Vezzelli, i dolori del sindaco ..
'Ma ricordo dalla Maletti lo scempio del mettere in piazza la litigiosità ..
02 Novembre 2017 - 22:17- Visite:10858

Contattaci

Contattaci

Contattaci

Contattaci