San Giuseppe Cafasso a fianco dei detenuti
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Onoranze funebri Simoni
progettiIl Santo del giorno

San Giuseppe Cafasso a fianco dei detenuti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lavorò in ospedali, riformatori, carceri e ospizi; molto intensa fu anche la sua attività di predicatore


San Giuseppe Cafasso a fianco dei detenuti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi 23 giugno si festeggia San Giuseppe Cafasso. Giuseppe nacque a Castelnuovo d'Asti nel 1811.
Dalla cattedra e dal confessionale formò maestri di fede e donne di Carità e lo si poteva trovare spesso nelle carceri tra i detenuti. Giuseppe aveva frequentato le scuole pubbliche nel suo paese e poi studiò nel seminario di Chieri (Torino). Già a 22 anni era prete ed entrò nel Convitto ecclesiastico del teologo Luigi Gualla e approfondì gli studi in teologia.

 

Nel frattempo lavorò in ospedali, riformatori, carceri e ospizi; molto intensa fu anche la sua attività di predicatore. Più tardi don Cafasso divenne insegnante di morale, direttore spirituale e infine rettore.
Ai sacerdoti, Giuseppe, insegnò come presentare la fede con serenità e fiducia. Il giovane Don Bosco gli chiese consiglio: voleva andare missionario. Cafasso invece lo consigliò di rimanere a Torino e lo aiutò a trovare posto ai suoi primi ragazzi e difese Don Bosco dagli attacchi di chi lo criticava.
Da Don Giuseppe Cafasso si recarono, per chiedere consiglio, anche Vescovi e Cardinali.

Il Santo sacerdote fu molto popolare e amato a Torino, per l'opera tra i carcerati, che non si limitava a visite, ma comprendeva l'aiuto alle famiglie e il soccorso ai dimessi. Giuseppe Cafasso morì nel 1860 a Torino e Papa Pio Xll lo canonizzò nel 2847, proclamandolo Patrono dei carcerati.
Buon onomastico a chi si chiama Giuseppe.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Mivebo
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
Le visioni di Santa Veronica Giuliani
Il suo confessore la giudica una simulatrice: Veronica è privata da ogni incarico e le ..
09 Luglio 2024 - 06:15
Aquila e Priscilla: santità nella vita di matrimonio
A Roma, dopo la pace costantiniana, si è voluto innalzare a Santa Priscilla una chiesa, ..
08 Luglio 2024 - 06:33
San Villibaldo, vescovo di Eichstatt
All'Apostolato della predicazione, il Santo Vescovo, si impegna fino alla morte e lo rende ..
07 Luglio 2024 - 06:14
Il perdono di Santa Maria Goretti
Il culto della Martire Maria è subito spontaneo e diffuso. Nel 1929 le spoglie di Maria ..
06 Luglio 2024 - 06:29
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità della famiglia
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende felice
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 consigli per la difesa in tribunale
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30