La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubricheA cura di

Le dermatiti del viso nell'era della mascherina anti-Covid

La Pressa
Logo LaPressa.it

La mascherina, con una azione di sfregamento e occlusione della nostra pelle, ha fatto comparire o riesacerbare dermatiti del viso di varia natura


Le dermatiti del viso nell'era della mascherina anti-Covid
Continua la rubrica de La Pressa A Cura di, realizzata dal gruppo di medici e operatori sanitari del Poliambulatorio Fisio Line di Modena. Per porre domande: info@fisioline.net indicando nell’oggetto “La Pressa”.

L’infezione da Sars-Cov-2 colpisce anche la pelle dando le più disparate manifestazioni cutanee, ormai ampiamente descritte in letteratura scientifica.
Come gran parte delle infezioni virali, essa può davvero mimare un ampio spettro di manifestazioni dermatologiche, dagli esantemi, all’orticaria, alle vasculiti.
Tralasciando i segni più specifici e direttamente correlati all’infezione, notiamo che oggi varie manifestazioni cutanee sono da correlarsi alla variazione del nostro stile di vita, ed in particolare all’utilizzo della mascherina, strumento essenziale per limitare la diffusione del contagio; abbiamo quotidianamente a che fare con uno strumento che può irritare molto il nostro viso, ed è di questa che oggi parliamo.
La mascherina, con una azione di sfregamento e occlusione della nostra pelle, ha fatto comparire o riesacerbare dermatiti del viso di varia natura.
Prima fra tutti l’acne; è peggiorata in soggetti che già soffrivano di questo disturbo, ed è esordita in pazienti anche non più proprio adolescenti. E’ talmente diffuso questo effetto indotto dalla mascherina che è stato coniato addirittura il neologismo di Maskne (acne da mascherina).
Questo peggioramento/esordio è dovuto a molteplici fattori, fra i quali ricordiamo i più facili da osservare e comprendere:
lo sfregamento cronico della mascherina
la variazione dell’umidità e della temperatura cutanea inficiata dagli atti respiratori all’interno della mascherina
la proliferazione batterica grazie al microambiente che viene a crearsi.

Altra dermatosi ampiamente diagnosticata in questo periodo è la dermatite seborroica. Dermatite la cui eziopatogenesi non è ancora molto chiara; sembra svolgere un ruolo chiave la proliferazione di un lievito che vive sulla nostra pelle, la Malassezia Furfur.
Non sono da sottovalutare altri fattori quali la familiarità, lo stress, la stagionalità.
La dermatite seborroica si manifesta con l’eritema della regione sopraccigliare, dei solchi nasogenieni, l’aumento del prurito e della forfora del cuoio capelluto.

La rosacea, altra dermatosi classica del viso, definita anche couperose, ha subito sicuramente un’impennata di peggioramenti e nuove manifestazioni. Essa può presentarsi come eritema del viso diffuso alla zona centro-facciale, al flushing, vampate di rossore e calore improvviso, alla dilatazione capillari che conferisce al volto un aspetto cronicamente rubro, fino a manifestazioni papulo-pustolose e iperplastiche.
Anche per questa l’uso della mascherina favorisce l’azione di altri fattori quali la predisposizione, lo stress, i problemi gastroenterici, il fumo, l’alcol il consumo di caffè che sono alcune delle cause che portano a questa patologia.

Le dermatiti eczematose chiudono un po’ questa breve descrizione sulle dermatiti del viso più presenti in questo periodo storico.
In particolare le dermatiti palpebrali hanno aumentato copiosamente la loro incidenza con l’avvento delle mascherine. Prurito, desquamazione, vescicolazione ed essudazione sono alcune delle caratteristiche di queste dermatiti. La causa può esser difficile da constatare, ma in gran parte esse sono ascrivibili a dermatiti da contatto con o senza una sensibilizzazione allergica.
Per una corretta diagnosi si rendono talvolta necessarie prove allergiche epicutanee.

In questo ginepraio il dermatologo deve esser lo specialista di riferimento, l’unico in grado di diagnosticare, gestire e prevenire l’esordio e il peggioramento di queste dermatosi.

Dottor Garbarino Federico - dermatologoContinua la rubrica de La Pressa A Cura di, realizzata dal gruppo di medici e operatori sanitari del Poliambulatorio Fisio Line di Modena. Per porre domande: info@fisioline.net indicando nell’oggetto “La Pressa”.

L’infezione da Sars-Cov-2 colpisce anche la pelle dando le più disparate manifestazioni cutanee, ormai ampiamente descritte in letteratura scientifica.
Come gran parte delle infezioni virali, essa può davvero mimare un ampio spettro di manifestazioni dermatologiche, dagli esantemi, all’orticaria, alle vasculiti.
Tralasciando i segni più specifici e direttamente correlati all’infezione, notiamo che oggi varie manifestazioni cutanee sono da correlarsi alla variazione del nostro stile di vita, ed in particolare all’utilizzo della mascherina, strumento essenziale per limitare la diffusione del contagio; abbiamo quotidianamente a che fare con uno strumento che può irritare molto il nostro viso, ed è di questa che oggi parliamo.
La mascherina, con una azione di sfregamento e occlusione della nostra pelle, ha fatto comparire o riesacerbare dermatiti del viso di varia natura.
Prima fra tutti l’acne; è peggiorata in soggetti che già soffrivano di questo disturbo, ed è esordita in pazienti anche non più proprio adolescenti. E’ talmente diffuso questo effetto indotto dalla mascherina che è stato coniato addirittura il neologismo di Maskne (acne da mascherina).
Questo peggioramento/esordio è dovuto a molteplici fattori, fra i quali ricordiamo i più facili da osservare e comprendere:
lo sfregamento cronico della mascherina
la variazione dell’umidità e della temperatura cutanea inficiata dagli atti respiratori all’interno della mascherina
la proliferazione batterica grazie al microambiente che viene a crearsi.

Altra dermatosi ampiamente diagnosticata in questo periodo è la dermatite seborroica. Dermatite la cui eziopatogenesi non è ancora molto chiara; sembra svolgere un ruolo chiave la proliferazione di un lievito che vive sulla nostra pelle, la Malassezia Furfur.
Non sono da sottovalutare altri fattori quali la familiarità, lo stress, la stagionalità.
La dermatite seborroica si manifesta con l’eritema della regione sopraccigliare, dei solchi nasogenieni, l’aumento del prurito e della forfora del cuoio capelluto.

La rosacea, altra dermatosi classica del viso, definita anche couperose, ha subito sicuramente un’impennata di peggioramenti e nuove manifestazioni. Essa può presentarsi come eritema del viso diffuso alla zona centro-facciale, al flushing, vampate di rossore e calore improvviso, alla dilatazione capillari che conferisce al volto un aspetto cronicamente rubro, fino a manifestazioni papulo-pustolose e iperplastiche.
Anche per questa l’uso della mascherina favorisce l’azione di altri fattori quali la predisposizione, lo stress, i problemi gastroenterici, il fumo, l’alcol il consumo di caffè che sono alcune delle cause che portano a questa patologia.

Le dermatiti eczematose chiudono un po’ questa breve descrizione sulle dermatiti del viso più presenti in questo periodo storico.
In particolare le dermatiti palpebrali hanno aumentato copiosamente la loro incidenza con l’avvento delle mascherine. Prurito, desquamazione, vescicolazione ed essudazione sono alcune delle caratteristiche di queste dermatiti. La causa può esser difficile da constatare, ma in gran parte esse sono ascrivibili a dermatiti da contatto con o senza una sensibilizzazione allergica.
Per una corretta diagnosi si rendono talvolta necessarie prove allergiche epicutanee.

In questo ginepraio il dermatologo deve esser lo specialista di riferimento, l’unico in grado di diagnosticare, gestire e prevenire l’esordio e il peggioramento di queste dermatosi.

Dottor Garbarino Federico - dermatologo



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


A cura di - Articoli Recenti
Ipoacusia e decadimento cognitivo, ..
Ancora una volta il Poliambulatorio Fisio Line ci guida verso la conoscenza di atteggiamenti..
14 Giugno 2022 - 13:44
Test prenatale non invasivo - NiPT: ..
Il NIPT è in grado di determinare il rischio per le anomalie ricercate con una elevata ..
10 Maggio 2022 - 12:18
Scoliosi, come riconoscerla ed ..
La colonna vertebrale ci sostiene per tutta la vita e occorre prendersene cura nel modo più..
03 Maggio 2022 - 11:12
Buone regole per la schiena in ..
Lo sviluppo corretto del corpo passa da un’adeguata abitudine posturale in tutti i ..
27 Aprile 2022 - 18:56
A cura di - Articoli più letti
Il fegato grasso: lo stile di vita ..
Il fegato grasso è il primo segnale di possibili future malattie cardiovascolari ..
03 Marzo 2021 - 12:47
Perch? non riusciamo a perdere peso?
La dottoressa Silvia Ariotti risponde ad alcune domande poste dai pazienti
23 Marzo 2021 - 07:14
Rachialgia, come combattere il mal di..
Che cos'? e come prendersene cura. Approccio osteopatico e fisioterapico
06 Aprile 2021 - 08:10
I peccati di gola delle feste? Ecco ..
Silvia Ariotti: 'Oggi vi indichiamo come affrontare gli eccessi alimentari del periodo di ..
10 Gennaio 2022 - 14:52