La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Le nuove ‘battaglie’ della sinistra che non può chiamarsi destra

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una volta la sinistra era quella che si batteva per la redistribuzione della ricchezza


Le nuove ‘battaglie’ della sinistra che non può chiamarsi destra

 

Una volta la sinistra era quella che si batteva per la redistribuzione della ricchezza.

Che usava le categorie del ‘padrone ’ e dell’ ‘operaio’ per spiegare le disparità esistenti nel mondo del lavoro. C he il tema della ‘sicurezza’ non lo affrontava con pistole, giubbotti antiproiettile e sindaci sceriffi, ma puntando su welfare e integrazione. Almeno a parole. Che per le divise in quanto tali - giusto o sbagliato che fosse - aveva una avversione malcelata. Che si guardava bene dall’aggiungere ‘molesti’ di fianco alla parole mendicanti e che pensava allo straniero come opportunità e non come spauracchio dal quale difendersi. Che se ne fregava delle accuse insensate di ‘buonismo’. La sinistra, magari banalizzando, magari con qualche luogo comune di troppo, era questa roba qua.

E oggi? Fallite le grandi battaglie, morte le utopie, derisi gli ideali, la sinistra si vergogna della propria vecchia identità, incensa le multinazionali e rincorre sui temi economici e di sicurezza la Lega Nord e l’intoccabile e santificato ‘libero mercato’ (al netto de gli ormai marginalizzati nostalgici comunisti). Una sinistra che continua a definirsi tale solo perchè non può per decenza chiamarsi destra.

Così, senza più alcuna identità ideale, cosa è rimasto alla ‘sinistra ’ per coltivare un minimo senso di appartenenza? Le battaglie sui ‘temi sensibili’, sui ‘diritti civili’. Quelle sì. Su quelle si gioca facile. Che tanto riguardano parti minoritarie della società perchè la società nel complesso non la si guarda nemmeno più. E ci si volta altrove. Si organizzano sfilate di gay da fumetto con rossetti e baci tra barbe e baffi, da contrapporre alla famiglia da Mulino Bianco con sorrisi e bimbi pieni di sole, ed è fatta. Passa tutto, si dimentica tutto il resto. La stessa sinistra che meno di 50 anni fa mise in croce Togliatti per la sua decisione di lasciare la famiglia per la compagna Iotti, che derideva gli omosessuali e, anzi, faceva dell’unione uomo-donna un punto fermo, si trova improvvisamente a farsi paladina delle storiche battaglie radicali: su tutti i matrimoni e le adozioni gay. Ma anche l’eutanasia, passando per le droghe leggere. Una sinistra unita sui diritti dei singoli perchè ormai ha rinunciato a una qualsivoglia visione di società. Arroccata a difendere apparenti posizioni di libertà, di diritti, sulla vita e sulla morte. A prescindere. Con la stessa mancanza di delicatezza e profondità che caratterizza le più grezze battaglie omofobe dell’ala ultracattolica, a Modena quella ben rappresentata dalla Santoro. Ad esempio. Una sinistra che si vanta di legiferare con l’accetta sul dubbio, sulla ricerca, sul travaglio, sulla palude e sul dolore individuale.

Fingendo di dare ad esso un senso. Per legge.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
Email
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:164571
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:107551
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:69309
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:62708
Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
Societa'
23 Novembre 2020 - 17:35- Visite:54895
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:51462

Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12156
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16133
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13668
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12798
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21148
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16133
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13668
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12931