GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
progettiIl Santo del giorno

San Rinaldo, il vescovo che restò monaco

La Pressa
Logo LaPressa.it

Rinaldo, vescovo di Nocera Umbra, vissuto dal 1157 al 1217, è una figura singolare di Monaco eremita e di Prelato


San Rinaldo, il vescovo che restò monaco
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi, 9 febbraio, si festeggia San Rinaldo Vescovo.
Rinaldo, vescovo di Nocera Umbra, vissuto dal 1157 al 1217, è una figura singolare di Monaco eremita e di Prelato. Era figlio primogenito di uno dei signori che dominavano Nocera e Foligno. Rinaldo doveva essere destinato a posti di importanza politica e militare e a tale scopo fu educato culturalmente come si conveniva al suo rango. A 20 anni però lasciò tutto e si mise a fare l'eremita sul monte Gualdo; lì visse una vita eremitica perfetta. Divenne poi Monaco di Fonte Avellana dove servì Dio in modo devoto. Nel 1190 è fino al 1213 si impegnò ad assolvere incarichi giuridici accanto al Vescovo Ugo nella curia Romana.

Alla morte del Vescovo per tre anni Rinaldo fu titolare della diocesi da solo. La caratteristica dell'episcopato del Santo fu di rimanere Monaco anche da Vescovo come quando era in monastero.


Rinaldo digiunava, vegliava, pregava e soccorreva le persone più povere e bisognose. Per dare un esempio di amore cristiano adottò un bambino di Nocera orfano e lo curò con amore figliale. Importante fu la presenza di Rinaldo alla promulgazione dell'indulgenza della Porziuncola, voluta da San Francesco.
Rinaldo morì il 9 febbraio 1216 e dopo un processo sui miracoli, che durò qualche mese, fu proclamato Santo.

Quando si costruì la Cattedrale in cima al colle dove sorge il centro di Nocerà, il corpo del Santo fu trasportato nella chiesa. Invocato, nei momenti tragici di guerre, di distruzioni e di eventi calamitosi come frequenti terremoti, non mancano interventi di protezione di San Rinaldo.
Buon onomastico a chi si chiama Rinaldo.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Whatsapp
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
Sant'Osvaldo, il vescovo di Worcester
La morte di Sant'Osvaldo avvenne nel 992 a Worcester dove era conservato il suo corpo, ..
28 Febbraio 2024 - 06:08
San Gabriele, le mortificazioni e ..
Nel 1892 fu avviata la causa di beatificazione e attorno alla sua tomba venivano registrati ..
27 Febbraio 2024 - 06:34
Sant'Alessandro di Alessandria: la ..
Ario cominciò a diffondere una dottrina falsa, secondo la quale solo il Padre sarebbe stato..
26 Febbraio 2024 - 06:34
Santa Valpurga la taumaturga
Un fluido aromatico di indubbie proprietà curative sgorga tuttora con cadenza annuale, da ..
25 Febbraio 2024 - 06:52
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità ..
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende ..
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 ..
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30