La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
notiziarioSport

Dossier Piscine: per Dogali contributo pubblico (esclusivo) da 200mila euro. E biglietti più cari

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Csi che gestisce le Pergolesi viceversa deve sborsare 85.000 euro all’anno come canone d’affitto, anche se poi di fatto è in clamoroso ritardo. Ad Amici del Nuoto nessun contributo e i biglietti costano meno


Dossier Piscine: per Dogali contributo pubblico (esclusivo) da 200mila euro. E biglietti più cari

Se non puoi ribattere, ignora. Questa sembra essere la tattica adottata dall’attuale amministrazione comunale quando l’argomento che scotta si chiama 'piscina'. Belli i tempi passati quando l’ex assessore Antonino Marino alla parola “piscina” compariva per pianificare spazi acqua in ogni angolo della città. Se quelli del Pd, il suo partito, lo avessero lasciato lavorare, sarebbe riuscito nell’impresa di fare girare i turisti in gondola per le vie del centro città. Ma con le amministrative alle porte un certo silenzio potrebbe rivelarsi un boomerang pericoloso: non c’è sondaggio che tenga, perché una notizia può rimbalzare in pochi secondi a una marea di persone e cambiare domani la fisionomia di quanto sembrava scontato oggi.

Intanto, dopo esserci soffermati sul caso Corassori, accendiamo i fari su Dogali Ssd, che gestisce l'impianto Dogali e che è in realtà una Srl. E in effetti il nome Società Sportiva Dilettantistica Dogali Srl potrebbe creare un pò di confusione tra la natura dilettantistica della società sportiva e la responsabilità limitata che prevede una attività commerciale con scopo di lucro. 

IL BILANCIO 2017

Come noto Dogali Ssd/Srl gestisce le piscine comunali della Dogali, impianto diretto da Silvia della Casa, ed è l’unica società nuoto in città che beneficia di un contributo annuale da parte dell’amministrazione comunale, confermato proprio dall'ex assessore Marino, di 182.000 euro. Contributo di cui nessuno, tra l’amministrazione comunale e la società di gestione, si è mai preoccupato di spiegare la natura e le ragioni ai cittadini modenesi.
Ebbene, leggendo il bilancio 2017, chiuso in sostanziale pareggio (1.174 euro di utile a fronte di 1.396.000 euro da ricavi e vedite dalle prestazioni e costi totali da 1 milione e 600mila euro), scopriamo che il contributo in conto di esercizio è in realtà maggiore, arriva alla cifra di 228.000 euro, quindi ben 46.000 euro in più.



E il bilancio, che lo sottolineiamo è pubblico, alla voce “crediti esigibili” rimpalla anno dopo anno (già dall’anno 2013, periodo durante il quale fallì la Modena Nuoto) la cifra di oltre 300.000 euro all’anno non specificati nel dettaglio. Ma davvero a questo punto tali crediti sono esigibili?



Allora proviamo a guardare tra le righe ricordando che Modena Nuoto, società fallita con danno erariale di alcune centinaia di migliaia di euro perché mai rifondate dalle società che ne hanno rilevate le quote (tra queste Sea Sub e Uisp), per gli allenamenti delle squadre di nuoto e pallanuoto iscritte nelle competizioni agonistiche con quel nome, utilizzava ore ed ore di spazi acqua, gli stessi per cui le società che chiedono di farne uso devono compilare una apposita domanda agli uffici sport del Comune di Modena con cui fare richiesta di assegnazione di spazi negli impianti sportivi comunali. Per dare qualche numero: le tariffe aggiornate al 12 giugno 2018 con cui sono stati assegnate le corsie della vasca olimpica Dogali, la stessa dove si allenava la Modena Nuoto, prevedono un costo/ora di 24 euro per corsia, e di 192 euro per tutta la vasca. Cifra che cala a 144 euro all’ora quando la stessa vasca olimpica non è coperta dal pallone. Pur immaginando che le tariffe per la Modena Nuoto fossero sensibilmente più basse, se si calcola il monte ore di utilizzo al giorno, lo si moltiplica per i giorni della settimana e per i mesi dell’anno, si intuisce che la cifra finale da pagare al gestore Dogali SSD/Srl ammontava a qualche decina di migliaia di euro all’anno. Cifre che se Modena Nuoto non ha versato al gestore prima del fallimento difficilmente potrà farlo in futuro.

Onde evitare interpretazioni strumentali sarebbe dunque opportuno che il presidente della Dogali Ssd/Srl faccesse luce sui misteriosi debitori e garantisca la città di Modena che quel credito sia realmente esigibile.

Ma la cosa più interessante è la cifra che compare nel bilancio “ermetico” alla voce “ricavi, vendite e prestazioni”, cifra che, come detto, ammonta a 1.396.344 euro, ovvero un esercizio che a chiusura di bilancio, nonostante le generose elargizioni delle casse comunali, vede navigare la Dogali Ssd/Srl tra il segno meno e un affaticato pareggio. Viene così spontaneo chiedersi a proposito di questa gestione, che lo ricordiamo ha responsabilità limitata e quindi scopo di lucro nell’utilizzare un bene della comunità, cosa succederebbe se non godesse di 228.000 euro di contributo all’anno e se la voce di crediti esigibile per l’ammontare di oltre 300.000 euro dovesse figurare “non esigibile”.

IL COSTO DEL BIGLIETTO

Ma la perla che la gestione di Dogali Ssd/Srl riserva ai cittadini modenesi riguarda i costi del biglietto per poter usufruire dell’impianto comunale, cifra che dovrebbe in teoria essere calmierata dall’amministrazione comunale che contribuisce con tanta generosità alla gestione.

Negli spazi del nuoto libero che la Dogali Ssd/Srl offre al cittadino modenese che paga le tasse, per buttarsi in acqua bisogna sborsare 7 euro ad ingresso oppure 62 euro per l’abbonamento da 10 ingressi o 150 euro per quello da 30 ingressi, che sono le stesse cifre richieste a chi usufruisce del medesimo servizio nelle piscine comunali della Pergolesi, con la differenza che il Csi che le gestisce deve sborsare 85.000 euro all’anno come canone d’affitto a fronte dei 182.000 euro che invece Dogali Ssd/Srl riceve in forma di contributo annuale di gestione. Che poi il Csi non abbia mai versato nelle casse comunali i canoni annuali pattuiti, potrebbe essere letta come legge della compensazione... Nessuno è fesso direbbero i napoletani.

Ma a Modena qualche 'fesso' sembra esistere. Gli Amici Del Nuoto, che invece sono una Associazione Sportiva Dilettantistica senza scopo di lucro e che non godono di alcun contributo, offrono lo stesso servizio di nuoto libero nella piscina dei Vigili del fuoco a 5 euro durante la settimana e a 7 euro il fine settimana per l’ingresso singolo, a 45 euro anziché 62 euro per l’abbonamento da 10 ingressi, e a 120 anziché 150 euro per quello da 30 ingressi. La piscina della Città dei Ragazzi non prevede l’ingresso singolo e propone gli abbonamenti da 5 ingressi al prezzo 20 euro e quello da 8 ingressi al prezzo di 30 euro.

Può dunque un’amministrazione comunale fare finta di niente quando, dopo aver rinnovato senza bando la gestione di un impianto così grande e importante come le piscine Dogali ad un pool di società ben definito, composto lo ricordiamo da Modena Nuoto, Uisp del presidente Giorgio Baroni (presidente anche della Dogali Ssd), Sea Sub di Luigi Reggiani, Pentathlon di Alessandro Pierpaolo, Bruno Loschi e Aics, si ritrova invece una società in cui fallisce il socio storico e più importante, la Modena Nuoto, e in cui la Uisp rileva le quote degli altri componenti? Le voci di corridoio a tal proposito parlano di cessione di quote da parte di Sea Sub e Bruno Loschi a favore della UISP, consentendo che si trasfiguri completamente la fisionomia del gestore di un bene comunale.

Bene comunale che va ricordato, è un impianto sportivo con una vasca olimpica e che dovrebbe promuovere l’attività sportiva, in questo caso acquatica, ma che in realtà lascia la strada libera ad un ente di promozione politicizzato, interessato a svolgere attività commerciali, quindi con una gestione avente scopo di lucro tale da obbligare in questo modo tutte le società sportive impegnate nel promuovere lo sport a pagare gli spazi acqua ad una Srl che, oltretutto, percepisce già dall’amministrazione un contributo annuale mostruoso.

Ovviamente ci sono le fatture pagate dalle società sportive a testimoniare il tutto.

Da ricordare infine che Uisp era socia del Csi nella gestione della Pergolesi, ma con prontezza abbandonò la gestione in coabitazione prima che uscisse la notizia del mai avvenuto versamento dei canoni d’affitto.

Ovviamente se il Pd perderà le elezioni le piscine comunali saranno così blindate a chiunque vorrà mai portare il buon senso nella loro gestione, se invece dovesse vincerle… Beh, è meglio non andare oltre.

Giuseppe Leonelli



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:130624
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:96097
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:45143
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:41180
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:41057
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:35137
Sport - Articoli Recenti
Bene Modena e Carpi, pari per il ..
Ieri i Canarini hanno battuto la Triestina, il Carpi ha espugnato Pesaro. Neroverdi 2-2 col ..
09 Dicembre 2019 - 08:28- Visite:241
Carpi, sabato arriva Arrigo Sacchi a ..
L'incontro si terrà alle 17.30 all'auditorium Loria Rodolfo Pio 1 a Carpi
05 Dicembre 2019 - 10:18- Visite:953
Gran recupero gialloblù: Modena-Vis ..
Al Braglia l'unico tiro degli avversari nel primo tempo manda sotto i canarini. Che nella ..
01 Dicembre 2019 - 18:42- Visite:557
Impresa Sassuolo, fermata la Juve
I neroverdi di De Zerbi riescono a rubare due punti alla Juventus che non va oltre al 2-2. ..
01 Dicembre 2019 - 18:33- Visite:218


Sport - Articoli più letti


E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:24763
Modena calcio, salta la vendita ..
Andrea Gigliotti non ha portato a compimento le operazioni di rogito previste oggi alle 15
03 Novembre 2017 - 21:51- Visite:12517
Cingoli troppo più forte: nelle ..
Servirà ripartire con convinzione in vista del prossimo turno, sicuramente sulla carta più..
14 Ottobre 2017 - 22:55- Visite:11493
Ottima Pantarei: Romagna sconfitto ..
Con due preziosi punti in più in cascina, ora Modena avrà dieci giorni per preparare al ..
21 Ottobre 2017 - 20:45- Visite:11424