La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
progettiDossier Cave

Cave: quei 23 milioni di metri cubi di ghiaia strappati al territorio

La Pressa
Logo LaPressa.it

Terreno distrutto corrispondente per circa 250 campi da calcio: valore del materiale estratto 1 miliardo di euro


Cave: quei 23 milioni di metri cubi di ghiaia strappati al territorio

Continua il nostro dossier Cave. Nella terza puntata di oggi affrontiamo con i Comitati No Cave il nodo politico legato alle attività estrattive e chiudiamo questa premessa con qualche numero.

Dieci anni fa nei comuni della conoide del Panaro le maggioranze del Pd erano se non proprio bulgare ben salde. Le associazioni ambientaliste e i comitati ben poco potevano quando  in Provincia e nei Comuni queste maggioranze hanno votato per adottare il Piae e i Pae. Al solo Pd e in particolare all'allora assessore regionale Giancarlo Muzzarelli che tanto si spese per l'approvazione va la responsabilità politica di queste decisioni. Il Piae ha consentito che tutte le proprietà dei cavatori fin nei più reconditi confini possano diventare cave.
Il meccanismo con il quale ciò è avvenuto non si discosta molto da quello raccontato da Rosi nel film  Mani sulla città. I comitati e le associazioni  hanno coinvolto centinaia e centinaia di cittadini in serate pubbliche in convegni scientifici e raccolta firme.  Quanto sia stato utile l’impegno dei comitati e delle associazioni per avvicinare i cittadini alla tutela del loro territorio lo si comprende in modo indiretto anche dalla nuova legge sulle attività estrattive in gestazione presso la regione, che memore di queste contestazioni tende ad impedirle attraverso lo strumento legislativo stesso.
Essa presuppone infatti di istituire organi sovra comunali così da togliere ai Comuni la possibilità di aderire o di formulare il proprio Pae. Per noi ciò determinerebbe una perdita delle possibilità di controllo da parte dei cittadini di un procedimento di escavazione. In questa proposta di legge si ritiene inoltre, in virtù della necessità di stoccare acqua per la siccità e di prevenzione ai rischi alluvionali,  di costruire invasi per contenerla.
La Regione prevede di doverli fare dove il sottosuolo è ricco di ghiaia come del resto chiedono le associazioni dei cavatori e non in montagna dove eventualmente sarebbero utili. E’ noto che i cittadini che si organizzano in modo spontaneo hanno un grande nemico: il tempo che logora la partecipazione volontaria. Ma ancor di più riteniamo sia l’assenza di strumenti a loro disposizione  per svolgere una concreta partecipazione e una civica funzione di controllo come prevede la Costituzione italiana.
Tra questi strumenti mancanti elenchiamo: il debat pubblic secondo il modello francese che prevede per opere pubbliche di valore superiore ai 350.000.000 di euro la partecipazione attiva dei cittadini sia nella fase conoscitiva che in quella decisoria. La semplificazione dei processi referendari a cominciare dalle firme necessarie e del quorum;a partire dai regolamenti degli  istituti di partecipazione comunali che o non esistono o sono appunto di difficile utilizzazione. Una class action riformata dagli attuali orpelli burocratici che consenta ai cittadini di contestare con procedure civilistiche le pubbliche amministrazioni qualora si intravvedano nel loro agire danni ambientali.
A tal proposito concludiamo  ponendo un problema che vorremmo suscitasse l’ interesse e la partecipazione propositiva dei lettori. Nonostante la convenzione di Aarhus ratificata dall’Italia preveda “ogni facilitazione economica in materia di giustizia ambientale“ qualora un comitato o una associazione vogliano portare in giudizio una pubblica amministrazione quasi sempre sono dissuasi dall’alto costo del “servizio giustizia”. Nel caso specifico del PIAE se questo fosse stato contestato in sede di Tar, le amministrazioni pubbliche concorrenti  erano 26 ed è facile immaginare di fronte ad un esito negativo quanto fossero onerose le spese processuali e legali da rifondere a tutte le amministrazioni.

I numeri del Piano infraregionale attività estrattive (li analizzeremo nel dettaglio nelle prossime puntate)

Il piano varato nel 2009 scade quest'anno (ma fino al 2012 si è proceduto a scavare i residui del precedente piano '98-2007,  disciplinato dalla legge regionale 17/91). L'elaborazione del Piano ha visto l'impegno di 42 tecnici interni ed esterni alla Provinci di Modena. Le cave che esercitano attività estrattiva sono 55, gli impianti di lavorazione degli inerti sono 29, la ghiaia è lavorata in 23 impianti. Complessivamente 27 le aziende coinvolte.

- 23.500.000 metri cubi di ghiaia pianificati per questo decennio
- 250 campi da calcio circa il terreno distrutto corrispondente
- 1 miliardo di euro circa il valore della ghiaia da estrarre
- 13.395.000  l'onere di concessione per le pubbliche amministrazioni così ripartito: 75% ai Comuni in base ai volumi di scavo contenuti nei loro PAE ( Piano comunale attività estrattive), 20% Provincia, 5% Regione.
- 3 milioni di viaggi di camion per muovere la ghiaia del Piae con relativa usura della strada legata al carico medio del mezzo.
- 30 è il fattore equivalente medio di emissioni inquinanti di un camion rispetto ad un auto.

Dante Pini - presidente della sezione d'Italia Nostra sezione dei Castelli



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:13183
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:12985
Dossier inceneritore parte 2: la fotografia di quello che esce dal ..
Dossier Inceneritore
18 Agosto 2017 - 15:44- Visite:12513
Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno
Dossier Inceneritore
13 Ottobre 2017 - 07:30- Visite:11750
Dossier inceneritore: la storia dell'impianto di Modena
Dossier Inceneritore
16 Agosto 2017 - 07:55- Visite:11617
Dossier inceneritore: i casi di tumore e il rapporto col maxi camino
Dossier Inceneritore
29 Settembre 2017 - 07:30- Visite:11536
Dossier Cave - Articoli Recenti
Savignano, Cava Polo 11: 'Il sì ..
Mauro Cavalli: 'Ora l'amministrazione deve mettere in atto le attività di vigilanza e ..
12 Agosto 2019 - 15:45- Visite:937
I dieci anni di No alle Cave: la ..
I Comitati amici di Savignano, Bazzano e San Cesario hanno riempito la piazza venerdì ..
18 Settembre 2018 - 12:33- Visite:969
Dossier Cave, il Piae 2008 ipotizzò ..
Addirittura superiore del 33% rispetto a quello ipotizzato per la provincia di Bologna. ..
25 Agosto 2018 - 07:15- Visite:871
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e Concave hanno il ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:2975


Dossier Cave - Articoli più letti


Cave nella conoide del Panaro e ..
Per vendere più ghiaia la lobby dei cavatori interviene nel corso del tempo  per ..
04 Agosto 2018 - 10:00- Visite:3970
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e Concave hanno il ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:2975
Quando la ghiaia si estraeva dai ..
Fino al 1975 la quasi totalità dell’approvvigionamento di ghiaia avveniva dai corsi ..
16 Agosto 2018 - 07:20- Visite:2127
Dossier Cave, ecco perché a Modena i..
Perchè a Modena nel settore ghiaia non c’è mai stato tra le aziende né competizione né..
09 Agosto 2018 - 07:09- Visite:1544