Santa Gemma Galgani, l'accoglienza della sofferenza
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
progettiIl Santo del giorno

Santa Gemma Galgani, l'accoglienza della sofferenza

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gemma non fu Santa per i fatti straordinari accaduti nella sua vita, ma lo fu soprattutto per la decisione lucida di accogliere il peso della sofferenza


Santa Gemma Galgani, l'accoglienza della sofferenza
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi 11 aprile si festeggia Santa Gemma Galgani.
Gemma nacque a Lucca nel 1878, a otto anni perse i genitori. Un farmacista lucchese, Matteo Giannini, la accolse per badare ai suoi i figli e per aiutare in casa. Gemma però non aveva buona salute e non potè dare molto aiuto.
Assieme a molte sofferenze, in casa Giannini, ebbe visioni e colloqui con Gesù e la Madonna.
Tutta dedita alla preghiera e alla sopportazione, a Gemma apparvero nel suo corpo dolorose ferite: segni della passione di Cristo. Il Vescovo di Lucca, con l'aiuto di medici, la controllò per appurare l'origine della piaghe. Il padre spirituale di Gemma la invitò al riserbo e lei, nella obbedienza, lasciò visitarsi con serenità. La Santa, nell'umiltà e nella sottomissione della volontà di Dio, volle vivere le sue esperienze mistiche nel modo più normale possibile. Per i lucchesi intanto veniva già condiderata 'la ragazza della grazia'.

Negli ultimi anni della sua vita continuò a soffrire molto, nel nascondimento per poi morire nella vigilia della Pasqua nel 1903. Gemma Galvani venne poi canonizzata da Pio Xll. Gemma non fu Santa per i fatti straordinari accaduti nella sua vita, ma lo fu soprattutto per la decisione lucida di accogliere il peso della sofferenza silenziosa a imitazione di Cristo. L'esempio di Santa Gemma Galgani a molti ha restituito la fede, e a tanti sfiduciati ha fatto ritrovare il coraggio.
Buon onomastico a chi si chiama Gemma.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Whatsapp
Il Santo del giorno - Articoli Recenti
Sant'Agostino di Canterbury: apostolo dell'Inghilterra
La sua santità è riconosciuta sia dai Cattolici che dagli Anglicani: è venerato come ..
27 Maggio 2024 - 06:35
San Filippo Neri, la cura degli ammalati
Filippo morì il 26 maggio del 1595, tanti romani lo considerarono Santo ancora prima della ..
26 Maggio 2024 - 06:10
Santa Maria Maddalena de' Pazzi: la sofferenza che porta a Dio
Nel 1607 Maria Maddalena morì; Clemente lX, il 22 aprile 1668, la dichiarò Santa
25 Maggio 2024 - 06:26
Santa Maria Ausiliatrice
Papa Pio VII, fatto prigioniero da Napoleone, fece un voto a Maria Ausiliatrice che gli ..
24 Maggio 2024 - 06:58
Il Santo del giorno - Articoli più letti
San Mario, protettore della unità della famiglia
I Santi Mario e la moglie Marta vengono invocati durante le litanie dei Santi, nel rito del ..
19 Gennaio 2024 - 06:35
Prima domenica di Avvento
La prima domenica di Avvento è dedicata proprio alla venuta del Signore alla fine dei tempi
27 Novembre 2022 - 06:57
Santa Beatrice, colei che rende felice
Le antiche biografie raccontano che dopo aver ricevuto l'Unzione degli infermi, una stella ..
17 Agosto 2022 - 06:16
Sant'Alfonso, patrono avvocati: 12 consigli per la difesa in tribunale
Sant'Alfonso Maria de' Liguori è detto 'il più napoletano dei Santi'
01 Agosto 2022 - 06:30