La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
progettiDossier Cave

Savignano, Cava Polo 11: 'Il sì venne dato alla unanimità'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mauro Cavalli: 'Ora l'amministrazione deve mettere in atto le attività di vigilanza e controllo che le competono'


Savignano, Cava Polo 11: 'Il sì venne dato alla unanimità'

Lunedì scorso a Savignano sono iniziati i lavori “preliminari accessori” per l’ attività estrattiva nel Polo 11, cioè il luogo al confine con Valsamoggia che è oggetto del PAE (Piano delle Attività Estrattive) del comune savignanese.

'Insomma la società Concave che ha l’appalto  comincia a realizzare le opere per poter estrarre la ghiaia. Ma ovviamente c’è un iter da seguire che contiene alcune condizioni - si legge in una nota del Comune -. La passata amministrazione di Savignano, con una variante generale al PAE, aveva ridotto la possibilità estrattiva rispetto al precedente Piano e alla pianificazione provinciale. Nel Polo 11 si può fare attività di cava ma a precise condizioni: minore quantità di ghiaia, monitoraggio permanente delle falde acquifere e ha inoltre subordinato la possibilità di scavare ghiaia alla demolizione dei frantoi che si trovano in zone paesaggistiche di particolare pregio, soprattutto lungo i fiumi. Con successivi accordi nel 2017 e nel 2018 dunque, in attuazione del PAE, vengono concordate le condizioni per l’attività estrattiva del primo stralcio del Polo 11 con la società Concave. Il 13 marzo 2019 è stata rilasciata l’autorizzazione all’attività estrattiva, la cui efficacia è però subordinata alla demolizione del frantoio MEG (classificato come non idoneo) e del Frantoio Nuovo. L'iter che ha condotto al rilascio dell'autorizzazione convenzionata è stato condiviso con l'Osservatorio comunale permanente sulle attività estrattive. Concave dunque comunica che lunedì prossimo inizierà i lavori preliminari. Questi consistono nella perforazione di tre piezometri (si tratta di “buchi” che servono a monitorare costantemente lo stato delle falde acquifere), nella preparazione della viabilità di accesso, nella recinzione, nel cartello di cava e nelle altre opere richieste per la sicurezza e la corretta conduzione del cantiere. La stessa ditta Concave conclude la comunicazione di inizio dei lavori preliminari accessori dichiarando che si rammenta che le opere di coltivazione (estrazione della ghiaia) della cava in oggetto non potranno invece cominciare fino a quando non sarà comunicata la fine dei lavori di demolizione degli impianti MEG e Frantoio Nuovo”.

Il sindaco

Il sindaco di Savignano Enrico Tagliavini: “Le attività estrattive e tutto ciò che ad esse è collegato non sono frutto della volontà di questa nuova amministrazione, ma prendiamo atto che esistono una convenzione e degli impegni assunti dalla precedente amministrazione che quindi devono necessariamente seguire il loro corso”.

I civici

'Nel mese di giugno dell’anno 2013, con il solo voto favorevole del gruppo consiliare “Lista dei Cittadini”, venne approvato il Piano delle Attività Estrattive (PAE) che, sulla base di un’approfondita valutazione ambientale, definì la riduzione, rispetto alla pianificazione provinciale, del 52% (da 5.600.000 a 2.680.000 metri cubi) dei quantitativi di materiali inerti estraibili' - afferma la Lista dei Cittadini ricapitolando l'intera vicenda.

Ecco la sintesi proposta dalla Lista:

La scelta compiuta nella pianificazione di tale (problematica) attività, fu quella di:

  • non interferire con le falde acquifere (scavi di profondità non superiore a 10 metri rispetto ad una previsione del piano provinciale fino a 15 metri);
  • ridurre l’impatto con le aree abitate (distanza minima del perimetro di cava dalle abitazioni pari a 50 metri anziché 20 metri, come sarebbe consentito dal suddetto piano provinciale);
  • destinare le previsioni estrattive a compensazione ambientale, incentivando la demolizione, in tempi precedenti all’effettiva escavazione, degli esistenti impianti di lavorazione inerti;
  • svolgere l’attività estrattiva prevalentemente su terreni già compromessi da precedenti escavazioni e non adeguatamente sistemati;
  • non interferire con le zone di tutela dei pozzi e di tutela ambientale dei corsi d’acqua.

Sottolineiamo il fatto che con tale pianificazione abbiamo voluto introdurre il principio secondo cui ogni metro cubo di ghiaia da scavare deve essere connesso alla chiusura preventiva di uno o più dei frantoi che deturpano il nostro territorio, principio che pare ovvio, ma che non venne mai seguito dalla precedente giunta PD nel suo piano estrattivo: esempio rappresentativo è il frantoio di Via Cassino, vicino al ponte Muratori per Vignola, situazione in cui i “cavatori” scavarono e vendettero quasi mezzo milione di metri cubi di ghiaia, a fronte di un semplice impegno per una successiva demolizione del frantoio: demolizione che, è sotto gli occhi di tutti, non è mai stata compiuta.
Sempre con l’approvazione del PAE, al fine di promuovere trasparenza, partecipazione della cittadinanza e rispetto delle norme e delle prescrizioni in materia, è stato costituito l’Osservatorio comunale permanente sulle attività estrattive.

Ritorniamo ora alla notizia dell’avvio dei lavori preliminari per l’attività estrattiva nel “Polo 11”. Nel mese di maggio dell’anno 2018, con l’unanimità del Consiglio comunale, è stato approvato l’accordo pubblico - privati (MEG S.r.l. e Consorzio Cave Bologna), per l’attuazione di un primo intervento, previsto dalla sopracitata pianificazione  comunale, di estrazione di 500.000 metri cubi nel “Polo 11”, collegata alla dismissione e demolizione del frantoio di proprietà MEG S.r.l., in località Doccia, con successivo recupero dell’area agli usi:

  • naturalistico, in concessione al Comune, per qualificare il “Percorso Natura”;
  • agricolo da parte della proprietà privata.

Il suddetto frantoio verrà demolito e resterà soltanto il fabbricato ad uso uffici, che verrà riconvertito a deposito agricolo.

L’accordo prevede, inoltre:

  • come ulteriore misura di compensazione ambientale, la demolizione dell'impianto “Frantoio Nuovo”, in località Magazzeno, e la riconversione dell'area ad attività di recupero di rifiuti non pericolosi da attività di costruzione e demolizione, per mezzo di impianti molto più piccoli e meno impattanti, che opereranno per pochi giorni annui, ma comunque da monitorare per quanto riguarda sia la qualità dell’aria che il rumore;
  • l’estinzione del contenzioso in essere con MEG s.r.l. relativo alla “Casa del Cavallo”;
  • che, secondo le norme del PAE, l’attività estrattiva potrà iniziare solo di seguito alla demolizione sia del frantoio di proprietà MEG S.r.l. che del “Frantoio Nuovo”.

L’effettivo esercizio dell’attività estrattiva, ribadiamo, è subordinato alla conclusione delle opere di demolizione e di sistemazione delle aree dei suddetti frantoi ed è regolato da convenzione che prevede:

  • la distanza di almeno 50 m dagli edifici abitati
  • una durata dell’autorizzazione estrattiva pari a 5 anni (coltivazione e sistemazione);
  • la manutenzione delle opere di sistemazione a verde per un ulteriore periodo di 3 anni dalla messa a dimora;
  • la cessione dell’area piantumata al Comune per fruizione pubblica ad uso ricreativo;
  • il rispetto delle norme tecniche del PAE, in particolare relative:
  • al contenimento delle emissioni di polvere (copertura dei mezzi di trasporto, bagnatura delle piste e dei materiali, adozione di impianto lava ruote nel punto di uscita dall’area di cava);
  • alla profondità degli scavi, che dovranno essere mantenuti ad una quota di +1,5 metri rispetto al livello massimo rilevato della falda;
  • alla mitigazione degli impatti generati dal traffico indotto dall’attività estrattiva, con divieto di transito in attraversamento degli abitati;
  • ai monitoraggi del rumore, della qualità dell’aria e delle acque sotterranee ed alla trasmissione delle informazioni al ARPAE;
  • alla garanzia fidejussoria, per l’importo di oltre 427.000 euro, per l’esecuzione delle opere di sistemazione finale dello stralcio attuativo, le opere di manutenzione delle opere di sistemazione, la manutenzione ordinaria della viabilità comunale interessata dal transito degli autocarri, per l’esecuzione dei monitoraggi delle componenti rumore, della qualità dell’aria, della qualità delle acque sotterranee.
  • funzioni di vigilanza e controllo in carico al Comune, all’Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la proiezione civile, all’ASL territorialmente competente.

Nel mese di marzo 2019 questa convenzione è stata sottoscritta ed è stata rilasciata l’autorizzazione all’attività estrattiva, la cui efficacia, lo ribadiamo, è subordinata alla preventiva demolizione del frantoio di proprietà MEG S.r.l. e del “Frantoio Nuovo”.
In questi giorni l’impresa Concave inizia i lavori preliminari all’attività estrattiva (perforazione dei piezometri per il monitoraggio costante dello stato delle falde acquifere, preparazione della viabilità di accesso, recinzione ed altre opere richieste per la sicurezza e la corretta conduzione del cantiere), ma l’effettiva estrazione della ghiaia potrà però avere inizio solo ad avvenuta comunicazione di fine dei lavori di demolizione dei suddetti frantoi.
Fin qui le considerazioni della “Lista dei Cittadini”, che riconoscono nello svolgersi degli eventi di cui si è dato comunicato stampa, la conformità a quanto prescritto da norme approvate nel recente passato, all’unanimità, dall’Amministrazione comunale, rispetto ad un’attività problematica quale quella estrattiva.
Preoccupa invece l’affermazione del Sindaco Enrico Tagliavini.
Ci permettiamo ricordare al sindaco Tagliavini che il “SI” all’attività al Polo 11 non è “della ex giunta”, ma del Consiglio Comunale della passata legislatura, all’unanimità. E della passata legislatura faceva parte anche l’attuale suo vice Sindaco (Delibera del Consiglio comunale n° 21 del 21 maggio 2018)”.

Sull’argomento interviene anche Mauro Cavalli, Presidente della Lista dei Cittadini: “Riconosciamo in pieno sia le scelte di pianificazione dell’anno 2013 che quelle più recenti, relative al primo intervento di attuazione ad opera del Consorzio Cave Bologna, che ribadiamo comporta la preventiva chiusura di ben due frantoi, scelte volte alla salvaguardia del territorio, dell’ambiente e della salute dei cittadini, ed auspico il fattivo e convinto impegno dell’attuale amministrazione comunale nello svolgimento dei compiti di vigilanza e controllo ad essa assegnati, anche attraverso l’Osservatorio comunale permanente sulle attività estrattive, organismo da rinnovare con sollecitudine”.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Schianto in moto, morto Fabio Tavernari di 39 anni
La Nera
23 Maggio 2017 - 07:45- Visite:10803
Gambizzato a Savignano, arrestato un 37enne pregiudicato
La Nera
24 Agosto 2017 - 10:56- Visite:10661
Savignano Alto, il borgo antico e i vigneti addormentati sulla collina
Modena e Dintorni
13 Settembre 2018 - 13:50- Visite:7225
Savignano, sparatoria davanti alla perla verde
La Nera
12 Agosto 2017 - 17:33- Visite:3540
Vignola, 48enne muore schiacciato dal muletto
La Provincia
10 Maggio 2017 - 20:47- Visite:2060
Elezioni provinciali: Braglia accetta Tomei, lo sfidante è Palazzi
La Provincia
11 Ottobre 2018 - 10:48- Visite:1373
Dossier Cave - Articoli Recenti
I dieci anni di No alle Cave: la festa ..
I Comitati amici di Savignano, Bazzano e San Cesario hanno riempito la ..
18 Settembre 2018 - 12:33- Visite:900
Dossier Cave, il Piae 2008 ipotizzò ..
Addirittura superiore del 33% rispetto a quello ipotizzato per la provincia..
25 Agosto 2018 - 07:15- Visite:816
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:2791


Dossier Cave - Articoli più letti


Cave nella conoide del Panaro e quella ..
Per vendere più ghiaia la lobby dei cavatori interviene nel corso del ..
04 Agosto 2018 - 10:00- Visite:3896
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:2791
Quando la ghiaia si estraeva dai letti ..
Fino al 1975 la quasi totalità dell’approvvigionamento di ghiaia ..
16 Agosto 2018 - 07:20- Visite:1995
Dossier Cave, ecco perché a Modena i ..
Perchè a Modena nel settore ghiaia non c’è mai stato tra le aziende né..
09 Agosto 2018 - 07:09- Visite:1471

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci