Modena, ennesimo pareggio: la classifica fa paura
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
notiziarioSport

Modena, ennesimo pareggio: la classifica fa paura

La Pressa
Logo LaPressa.it

Occorre rimanere compatti e uniti fino alla fine, perché la crescita della società passa dal mantenimento della categoria


Modena, ennesimo pareggio: la classifica fa paura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ennesimo pareggino del Modena a Terni, al termine di una gara nella quale i gialli, che hanno chiuso con il 64% di possesso palla, avrebbero meritato di più; ma la sfortuna, le parate del portiere avversario, e qualche imprecisione di troppo hanno determinato il risultato di parità.

Diverse novità nell’undici iniziale, con Bianco che ripropone l’albero di natale: davanti a Seculin, linea a quattro con Ponsi, Zaro, Pergreffi e Cotali; a centrocampo Magnino, Palumbo e Santoro, mentre davanti si rivedono titolari Tremolada e Duca a sostegno di Gliozzi.

Pronti via e subito Modena con un buon piglio; la prima occasione vera al 23’ con Magnino che sugli sviluppi di un corner trova la parata di Iannarilli; al 28’ bella combinazione Tremolada-Gliozzi al limite, ma la conclusione del 10 gialloblù si spegne sul fondo.

Al 33’ Iannarilli dice di no anche a una conclusione al volo di Santoro, e poi al 35’ anche al grande ex Palumbo che calcia da fuori.

Nella ripresa subito due conclusioni, entrambe fuori, prima di Duca e poi di Magnino. Al 57’ Bianco pesca dalla panchina, dentro Abiuso per Gliozzi e Di Stefano per Duca; al 59’ conclusione di Zaro sugli sviluppi di n corner, alta; al 66’ Bianco cambia ancora: dentro Oukhadda per Cotali e Bohzanaj per Tremolada; il Modena passa a tre dietro, con Ponsi che scala di fianco a Zaro e Pergreffi, mentre a centrocampo, Santoro a destra, Magnino, Palumbo, Bohzanaij centrali e Oukhadda a sinistra.

Al 69’ occasione per Bohzanj, al 76’ prima Di Stefano calcia da destra, Iannarilli respinge, arriva Oukhadda ma il portiere para ancora; al 79’ Riccio per Ponsi.

Al 85’ conclusione di Palumbo, palla a lato.



L’arbitro concede 4 minuti di recupero e al 93’ arriva il match ball: Abiuso si presenta solo davanti a Iannarilli che gli respinge il pallone, ma la palla torna ad Abiuso che calcia al volo a porta vuota, arriva di corsa Dalle Mura che toglie il pallone dalla riga. La partita si chiude qui.

Il Modena non vince in trasferta da cinque mesi (4 novembre, 2 a 1 a Catanzaro in rimonta); nel girone di ritorno i gialli hanno totalizzato 1 sola vittoria in 13 gare (27 gennaio, 3 a 0 al Parma) conquistando 11 punti; nelle ultime venti partite hanno vinto due sole volte, e le occasioni sprecate, come quella di oggi, cominciano a diventare forse un po’ troppe. Servono almeno sei punti, per arrivare a quota 45, che ragionevolmente dovrebbe garantire la salvezza; sei punti che potrebbero venire anche da due vittorie, ma con questo passo di lumaca si farà fatica. I gialli sono la squadra che ha pareggiato di più, 15 volte su 32 partire disputate; senza vittorie però diventa dura e per vincere le partite serve fare gol, cosa che al Modena di oggi riesce con estrema difficoltà, e la gara odierna né è lo specchio.

I gialli arrancano ma dietro non fanno meglio e i risultati di oggi delle altre squadre lasciano di fatto la situazione invariata, ma con una gara in meno.

Occorre rimanere compatti e uniti fino alla fine, perché la crescita della società passa dal mantenimento della categoria. Ci sarà da soffrire fino alla fine.

Modena di nuovo in campo venerdì sera al Braglia contro il Catanzaro.
Corrado Roscelli
Foto Modena Fc

Corrado Roscelli
Corrado Roscelli
Come on rise up, schiena dritta, testa alta e sguardo verso l'infinito. Lo sport è una lezione di vita...   Continua >>



Sport - Articoli Recenti
In Canada Verstappen torna a vincere, disastro totale per le Ferrari
Charles Leclerc (problemi al motore) e poi Carlos Sainz (fuori pista dopo aver perso il ..
09 Giugno 2024 - 22:06
Gp del Canada, Russel parte in pole: Ferrari di nuovo anonime
Il campione del mondo, l’olandese Max Verstappen, con una splendida Q3 è secondo con la ..
09 Giugno 2024 - 06:59
Passaggio di testimone
Da numero uno a numero uno
05 Giugno 2024 - 09:02
Djokovic si ritira per infortunio: Sinner è il nuovo numero 1 al mondo
Il 22enne altoatesino è il primo italiano nella storia del tennis a guidare il ranking Atp
04 Giugno 2024 - 17:45
Sport - Articoli più letti
La campionessa di volley: 'Ho una pericardite post vaccino'
Volley Bergamo ha annunciato l'assenza della schiacciatrice 38enne di Conegliano al consueto..
20 Agosto 2021 - 11:17
Follia super green pass per i 12enni: il Santarcangelo calcio dice no
'Auspichiamo i ragazzi possano condividere le emozioni assieme ai loro compagni, ..
28 Gennaio 2022 - 16:44
E dopo il Modena calcio toccherà al Modena volley finire nella polvere
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell'esempio per i giovani della pallavolo che lo ..
18 Aprile 2018 - 14:41
Sassuolo, calciatore Obiang 'ha avuto la miocardite'. Stop di 6 mesi
Il medico a La Verità: 'Non ha contratto il Coronavirus. Il tampone era negativo ed era ..
22 Agosto 2021 - 22:40