La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Le lasagne di Charlie

Data: / Categoria: Quelli di Prima
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

La morte in mezzo: quel patto silente che adesso si è rotto


Le lasagne di Charlie

Un terremoto all’italiana (davvero, il titolo è questo): con le penne al pomodoro rappresentate da una persona ferita e insanguinata, le lasagne che sono in realtà macerie a più strati che hanno sepolto decine di persone (si vedono i piedi che spuntano). E poi la didascalia: “Non si sa ancora se il terremoto abbia gridato Allah Akbar prima di tremare”. Eccola qui, l’ultima pagina del numero di Charlie Hebdo in tutte le edicole francesi. Fino qui, staremmo qui a parlare di semplice satira internazionale dal cattivo gusto. E invece no: la situazione è un pochino più complessa. Perchè Charlie Hebdo è ‘quel’ settimanale satirico: quello in cui, il 7 gennaio 2015, due uomini armati di kalashnikov fecero irruzione uccidendo dodici persone. Il direttore Stéphane Charbonnier detto Charb, diversi collaboratori storici del periodico (Cabu, Tignous, Georges Wolinski, Honoré) e due poliziotti persero la vita: fu la prima pagina di un terrorismo che, nell’anno successivo, è entrato in Europa con la faccia degli immigrati di seconda generazione, travolgendo il Belgio e poi ancora la Francia, seminando il Terrore per davvero. Ecco, alla strage di Charlie Hebdo seguì una mobilitazione di matite davvero encomiabile: ‘Je suis Charlie’, ‘Io sono Charl i e’. E cioè: terrorismo, se vuoi far fuori Charlie Hebdo devi fare fuori anche me. Perchè la satira non si tocca, perchè la satira è libera, perchè la satira è più della critica, perchè guai mai per la satira, non ci farete mai tacere perchè noi siamo liberi. ‘Je suis Charlie’ ha diffuso un senso di adesione totale alla causa non tanto dell’H eb d o (ché mica tutti lo conoscevano prima di quella strage, anzi), ma a quella della libertà di espressione come massima caratteristica di chi non è succube di nessuna ideologia. E la prima pagina di Charlie ‘o r fan o ’ dei suoi vignettisti migliori aprì, con una tiratura da un milione di copie andata esaurita anche in Italia in coppia col Fatto quotidiano che per un giorno se lo sposò, con una vignetta dal titolo ‘Tutto è perdonato’. Siamo tutti Charlie anche oggi? Siamo Charlie Hebdo anche a l l’indomani dell’infelice e brutta vignetta che ci raffigura come dei mangiapasta insanguinati? Sui social no: sui social gira l’indignazione e la bandiera di ‘Je suis Charlie’ è ampiamente ammainata. Facciamo bene a non essere più Charlie oppure, avendolo sostenuto ai tempi del dramma, siamo confinati a sostenerlo per sempre, complici partner di una satira alla deriva? Probabilmente facciamo bene a mettere Charlie nel cassetto. E non tanto perchè ha toccato l’Italia (su, saremo anche indietro con la libertà di espressione ma non siamo mica permalosi), quanto perchè Charlie ha valicato il confine del patto silente. Un patto rispettoso che si chiama morte. Sono morti in tanti a Charlie Hebdo: professionisti che ogni settimana offrivano al mondo (beh, almondo: ad una piccola parte di lettori francesi) il frutto della loro creatività, pronti a sobbarcarsi più critiche che elogi e di godere di tanta più pubblicità quanto più si alzava il livello del cattivo gusto o della polemica. Ma la morte no; la luce che si spegne merita il silenzio. ‘Je suis Charlie’, detto dopo il buio del kalashnikov, significa anche ‘Sono Charlie perchè potevo essere anche io Charlie; potevo morire anche io al lavoro, vittima a caso di un terrorismo che sceglie a caso’. La morte in mezzo al terremoto del Centro Italia chiedeva alla satira lo stesso silenzio: quasi 300 morti, scuole polverizzate ma pure antisismiche, responsabilità umane, ritardi e politica in affanno. Va bene, tutto vero. Charlie Hebdo, il patto era che - in cambio - si respirasse intorno alla morte lo stesso silente rispetto che ai tempi sfoderò chi disse ‘Je suis C h a rl i e ’ pur odiando la satira. E no, non si dica che quella vignetta è il modo del settimanale per starci vicino (e sì, a volte siamo anche permalosi). Faccia però l’Italia ciò che seppe fare Charlie: ‘Tout est pardonné’, tutto è perdonato. Chè qui abbiamo da ricostruire in troppo poco tempo migliaia di case con soldi che non abbiamo.

Sara Zuccoli


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Sara Zuccoli
Sara Zuccoli

Sei giornalista anche quando non lo fai più di mestiere. Scrivi e dipingi con le parole anche quando devi solo imparare a contare. Qui Sara è giornalista e scrive; fuori fa ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:148086
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:104468
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:58432
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:57899
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:47674
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:45627
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11895
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:15345
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13208
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12457


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:20077
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:15345
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13208
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12639