Il martirio di Santo Stefano e i legami con la morte di Gesù
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Onoranze funebri Simoni
progettiIl Santo del giorno

Il martirio di Santo Stefano e i legami con la morte di Gesù

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il culto a Santo Stefano è molto diffuso, nel Medioevo solo a Roma si contavano più di 30 Chiese e Cappelle dedicate alla sua memoria


Il martirio di Santo Stefano e i legami con la morte di Gesù
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi, 26 dicembre, si festeggia Santo Stefano. Il Martirio di Santo Stefano è spiegato nel libro 'Atti degli Apostoli' della Sacra Scrittura. Il Santo Martire era di origine greca: gli ebrei di lingua greca erano chiamati ellenisti e si differenziavano dai palestinesi per l'osservanza pratica di alcune prescrizioni della legge di Mosè.

Fra gli ellenisti e gli ebrei di Gerusalemme sorse uno screzio a causa della trascuratezza nella distribuzione del cibo ai poveri: Stefano propose l'istituzione di 7 incaricati alla diaconia delle mense.
Il Santo Protomartire non solo si occupava della assistenza ai poveri, ma pieno di grazia e fortezza annunciava il Vangelo di Gesù. L'attività di Stefano suscitò il risentimento di un gruppo di ebrei che non erano attratti dalla predicazione Cristiana. Stefano fu per questo catturato e trascinato davanti al Sinedrio per essere giudicato.

Due erano le accuse che gli venivano rivolte, suffragata da falsi testimoni: 'Costui non cessa di proferire parole contro questo luogo sacro e contro la legge di Mosè'. Dunque, l'autorità del Tempio e la funzione della legge costituirono due punti di contrasto tra Stefano e i suoi avversari. Stefano, nella sua difesa, mostrò come il tempio non fosse indispensabile per il culto: 'L'Altissimo non abita in costruzioni fatte da mani di uomo'.

Stefano affermò pure che Dio non fa differenza di appartenenza etnica e che proprio gli israeliti  rifiutarono la legge di Mosè quando 'fabbricarono un vitello e offrirono sacrifici all'idolo'. Al sentire tali parole i sentimenti di astio degli israeliti verso Stefano si trasformarono in violenza omicida. Pieni di odio portarono il Protomartire in un luogo a parte e, a causa della sua coraggiosa predicazione della fede in Cristo, lo lapidarono.


Il martirio di Stefano è simile alla Passione di Gesù: entrambi vengono processati con il concorso di falsi testimoni, Stefano  come Gesù prima di morire affida il suo spirito a Dio, tutti e due perdonano i propri uccisori.
Si può affermare che il martirio di Stefano ha come conseguenza l'inizio della missione Cristiana fuori dai confini etnici del popolo d'Israele e di una nuova svolta della comunicazione del Vangelo fino agli estremi confini della terra.

Il culto a Santo Stefano è molto diffuso, nel Medioevo solo a Roma si contavano più di 30 Chiese e Cappelle dedicate alla sua memoria: la più celebre e quella di Santo Stefano Rotondo costruita nel V secolo da Papa Simplicio sul Colle Celio.
Una singolare devozione è attestata ad Ancona, nella cui Cattedrale, dedicata appunto a Santo Stefano, ancora oggi è conservata una pietra della lapidazione.
Buon onomastico a tutti i lettori che si chiamano Stefano e alle lettrici che si chiamano Stefania.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Mivebo
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
Santa Paola Frassinetti e le Dorotee
La Frassinetti morì l'11 giugno 1882, dopo aver ricevuto la visita di San Giovanni Bosco
11 Giugno 2024 - 06:30
Beato Enrico da Bolzano: lo spaccalegna umile
Enrico era analfabeta, tuttavia al contatto con il silenzio dei boschi, mentre con la scure ..
10 Giugno 2024 - 06:29
San Columba da Iona
Fondò circa 300 monasteri e a Iona, la sua sede principale, fondò una università ..
09 Giugno 2024 - 06:50
La generosità di San Medardo
Alcune raffigurazioni di San Medardo lo mostrano a bocca aperta e sorridente, poiché  lo ..
08 Giugno 2024 - 06:44
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità della famiglia
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende felice
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 consigli per la difesa in tribunale
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30