La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
progettiDossier Cave

Dossier Cave, ecco perché a Modena i vari cavatori sono legati tra loro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Perchè a Modena nel settore ghiaia non c’è mai stato tra le aziende né competizione né il minimo accenno di contrasto?


Dossier Cave, ecco perché a Modena i vari cavatori sono legati tra loro

Continua il nostro dossier Cave elaborato con l'aiuto dei Comitati No Cave. Come annunciato sabato scorso la terza puntata del dossier si concentra sull'aspetto economico dell'attività estrattiva.

Il PIAE della provincia di Modena dopo 10 anni si è rivelato altamente sovrastimato come avevamo previsto in sede di osservazioni. Per abbassare il valore e ridurre le escavazioni come è documentata agli atti avevamo sostenuto nel 2007 anche la possibilità di una imminente bolla immobiliare che nel suo avverarsi, tanta distruzione economica ha generato poi negli anni seguenti.

Non solo, il PIAE di Modena di 23 milioni e 500.000 mila metri cubi di inerti pregiati a differenza del 1.800.000 della più popolosa e territorialmente più grande provincia di Bologna  ha blindato il fabbisogno sotto il principio dell’autosufficienza. Significa che la ghiaia venduta per il fabbisogno privato e pubblico della nostra provincia può provenire solo dalle cave modenesi. Questa però può e viene  venduta anche in altre province contraddicendo il principio stesso che si voleva ecocompatibile di fabbisogno. Insomma un'autosufficienza solo in entrata e non in uscita.
Aspetto economicamente paradossale che altera i più elementari principi della domanda e dell’offerta e che garantisce agli operatori del settore lauti guadagni per la mancanza di concorrenza esterna. Nell’ambito preliminare alla formazione del PIAE i rappresentanti dell’industria ceramica si opposero a questo principio ritenendo necessario per competere sui mercati internazionali comprare la terra necessaria per la produzione di piastrelle dove prezzo e qualità erano migliori. Per i cavatori invece,  il cui mercato è prevalentemente determinato da opere pubbliche interne è consentito fare il prezzo della ghiaia senza concorrenza. Se poi come ovvio il prezzo sale e come è noto le opere pubbliche in Italia generalmente costano cinque volte rispetto agli altri paesi europei è altresì noto che a pagare saranno sempre le nostre fatiche di cittadini.

Nel 2011 ritenendo che il principio di autosufficienza contenuto nel PIAE fosse in contrasto con l’art.3 del trattato della Comunità Europea che impone la libera circolazione delle merci all’interno dei paesi membri chiedemmo un parere all’AAutorità garante della concorrenza del mercato, agenzia istituita nel 1990 sul modello dello Sherman act nato cent’anni prima negli USA. Inizialmente più che rispondere al nostro quesito l’agenzia tese ad informarsi se noi fossimo in contatto con Report, la trasmissione televisiva  diretta dalla Gabanelli che al tempo si occupava di cave e del funzionamento delle autorità di controllo come la Consob e appunto l’Autorità della Concorrenza.

Nel 2014 con una breve nota, forse per chiudere una pratica ancora aperta, arrivò la risposta nella quale si sosteneva che…. Il principio dell’autosufficienza adottato dalla provincia di Modena  serve per… contenere in un’ottica di ottimizzazione dell’utilizzo  delle risorse del territorio lo sfruttamento del suolo… adducendo a conferma che altre provincie e l’industria ceramica adottano questo principio.

Tre anni per una risposta,  per  non entrare nel merito della eventuale inosservanza del trattato, ma ancor più grave adducendo a sostegno tesi completamente errate (l’industria ceramica come le altre provincie non usano l’autosufficienza).

Quando le autorità americane nel 1890 introdussero lo Sherman act lo fecero perché ritenevano fosse uno strumento determinante per la lotta alla corruzione. E’ evidente che se un’impresa corrompe un funzionario o una autorità pubblica ottiene vantaggi rispetto ai propri concorrenti di settore e dunque molte volte sono le aziende stesse a sollecitare controlli da parte dell’agenzia statunitense della concorrenza. Perchè a Modena nel settore ghiaia non c’è mai stato tra le aziende né competizione né il minimo accenno di contrasto? Perché a Modena tutte le aziende del settore sia società cooperative che di diritto privato sono legate tra di loro da quote partecipative e agiscono come un vero e proprio Trust.
Questo sfregio al nostro territorio poteva essere evitato?

Dante Pini - presidente della sezione d'Italia Nostra sezione dei Castelli

 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:142271
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:102012
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:53851
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:50348
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:42979
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:42961
Dossier Cave - Articoli Recenti
'Cave, fallimentare pianificazione ..
'A chi ha veramente giovato una pianificazione sovrastimata? Si decise di distruggere un ..
25 Giugno 2020 - 22:50- Visite:539
M5S: 'Cave a Formigine, caro sindaco ..
'Oltre all’aggressione del territorio, il Comune percepirà una miseria di 90 centesimi ..
04 Marzo 2020 - 10:42- Visite:823
Formigine, via libera a piano di ..
Costantino Righi Riva: 'Delibera che ha enormi ricadute sul piano ambientale. Mette a ..
29 Febbraio 2020 - 14:14- Visite:4543
I No cave: 'Caro sindaco Gargano, fai..
'Chiedere alle autorità sovraordinate, Regione in primis, di rivedere le quantità d inerti..
03 Gennaio 2020 - 17:35- Visite:1657


Dossier Cave - Articoli più letti


Formigine, via libera a piano di ..
Costantino Righi Riva: 'Delibera che ha enormi ricadute sul piano ambientale. Mette a ..
29 Febbraio 2020 - 14:14- Visite:4543
Cave nella conoide del Panaro e ..
Per vendere più ghiaia la lobby dei cavatori interviene nel corso del tempo  per ..
04 Agosto 2018 - 10:00- Visite:4305
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e Concave hanno il ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:3931
Quando la ghiaia si estraeva dai ..
Fino al 1975 la quasi totalità dell’approvvigionamento di ghiaia avveniva dai corsi ..
16 Agosto 2018 - 07:20- Visite:2862