Dante viene esiliato da Firenze: 10 marzo 1302
e-work Spa
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
rubricheAccadde oggi

Dante viene esiliato da Firenze: 10 marzo 1302

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il 10 Marzo 1302 Dante, bandito da Firenze, lasciò la città e non vi rimise più piede, morendo a Ravenna nel 1321


Dante viene esiliato da Firenze: 10 marzo 1302
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dante Alighieri nella sua vita, non fu solo Poeta eccelso, ebbe anche incarichi politici. Quando salirono al potere i Guelfi neri gli appartenenti alla fazione dei Guelfi bianchi, tra cui il Sommo Poeta, furono oggetto di persecuzioni.
Il loro destino era segnato, la loro fine prevedeva o l'uccisione oppure l'espulsione dalla città.
Il 10 Marzo 1302 Dante, bandito da Firenze, lasciò la città e non vi rimise più piede, morendo a Ravenna nel 1321. Secondo gli storici, il 17 febbraio 1302, Dante ricevette una prima condanna per corruzione nell'esercizio di funzioni pubbliche: una accusa infondata che il Poeta respinse con forza.
Il 10 Marzo dello stesso anno venne emessa una nuova sentenza ai danni di Dante, che rese l'esilio da Firenze inevitabile. Dopo aver soggiornato in diverse città d'Italia, tra il 1318 e il 1320 si trasferì a Ravenna dove fu accolto con benevolenza e ammirazione.

Attraverso l'esperienza dell'esilio, Dante riuscì a capire a fondo la metafora biblica secondo cui tutta l'umanità è in esilio da quando ha lasciato il Paradiso Terrestre e ha dovuto vivere lontana da Dio. Solo seguendo e camminando per la 'diritta via' è possibile compiere un percorso che riporta alla casa del Padre: patria di ogni uomo.
Per Dante Alighieri la vita è come un esilio da Dio; si possono perciò capire meglio anche le immagini all'inizio della Divina Commedia: 'Nel mezzo del cammin di nostra vita / mi ritrovai per una selva oscura / che la diritta via era smarrita'.

Dante inserisce proprio l'immagine della vita come un cammino e sostituisce l'aggettivo possessivo singolare con il plurale 'nostra'. Si deduce pertanto che la vicenda raccontata, non è solo individuale di Dante Alighieri, ma ha un significato più  generale. Dante Alighieri, come uomo in esilio da Dio nella vita terrena, è un uomo qualunque, impegnato come ognuno di noi nel viaggio di ritorno nella casa sua vicino a Dio.
 
 
 

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina
Articoli Correlati

Onoranze funebri Simoni
Accadde oggi - Articoli Recenti
Viene fondata Alcolisti anonimi: 10 giugno 1935
I fondatori dell'Associazione ebbero la grande intuizione di applicare l'autoaiuto alla ..
10 Giugno 2024 - 07:02
Nasce Paperino: è il 9 giugno 1934
Paperino è nato dalla penna di Al Tagliaferro che gli conferisce un segno grafico buffo e ..
09 Giugno 2024 - 07:21
Berlinguer ha un malore sul palco di Padova: 7 giugno 1984
Venne colpito da un ictus che lo portò alla morte 4 giorni dopo
07 Giugno 2024 - 07:55
Accadde oggi - Articoli più letti
Grande concerto di Pino Daniele a Napoli: era il 19 settembre 1981
Piazza Plebiscito, dove si tenne il concerto, era il salotto della cosiddetta Napoli bene, ..
19 Settembre 2023 - 08:08
21 ottobre, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell'ascolto
L'ascolto nelle relazioni interpersonali permette di sviluppare legami duraturi basati sulla..
21 Ottobre 2023 - 06:00
Il 9 ottobre 1967 veniva ucciso in Bolivia Che Guevara
Il Che è considerato un nemico coerente dell'oppressione e un simbolo di libertà e di ..
09 Ottobre 2023 - 06:38
In una sala da ballo di Cremona nasce il mito di Mina
È il 24 settembre del 1958 quando Natalino Otto e Flo Sandon's scoprono la cantante, allora..
24 Settembre 2023 - 07:28