La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Dalla Caporioni un gesto raro: dimettersi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una donna libera contro un sindaco-Ad


Dalla Caporioni un gesto raro: dimettersi

E’ sempre ‘curioso’ come di fronte a scelte impopolari e che destabilizzano (minimamente si intende, che qui il sistema è granitico) la mappa del potere (in questo caso locale), vi sia costantemente il tentativo di marginalizzare e delegittimare la voce dissonante. In questo caso il sindaco col suo ufficiale ‘non comprendo le motivazioni’ riduce la decisione di Ingrid Caporioni di abbandonare la giunta a una semplice deriva personale. Nulla di più. E così sembra fare anche Sel che, invece di sostenere il suo assessore, è pronta a sostituirla in fretta e furia. Come se i problemi sollevati non esistessero. Come se le dimissioni fossero solo una strana bizza della pasionaria Ingrid. Tutto a posto: fuori uno, dentro un altro. La giunta non ne risente, i rapporti tra i partiti neanche. Tutti felici e della Caporioni ci si dimentica subito. 

Altro che ‘the show must go on’, nemmeno il tempo di accorgersi che il trucco sta colando: fatto digerito e normalizzato. Sì. Eppure, per onestà, è giusto sottolineare come il gesto della Caporioni sia tutt’altro che scontato. E, al di là della voglia di banalizzarlo di Muzzarelli, di Sel, del Pd e di tutti in piazza Grande, rappresenti un atto di orgoglio raro. Anti-italiano, nel senso deteriore del termine ‘italiano ’. Oggettivamente, senza voler mitizzare nessuno. Raro. Prima di tutto per un mero dato economico: rinunciare di punto in bianco a uno stipendio di 3.279 euro al mese (lordi, va bene) non è da tutti. Ingrid Caporioni, giovane (47 anni), 35mila e 700 euro di reddito dichiarato nel 2015, è insegnante alle elementari. Probabilmente tornerà a fare il suo mestiere. Punto. Raro. Per un dato di ‘potere ’: essere assessore in una città provinciale e piccola come Modena è pur sempre un motivo di vanto. Dire addio per motivi di principio, senza paracadute, a una carica non lo si è visto molto spesso (più frequenti i casi in cui gli assessori sono rimasti attaccati alla poltrona nonostante fossero in rotta col partito che li aveva piazzati lì: Frieri, Colombo, Monticelli...). Certo, di Ingrid Caporioni è impossibile non rimarcare le contraddizioni. Una su tutte: entrò in giunta con una delega ai quartieri dopo che da consigliere pochi mesi prima aveva votato contro la riforma dei quartieri. Va bene. Ma 3 giorni fa se ne è altamente fregata del ‘potere ’ e dello stipendio sicuro per 5 anni. Questo va detto. Per onestà. Ha guardato tutti in faccia e ha detto ‘preferisco vivere’. Ora verrà sostituita da Sel, la stessa Sel che a Pavullo non sta facendo l’alleanza col Pd di Canovi. La stessa Sel che non perde occasione per criticare le prese di posizione politiche (a partire da quelle sulle infrastrutture) di Muzzarelli.

Probabilmente in giunta entrerà Andrea Bosi (alla faccia delle quote rosa). Ovviamente per «responsabilità e spirito di servizio» e Muzzarelli non verrà nemmeno scalfito dalle critiche della sua ex assessore. Così. Beh, alla Caporioni - dopo il suo gesto inutile, autolesionista, forse apolitico, ma generoso e onesto un lungo e tenero abbraccio e l’augurio di sorridere davanti all’imminente rimpasto, ai sorrisi pieni di carriera del nuovo entrato e dei vari Guerzoni, Rotella, Cavazza.. E di respirare per qualche giorno il profumo pulito e fanciullesco e dolce del «io no» e del rifiuto al compromesso a ogni costo.

«No» ad essere supina dipendente di un sindaco autodefinitosi «amministratore delegato» di Modena. Frase da accapponare la pelle, ma passata in sordina in una città che incomprensibilmente si dice ancora ‘di sinistra’, sterilizzata e distratta da battaglie su unioni civili, diritti per ogni sesso e trenini al parco. Sapendo, cara Ingrid, che da domani, no, dall’alba di oggi stesso, per gli altri sarà tutto ridicolizzato, se va bene dimenticato. Sapendo che non è servito a nulla. E che quella purezza autoreferenziale, davanti allo specchio non regge. E fa solo male.

Leo


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144809
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103208
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55549
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51193
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:43877
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43275
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11787
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14988
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13073
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12338


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:19424
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14988
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13073
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12469