Viva viva il pluralismo Purchè non rompa le scatole
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Viva viva il pluralismo Purchè non rompa le scatole

La Pressa
Logo LaPressa.it

Libertà di stampa e libertà di servire chi comanda


Viva viva il pluralismo Purchè non rompa le scatole
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Fa ridere. Nessuna amarezza, nessuna frustrazione, nessun livore. Davvero. Leggere le parole dei parlamentari Pd sul pluralismo e la libertà di informazione fa solo ridere. Che il Pd dica di volere favorire il «reale pluralismo dell’infor mazione » è banalmente ridicolo. Perchè non basta dire a parole di voler sostenere le «realtà editoriali medio-piccole», non basta neppure promettere contributi e soldi pubblici (peraltro necessari non vi è dubbio). No, non basta. Occorre che il potere (che qui a Modena e in Regione combacia perfettamente con il Pd e con il sistema economico Pd-coop) accetti davvero le voci critiche. Occorre non calunniarle e non tentare in tutti i modi di controllarle e influenzarle per i propri scopi e per le proprie carriere politiche. Questo significherebbe rispetto reale del pluralismo.  E invece non è così.

Non si comporta così chi comanda in piazza Grande (per restare a Modena) e non si comporta così chi comanda in viale Aldo Moro (per guardare alla Regione). Non si comporta così il mondo coop e non si comportano così gli stessi enti e associazioni che teoricamente per statuto dovrebbero promuovere i principi di libertà. Libera, per esempio. All’interno della quale chi prende posizioni anche solo dialettiche viene allontanato (si pensi a livello nazionale a La Torre o al giornalista Bolzoni). E’ un dato di fatto: il potere (nel caso particolare le istituzioni guidate da uomini Pd e gli enti legati a quel mondo) cerca di sopire il pluralismo in tutti imodi: con pressioni verbali, minacce velate, ingerenze sulla raccolta pubblicitaria e così via. Il pluralismo va bene se e solo se non rompe le scatole a chi comanda.

Va bene il pluralismo dei corsi dell’ordine dei giornalisti e delle cene pagate dalla Regione a cronisti compiacenti. Quello è perfetto. Uno, dieci, cento, mille bollettini ufficiali, uno, dieci, cento mille giornalisti in uffici stampa. Ecco la semplice verità. Per quanto antipatica sia. E si potrebbero fare nomi e cognomi. Citare casi concreti che hanno riguardato anche il nostro quotidiano (o la chiusura di Antenna 1 o de L’Informazione), ma si finirebbe per passare per ‘vittime’.

E non è certo questo l’obiettivo. L’obiettivo in fondo è solo godersi la risata davanti alle frasi di Ghizzoni e Baruffi. Perchè che ‘così vada il mondo’ può anche essere sopportato, ma raccontarlo capovolto è il massimo. E la risata nell’osservare un «Sistema» che a parole promuove la «libertà», ma che fa di tutto per impedirla nasce spontanea. Pura come un ruscello di montagna. Del resto se nella classifica 2016 di «Reporter senza frontiere» l’Italia è al 77esimo posto come libertà di stampa, peggio di Burkina Faso e Botswana, un motivo ci sarà. E Modena non fa eccezione. E se invece che a comandare il Pd fosse il M5S (che alla legge sulla editoria targata Pd ha votato no) forse sarebbe identico, se non peggio. Basta vedere come il guru ‘Beppino’ tratta i suoi adepti... Libertà violentata. Succede per il mondo dell’informazione e succede nella società civile (si fa per dire «civile»). L’elenco delle voci critiche modenesi passate improvvisamente dalla parte degli sbandieratori delle prodezze delle amministrazioni locali è lungo. Perchè lo hanno fatto? A volte per paura (che non andrebbe mica bene spaventare la gente...), altre per convenienza, a volte per un piatto di lenticchie o poco più, altre ancora per un posto, una sedia, una poltroncina. Altre perchè il male ed il potere hanno davvero un aspetto «tetro» e tirarsi indietro e rinunciare «a quel poco di dignità» pare l’unica soluzione. Altre per puro servilismo, per una sorta di sindrome di Stoccolma. Altre perchè ‘amico mio, bisogna pur diventare grandi, maturare, ponderare... E’ la vita ed è ora che cresci...’.

Schiene piegate. E allora l’elenco degli incendiari divenuti pompieri è lungo. Lo abbiamo già fatto ma lo ripetiamo. C’è l’ex ribelle modenese attivo Marco Miana, oggi primo fan di quel Muzzarelli che gli ha dato la gestione da 800mila euro dei Giardini del Gusto. C’è Stefano Rimini, ex battagliero consigliere comunale Pd, oggi capo dello staff della vicepresidente Elisabetta Gualmini e primo comunicatore delle prodezze della giunta Bonaccini. C’è Michele Andreana, capofila dei famosi 23 ribelli Pd, totalmente silenzioso da quando è stato nominato alla presidenza delle Farmacie comunali. C’è la parlamentare Giuditta Pini presentatasi il primo giorno alla Camera dei Deputati con tanto di spilla con falce e martello, oggi fan di Renzi. C’è Paolo Negro (richettiano doc) ora puntuale capostaff di Cecile Kyenge. C’è Giuseppe Boschini anti-bonacciniano nel periodo delle primarie al fianco della Maletti (quando non era chiaro se Stefano da Campogalliano scendesse in campo) e oggi mai una volta critico verso il presidente della Regione. Insomma c’è un mondo. Un mondo plurale. Dove a Modena per plurale si intende lo spazio che intercorre tra la B di Bonaccini e la M di Muzzarelli. Tra la L di Lusetti di Legacoop e la T di Turrini di Coop Estense (va beh, Alleanza 3.0). Oltre quello spazio ‘plurale’ ci sono i leoni. Ci sono i frustrati e i bastian contrari. I perdenti, i matti. Per non dire peggio.

Leo


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06