Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
rubricheSpazio alle Imprese

A cosa serve l’arieggiatore e qual è il modello migliore

La Pressa
Logo LaPressa.it

Con un arieggiatore dalle caratteristiche professionali, è possibile infatti liberare il prato da tutte quelle impurità che inibiscono la crescita dell’erba


A cosa serve l’arieggiatore e qual è il modello migliore

Arieggiare un prato è un’operazione molto importante, che non deve essere confusa con la rasatura, in quanto si tratta di due attività completamente diverse. L’arieggiatura del prato è necessaria per mantenere il proprio spazio verde in perfetta salute, sempre ben pulito, permettendogli di svilupparsi correttamente e di restare a lungo rigoglioso e verdeggiante. Con un arieggiatore dalle caratteristiche professionali, è possibile infatti liberare il prato da tutte quelle impurità che inibiscono la crescita dell’erba: grovigli di erba infeltrita e secca, terriccio, foglie, rametti, sassolini e tutto quanto si accumula di solito a ridosso del terreno, e non può essere eliminato neanche con il taglio dell’erba.
Se possiedi uno spazio verde, un prato o un giardino, scegli Ferramenta Giusti per acquistare il tuo nuovo arieggiatore Stihl online: il marchio Stihl rappresenta infatti il punto di riferimento per il giardinaggio, la manutenzione del verde e la cura dei giardini e dei parchi, e permette di scegliere tra una vastissima gamma di prodotti e di apparecchi tutti garantiti per la qualità elevata e le prestazioni.


Perché è importante arieggiare periodicamente il prato

Come abbiamo detto, l’arieggiatura è quell’operazione che permette di ripulire alla perfezione il prato da rifiuti e impurità che tendono ad accumularsi sul terreno, alla base dell’erba. Infatti, nel corso del tempo, lo strato inferiore del prato si copre di erba infeltrita, residui di sfacci e altri rifiuti che inibiscono la crescita, oltre ad impedire il passaggio della luce, dell’acqua e delle sostanze nutrienti.
Questo significa che un’arieggiatura corretta e regolare permette al prato di nutrirsi e di ricevere una giusta idratazione, sviluppandosi regolarmente e conservando a lungo un perfetto stato. Generalmente, l’arieggiatura del prato deve essere effettuata un paio di volte all’anno, nei periodi in cui la temperatura è mite, di solito verso la fine dell’inverno e prima dell’autunno inoltrato. La frequenza e il periodo possono comunque variare in base alla località, alle condizioni climatiche e al tipo di prato.
Per ottenere il risultato migliore dall’arieggiatura, l’erba non deve essere troppo alta, di solito intorno ai tre centimetri, e l’attrezzo deve essere passato sul prato due volte in direzioni opposte, per avere la sicurezza di eliminare tutto lo strato di erba infeltrita e di avere ripulito perfettamente il terreno da ogni genere di impurità.
Inoltre, l’arieggiatore riesce a penetrare leggermente nel terreno, eliminando anche l’eventuale strato di muschio che talvolta si crea e che impedisce ai fertilizzanti di raggiungere le radici del prato.


Cosa fare con i residui dell’arieggiatura

L’arieggiatore rimuove feltro, muschio, terriccio e altri rifiuti che coprono lo strato inferiore del prato, che vengono lasciati sul terreno. Per rimuoverli, si può procedere manualmente, con un semplice rastrello, oppure raccogliere tutto durante l’uso del rasaerba.
Alcuni modelli più sofisticati sono inoltre dotati di sacco di raccolta, e provvedono ad aspirare e raccogliere direttamente i rifiuti durante il lavoro, al fine di permetterne un facile smaltimento oppure il riutilizzo nelle operazioni di compostaggio per la preparazione di un concime naturale.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 


Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
Progettazione meccanica: Synchromech ..
L’azienda specializzata in progettazione meccanica guarda con ambizione al futuro. ..
05 Ottobre 2021 - 12:09- Visite:22
Tecsaving il tuo alleato contro il ..
E’ innegabile che le estati stanno diventando sempre più torride ed il caldo, specie nei ..
27 Luglio 2021 - 22:58- Visite:413
Modena, Malagoli Aldebrando festeggia..
1 Luglio 2021: i festeggiamenti dell'anniversario della ditta metalmeccanica modenese che ha..
30 Giugno 2021 - 15:42- Visite:1059
Spazio alle Imprese - Articoli più letti
Roadhouse Restaurant: apre nuovo ..
Nei primi otto mesi dell’anno sono stati 14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo ..
18 Settembre 2019 - 17:09- Visite:10101
Azienda agricola Cavazzuti, ..
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40- Visite:6047
Azienda vinicola Zucchi, l'evoluzione..
Con Confagricoltura Modena settima tappa del viaggio nelle aziende top per qualità ..
18 Dicembre 2018 - 09:26- Visite:3387
Azienda agricola Giovanni Solmi, ..
Quarta tappa del nostro viaggio nel mondo delle aziende Confagricoltura Modena, eccellenze ..
24 Luglio 2018 - 00:20- Visite:3351