Omnispower
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Omnispower
progettiOltre Modena

Brexit, netta vittoria dei Tories unico modo per uscire dall'Ue entro nuova scadenza

La Pressa
Logo LaPressa.it

Laburisti, liberal-democratici e nazionalisti scozzesi sono, con gradazioni diverse, contrari alla Brexit


Brexit, netta vittoria dei Tories unico modo per uscire dall'Ue entro nuova scadenza
Il Regno Unito è appena entrato in campagna elettorale. La Camera dei Comuni ha approvato con 438 voti favorevoli e 20 contrari una mozione presentata dal governo che avvia l'iter per le elezioni politiche.

I cittadini britannici saranno chiamati alle urne il prossimo 12 dicembre per la terza volta in quattro anni. Le precedenti tornate elettorali si tennero nel 2015 e nel 2017 e risultarono entrambe nel successo dei conservatori.

Molto è cambiato dalle elezioni del giugno 2017. Theresa May non è più alla guida del governo. Il suo accordo di uscita dall'Unione è stato sonoramente bocciato dal parlamento per tre volte. Dopodiché, abbandonata dal suo partito ed esautorata dalle débâcles parlamentari, si è dimessa. Al suo posto è subentrato l'esuberante Boris Johnson, entrato al Numero 10 gridando “fuori dall'Ue il 31 ottobre, con o senza accordo”.

Johnson è riuscito a ottenere un nuovo accordo ma il parlamento si è rifiutato di votarlo. Westminster voleva prima ottenere un'ulteriore estensione della Brexit per evitare il no deal, cioè l'uscita senza accordo. Bruxelles ha infine concesso la proroga – fino al 31 gennaio 2020 – e Johnson è ora determinato più che mai ad andare a nuove elezioni. Jeremy Corbyn, capo del partito laburista, ha colto il guanto della sfida e ha ordinato ai suoi di approvare la mozione per andare ad elezioni.

La situazione di Johnson in questo parlamento è precaria a dir poco. La maggioranza è risicata e i Remainers prevalgono. Il primo ministro è giunto alla conclusione che occorre cambiare gli equilibri parlamentari per portare a compimento la Brexit. Per cominciare, Johnson vuole rafforzare il partito e portarlo alle elezioni compatto e per fare ciò ha riammesso dieci dei ventuno deputati che aveva cacciato poche settimane fa.

Si preannuncia una campagna elettorale fortemente polarizzata. In un certo senso potrebbe essere una riedizione del referendum del giugno 2016 in quanto ci sarà uno scontro senza quartiere tra i sostenitori della Brexit (i conservatori), coloro che vogliono come minimo ritardarla o sottoporla a una nuova consultazione referendaria (i laburisti) e infine coloro che vogliono che il Regno Unito rimanga nell'Ue (nazionalisti scozzesi e liberal-democratici). Questa potrebbe essere la madre di tutte le battaglie sulla Brexit. A quasi tre anni e mezzo dal famigerato referendum, il Regno Unito è ancora intrappolato nella crisi politica scaturita dalla questione europea, argomento che più di tutti polarizza gli animi britannici.

Per uscire entro il 31 gennaio 2020 – cioè per mettere fine una volta per tutte alla facenda – occorre una netta vittoria dei tories, cioè un nuovo equilibrio parlamentare favorevole all'attuale governo, e quindi alla Brexit. Un parlamento in cui i conservatori hanno una maggioranza risicata – come questo, frutto delle infauste elezioni del 2017 – non produrebbe la rottura dello stallo.

Laburisti, liberal-democratici e nazionalisti scozzesi sono, con gradazioni diverse, contrari alla Brexit. Qualora dovessero vincere i laburisti è presumibile che essi chiedano un'ulteriore revisione dell'accordo d'uscita, oppure un secondo referendum oppure un referendum confermativo dell'accordo di uscita. In ogni caso l'uscita entro il 31 gennaio, cioè un mese e mezzo scarso dopo le elezioni, sarebbe in dubbio.

Una vittoria dei tories restituirebbe invece una solida maggioranza parlamentare in grado di ratificare l'intesa raggiunta con Bruxelles e mettere così fine alla più grave e lunga crisi politica che il Regno Unito ha conosciuto negli ultimi decenni.

Massimiliano Palladini


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimiliano Palladini
Massimiliano Palladini

Laureato in Scienze politiche, sociali, internazionali all'università di Bologna, studia Relazioni internazionali ed Europee all'università di Parma. Aspirante giornalist..   Continua >>


Acof onoranze funebri

Oltre Modena - Articoli Recenti
Nordio: il 41bis non è in ..
Il Ministro in Aula alla Camera sulle polemiche degli ultimi giorni legate alle condizioni ..
01 Febbraio 2023 - 23:39
Gerusalemme, attentato in Sinagoga, ..
Un uomo armato di pistola avrebbe fatto fuoco all'interno del luogo di culto prima di essere..
28 Gennaio 2023 - 01:33
E' morta Gina Lollobrigida: una vita ..
Lutto nel mondo del cinema. L'attrice italiana, nastro d'argento alla carriera, aveva 95 ..
16 Gennaio 2023 - 13:12
Brasile, assalto al Parlamento: ..
Dopo l'azione dei sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro, le forze di sicurezza ..
09 Gennaio 2023 - 19:20
Oltre Modena - Articoli più letti
Covid, 4700 contagi al concerto per ..
A riportalo è l'edizione di lunedì del quotidiano The Guardian. Il Boardmasters si è ..
26 Agosto 2021 - 14:33
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43
Israele abbandona il Green Pass: con ..
Il boom dei contagi con Omicron ha reso del tutto evidente l'inefficacia dello strumento per..
05 Febbraio 2022 - 00:21
'Covid, chi si vaccina può sia ..
Parla Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive ..
10 Maggio 2021 - 15:09