Muore il maestro Alberto Manzi: è il 4 dicembre 1997
e-work Spa
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
rubricheAccadde oggi

Muore il maestro Alberto Manzi: è il 4 dicembre 1997

La Pressa
Logo LaPressa.it

Per Manzi lo scrivere valutazioni specifiche non è educativo poiché ogni ragazzo cambia e la valutazione, così concepita bolla gli alunni per gli anni a venire


Muore il maestro Alberto Manzi: è il 4 dicembre 1997
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il maestro Alberto Manzi muore a Pitigliano il 4 dicembre 1997; era nato a Roma nel 1924. Nel 1946 inizia, la sua attività didattica, con l'insegnamento nel carcere minorile 'Aristide Gabelli' di Roma.
Manzi deve insegnare a 90 ragazzi tra i 9 e i 17 anni in un enorme aula senza banchi. Alberto riesce a guadagnarsi l'attenzione dei ragazzi: anche grazie alla fiducia del direttore del carcere gli alunni pubblicano il primo giornale fatto in carcere, 'La Tradotta'.
Di tutti quei ragazzi, usciti poi dal carcere, solo due vi ritornarono.
Il maestro Manzi nel 1948 è eletto sindaco di Pitigliano e nello stesso anno ottiene il premio 'Collodi per Grogh, storia di un castoro' romanzo per ragazzi.
Nel 1950, il noto maestro, prende servizio come insegnante elementare presso la scuola 'Fratelli Bandiera' di Roma e collabora con Gianni Rodari e Jacovitti alla rivista il 'Vittorioso'.

Nel 1960 è scelto per presentare il programma TV 'Non è mai troppo tardi', concepito come strumento nella lotta all'analfabetismo. La trasmissione ha un grande successo: Manzi riproduce, in televisione, delle vere e proprie lezioni di scuola primaria con metodologie innovative. Concluso il programma, che durò 8 anni, Alberto Manzi torna all'insegnamento nella scuola 'Fratelli Bandiera'.

Nel 1971 il maestro Manzi rifiuta di redigere le 'schede di valutazione' che la riforma aveva ideato.
A suo dire tali valutazioni mortificano gli alunni. Per questa disobbedienza è sospeso dall'insegnamento e dallo stipendio. Solo dopo la pressione del ministero, Manzi si rende disponibile a redigere una valutazione uguale per tutti tramite un timbro: il giudizio così è 'fa quel che può, quel che non può non fa'. Per Manzi lo scrivere valutazioni specifiche non è educativo poiché ogni ragazzo cambia e la valutazione, così concepita bolla gli alunni per gli anni a venire.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Onoranze funebri Simoni
Accadde oggi - Articoli Recenti
Viene fondata Alcolisti anonimi: 10 giugno 1935
I fondatori dell'Associazione ebbero la grande intuizione di applicare l'autoaiuto alla ..
10 Giugno 2024 - 07:02
Nasce Paperino: è il 9 giugno 1934
Paperino è nato dalla penna di Al Tagliaferro che gli conferisce un segno grafico buffo e ..
09 Giugno 2024 - 07:21
Berlinguer ha un malore sul palco di Padova: 7 giugno 1984
Venne colpito da un ictus che lo portò alla morte 4 giorni dopo
07 Giugno 2024 - 07:55
Accadde oggi - Articoli più letti
Grande concerto di Pino Daniele a Napoli: era il 19 settembre 1981
Piazza Plebiscito, dove si tenne il concerto, era il salotto della cosiddetta Napoli bene, ..
19 Settembre 2023 - 08:08
21 ottobre, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell'ascolto
L'ascolto nelle relazioni interpersonali permette di sviluppare legami duraturi basati sulla..
21 Ottobre 2023 - 06:00
Il 9 ottobre 1967 veniva ucciso in Bolivia Che Guevara
Il Che è considerato un nemico coerente dell'oppressione e un simbolo di libertà e di ..
09 Ottobre 2023 - 06:38
In una sala da ballo di Cremona nasce il mito di Mina
È il 24 settembre del 1958 quando Natalino Otto e Flo Sandon's scoprono la cantante, allora..
24 Settembre 2023 - 07:28