Beato Enrico da Bolzano: lo spaccalegna umile
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Onoranze funebri Simoni
progettiIl Santo del giorno

Beato Enrico da Bolzano: lo spaccalegna umile

La Pressa
Logo LaPressa.it

Enrico era analfabeta, tuttavia al contatto con il silenzio dei boschi, mentre con la scure abbatteva gli alberi, il povero boscaiolo imparò ad amare Dio


Beato Enrico da Bolzano: lo spaccalegna umile
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi 10 giugno si festeggia il Beato Enrico da Bolzano. Enrico nacque nel 1250 a Bolzano; era poverissimo e guadagnava da vivere per sé, per la moglie e per il figlio svolgendo il faticoso lavoro dello spaccalegna. Enrico era analfabeta, tuttavia al contatto con il silenzio dei boschi, mentre con la scure abbatteva gli alberi, il povero boscaiolo imparò ad amare Dio e il Creato.

Trasferitosi con la famiglia a Treviso, attratto da una una maggiore offerta di lavoro, perse, a distanza di qualche anno, moglie e figlio. Rimasto solo Enrico trovò rifugio in una piccola stanzetta grazie alla generosità di un notaio. Condusse un'esistenza solitaria, silenziosa e indossò un saio: pregava spesso e visitava le chiese di Treviso partecipando a tante Messe per ascoltare la parola di Dio. Enrico si adattò a svolgere i lavori più umili e tutto quello che guadagnava lo regalava ai mendicanti.

Quando lo trovarono esanime nella sua cella tutti lo acclamarono come Santo. Secondo la tradizione, nel momento della morte di Enrico, che avvenne il 10 giugno 1315, tutte le campane di Treviso si misero a suonare suscitando stupore. Dopo la sua morte, testimoni del tempo, confermarono ben 346 guarigioni da malattie, per sua intercessione. Migliaia di pellegrini arrivarono a Treviso dalle città  confinanti per rendere omaggio alla tomba di Enrico.

La sua fama si estese anche a tutta l'alta Italia e di Enrico si continuò  a parlare e a scrivere, addirittura nel Decamerone del Boccaccio. La sua immagine si diffuse ovunque, come testimonia la sua ricca iconografia oggi presente nella Cattedrale di Vienna, nel Duomo di Innsbruck, nelle chiese dell'Istria e del Tirolo. Il culto del Beato Enrico da Bolzano fu approvato da Benedetto XIV nel 1750, per dare un celeste protettore a tutti i boscaioli del mondo.
Buon onomastico a chi si chiama Enrico.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Mivebo
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
San Columba da Iona
Fondò circa 300 monasteri e a Iona, la sua sede principale, fondò una università ..
09 Giugno 2024 - 06:50
La generosità di San Medardo
Alcune raffigurazioni di San Medardo lo mostrano a bocca aperta e sorridente, poiché  lo ..
08 Giugno 2024 - 06:44
La predicazione di Sant'Antonio Maria Gianelli
Fu beatificato nel 1925 da Pio Xl e venne fatto Santo da Pio Xll nel 1951. Il suo corpo ..
07 Giugno 2024 - 06:42
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità della famiglia
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende felice
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 consigli per la difesa in tribunale
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30