Omnispower
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

Per Legambiente Bonaccini come Sitta: cementificatore

La Pressa
Logo LaPressa.it

Legambiente sta lavorando per la mobilitazione di tutti i cittadini della nostra regione attraverso la firma della petizione Salva il suolo


Per Legambiente Bonaccini come Sitta: cementificatore

Una volta era SItta il cementificatore, oggi pronto a raccoglierne l'eredità sarebbe il presidente della Regione Bonaccini. Almeno stando alle critiche mosse da Legambiente alla famosa legge regionale che Stefano da Campogalliano vorrebbe approvare entro l'estate e che - nella retorica della giunta regionale - dovrebbe perseguire il saldo zero.

In Emilia-Romagna ci sono 'troppe aree verdi che corrono il rischio di essere coperte dal cemento, nonostante la crisi'. Questa infatti l'allarmata fotografia scattata dal dossier di Legambiente regionale pubblicato oggi, che raccoglie molti casi di terreni 'in procinto di essere urbanizzati, o sotto minaccia di esserlo in breve tempo', per costruire 'infrastrutture per la mobilita', insediamenti terziari, ampliamento di imprese esistenti e, soprattutto, centri commerciali'. Tutte casistiche, ricorda Legambiente, che 'in buona parte non rientrerebbero nei limiti posti alle nuove urbanizzazioni dalla proposta di legge urbanistica di Bonaccini'.


Tra i casi citati dall'associazione ci sono la strada Ti-Bre (Tirreno-Brennero), il progetto di espansione dell'aeroporto di Parma, la bretella Campogalliano-Sassuolo nel modenese, e il progetto di 'urbanizzazione di circa 190 ettari di terreni vergini, in zona costiera', avviato dal Comune ferrarese di Comacchio. Terreni che, ricorda Legambiente, 'sono tra le ultime zone libere della costa, nel Parco del Delta del Po, spesso ricche di specie botaniche protette'. Per quanto riguarda Bologna, invece, l'associazione ambientalista pone l'accento sulle indiscrezioni secondo cui 'ci sarebbe un riacceso interesse per le aree limitrofe alla cittadella del cibo Fico'. Aree 'di proprieta' della Fondazione Carisbo e finora rimaste intatte', e per cui attualmente e' prevista una destinazione 'prevalentemente residenziale', ma su cui alcuni privati vorrebbero costruire, se venisse approvata una variante per destinare l'area ad attivita' commerciali, 'un centro commerciale in grado di garantire oltre 40.

000 metri quadri di superficie di vendita, con multisala', che 'affiancherebbe il centro Meraville, trasformando l'area in enorme polo commerciale'.

Nel dossier, Legambiente sottolinea che la proposta di legge regionale che potrebbe essere approvata a breve 'non pone limiti a buona parte degli interventi edilizi' elencati nel documento. Infatti, spiegano gli ambientalisti, la norma 'in teoria concede un consumo di suolo pari al 3% del territorio gia' urbanizzato, dalla sua entrata in vigore fino al 2050'. Limite che, pero', 'risulta solo virtuale, dato che sono esclusi dal computo del consumo di suolo casistiche come le nuove edificazioni legate ad attivita' economiche esistenti, opere pubbliche e di interesse pubblico, e grandi interventi strategici dal punto di vista economico'. Inoltre, tira dritto Legambiente, 'la legge garantisce ai Comuni un periodo compreso tra cinque e sei anni per trasformare il proprio territorio senza particolari restrizioni'. Tutto questo finira' per aggravare una situazione che per Legambiente e' gia' grave, visto che 'dal 1975 ad oggi il territorio urbanizzato della regione e' piu' che raddoppiato, con oltre 100.000 ettari di campagna 'consumata', e una perdita di produzione agroalimentare sufficiente a sfamare oltre due milioni di persone'. Per questo l'associazione fa sapere che sta lavorando 'per la mobilitazione di tutti i cittadini della nostra regione, sia attraverso azioni di contrasto alla bozza di nuova legge urbanistica regionale, sia attraverso la firma della petizione 'Salva il suolo', per chiedere una direttiva europea che ponga un freno allo sfruttamento del territorio'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
 


Politica - Articoli Recenti
Richetti dall'ospedale dopo il ..
'Vi ringrazio tutti per la quantità spropositata di affetto che mi state manifestando da ..
13 Gennaio 2023 - 19:05
Daniele Dieci confermato segretario ..
Al terzo ed ultimo giorno del 19esimo congresso provinciale. A lui l'87% dei voti ..
13 Gennaio 2023 - 15:25
'Raccolta rifiuti in centro, ..
I referenti modenesi di Fratelli d'Italia commentano le nuove modalità presentate da Comune..
13 Gennaio 2023 - 14:44
Segretario Pd: 'Pace in Ucraina? ..
Una sala piena ieri sera ha fatto da cornice all'incontro promosso a Modena da La Pressa sul..
13 Gennaio 2023 - 07:30
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58