I nazifascisti torturano e uccidono Ines Bedeschi: 28 marzo 1945
e-work Spa
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
rubricheAccadde oggi

I nazifascisti torturano e uccidono Ines Bedeschi: 28 marzo 1945

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nata in una famiglia di agricoltori, Ines partecipa attivamente alla Resistenza Emiliana, rendendo la sua casa un punto di riferimento per i partigiani


I nazifascisti torturano e uccidono Ines Bedeschi: 28 marzo 1945
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Durante una missione, a poche settimane dalla liberazione, viene catturata dai nazifascisti la partigiana Ines Bedeschi, che dopo averla barbaramente torturata, senza ottenere alcuna confessione, la fucilano, il 28 marzo 1945, per poi gettare il suo corpo nel Po.

Nata in una famiglia di agricoltori, Ines partecipa attivamente alla Resistenza Emiliana, rendendo la sua casa un punto di riferimento per i partigiani. Ines assume anche compiti di staffetta e porta a termine delicate missioni, incurante dei rischi e dei pericoli, preferisce il supremo sacrificio anziché tradire i suoi compagni di lotta.

I compiti ricoperti dalle donne durante la Resistenza sono molteplici; oltre che assistere i feriti e  contribuire alla raccolta indumenti, cibo e medicinali, partecipano alle riunioni politiche e sanno anche cimentarsi con le armi. Le partigiane diffondono inoltre la stampa clandestina, trasportano cartucce ed esplosivi nelle borse della spesa e hanno cura dei morti.
Particolarmente prezioso è il loro compito di comunicazione: con astuzia riescono a passare i posti di blocco nemici per raggiungere i compagni informandoli dei nuovi movimenti.
Sono solo 19 le donne italiane decorate con la medaglia d'oro militare e tra queste c'è Ines Bedeschi, morta eroicamente per liberare l'Italia.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Onoranze funebri Simoni
Accadde oggi - Articoli Recenti
Viene fondata Alcolisti anonimi: 10 giugno 1935
I fondatori dell'Associazione ebbero la grande intuizione di applicare l'autoaiuto alla ..
10 Giugno 2024 - 07:02
Nasce Paperino: è il 9 giugno 1934
Paperino è nato dalla penna di Al Tagliaferro che gli conferisce un segno grafico buffo e ..
09 Giugno 2024 - 07:21
Berlinguer ha un malore sul palco di Padova: 7 giugno 1984
Venne colpito da un ictus che lo portò alla morte 4 giorni dopo
07 Giugno 2024 - 07:55
Accadde oggi - Articoli più letti
Grande concerto di Pino Daniele a Napoli: era il 19 settembre 1981
Piazza Plebiscito, dove si tenne il concerto, era il salotto della cosiddetta Napoli bene, ..
19 Settembre 2023 - 08:08
21 ottobre, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell'ascolto
L'ascolto nelle relazioni interpersonali permette di sviluppare legami duraturi basati sulla..
21 Ottobre 2023 - 06:00
Il 9 ottobre 1967 veniva ucciso in Bolivia Che Guevara
Il Che è considerato un nemico coerente dell'oppressione e un simbolo di libertà e di ..
09 Ottobre 2023 - 06:38
In una sala da ballo di Cremona nasce il mito di Mina
È il 24 settembre del 1958 quando Natalino Otto e Flo Sandon's scoprono la cantante, allora..
24 Settembre 2023 - 07:28