Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
rubricheIl Galeotto

La propaganda elettorale dal balcone del Comune: Muzzarelli non si smentisce

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dalla pagina Facebook da sindaco, invita a partecipare all'evento di chiusura della campagna elettorale questa sera in piazza Matteotti


La propaganda elettorale dal balcone del Comune: Muzzarelli non si smentisce
Da un lato c'è la legge sulla par condicio che vieta, per l'intera durata della campagna elettorale, a tutti gli amministratori pubblici, di utilizzare i mezzi di comunicazione dell'ente (web, social, cartacei) per fare comunicazione diretta e personale. Ciò per evitare che la visibilità data dalla carica istituzionale sia utilizzata a fini politici ed elettorali. Dall'altro gli stessi amministratori pubblici che, pur rispettando la legge, non apparendo in prima persona e con interventi che vadano al di là della loro funzione istituzionale nei canali di comunicazione dell'ente, ne aggirano di fatto il principio ispiratore, trasformando comunque il Comune o l'ente locale in strumenti o luoghi di propaganda politica. C Ovvero proprio ciò che la legge, almeno nel suo principio ispiratore, vorrebbe evitare. C'è chi lo fa con moderazione e stile e c'è chi no.
Tra questi ultimi il sindaco di Modena, già noto per altri simili precedenti, si è nuovamente distinto. In questo caso attraverso la propria pagina Facebook dove, ha diffuso un breve e ripetitivo video, modello Tik Tok, con il quale lancia l'appuntamento elettorale PD di questa sera. Va ribadito: la legge non vieta agli amministratori di fare propaganda elettorale attraverso altri strumenti diversi da quelli istituzionale, tanto più se privati, personali e sganciati dal ruolo istituzionali. Il problema, che è più di stile e correttezza anche nei confronti delle altre forze politiche, riguarda il se e come farlo. Se attraverso mezzi non istituzionali (la pagina FB anche se da sindaco) vengono lanciati messaggi politici che utilizzano la visibilità ed i luoghi garantiti dal proprio ruolo istituzionale, da sindaco, utilizzando il comune come set per la propaganda politica, allora il problema, anche se tecnicamente non perseguibile, rimane sul piano politico.
Anche perché così è come fare passare dalla finestra tutto ciò che la par condicio ha impedito di fare passare dalla porta centrale.

Il limite è sottile ma importante. Anche l'ultimo spot elettorale di Muzzarelli è stato lanciato dalla pagina Facebook del sindaco di Modena. Non personale, di Giancarlo Muzzarelli, ma di Giancarlo Muzzarelli sindaco di Modena, più precisamente 'Per Modena'. All'interno del comune, del Municipio. Qui, dall'inizio della campagna elettorale, le stanze comunali, tra cui quella del sindaco, sono apparse spesso location in cui ospitare e fotografare e divulgare volti dei candidati PD. Con sorrisi e strette di mano. Se a questo aggiungiamo che ogni giorno si organizzano conferenze stampa in comune anche sul nulla, con frequenze e sequenze impensabili in altro periodo non elettorale, pur di fare apparire a fotografi e giornalisti gli amministratori PD ed il loro magnifico operato. Se a questo poi aggiungiamo la balconata interna del comune come location per promuovere, in formato Tik Tok, condiviso su Facebook, la manifestazione elettorale del PD e delle sinistre questa sera in piazza Matteotti, allora, pur nella legittimità, si va ben oltre.
 
Non basta evitare l'utilizzo dei mezzi di comunicazione del comune, in ottemperanza alla legge (legge che in passato lo stesso Comune di Modena e il sindaco hanno violato con tanto di richiamo e ammenda), per rispettarne anche il principio ispiratore. Un principio in base al quale bisognerebbe evitare o quantomeno limitare scene e atti del genere che non fanno altro fare apparire il comune al servizio di un partito e di una parte politica. 

E ciò al netto del fatto che in campagna elettorale, lo sappiamo, il confine tra ruolo istituzionale e politico diventa sempre più sottile; al netto che è prevedibile (anzi ci meraviglieremmo del contrario), che un'amministratore pubblico faccia campagna elettorale per il partito che lo ha fatto eleggere e di cui espressione. Ci mancherebbe. Magari salendo sul palco politico, come farà Muzzarelli e come ha fatto, senza però fare comizi, il sindaco di Sassuolo Menani, sul palco di e con Salvini. Senza però lanciare video di propaganda elettorali dalla casa Municipale, come ha fatto Muzzarelli. Senza utilizzare costantemente le istituzioni come luoghi a consumo della politica e della propaganda di parte. Perché ci sono forme da rispettare, che sono anche sostanza, che riguardano i luoghi del Comune, la casa dei cittadini, di tutti i cittadini; luoghi che non possono, o almeno non dovrebbero, essere sviliti e utilizzati come megafono della propaganda politica. Le istituzioni che si rappresentano meritano rispetto così come lo meritano tutte le forze politiche in campo. In egual misura.

Gianni GaleottiDa un lato c'è la legge sulla par condicio che vieta, per l'intera durata della campagna elettorale, a tutti gli amministratori pubblici, di utilizzare i mezzi di comunicazione dell'ente (web, social, cartacei) per fare comunicazione diretta e personale. Ciò per evitare che la visibilità data dalla carica istituzionale sia utilizzata a fini politici ed elettorali. Dall'altro gli stessi amministratori pubblici che, pur rispettando la legge, non apparendo in prima persona e con interventi che vadano al di là della loro funzione istituzionale nei canali di comunicazione dell'ente, ne aggirano di fatto il principio ispiratore, trasformando comunque il Comune o l'ente locale in strumenti o luoghi di propaganda politica. C Ovvero proprio ciò che la legge, almeno nel suo principio ispiratore, vorrebbe evitare. C'è chi lo fa con moderazione e stile e c'è chi no.
Tra questi ultimi il sindaco di Modena, già noto per altri simili precedenti, si è nuovamente distinto. In questo caso attraverso la propria pagina Facebook dove, ha diffuso un breve e ripetitivo video, modello Tik Tok, con il quale lancia l'appuntamento elettorale PD di questa sera. Va ribadito: la legge non vieta agli amministratori di fare propaganda elettorale attraverso altri strumenti diversi da quelli istituzionale, tanto più se privati, personali e sganciati dal ruolo istituzionali. Il problema, che è più di stile e correttezza anche nei confronti delle altre forze politiche, riguarda il se e come farlo. Se attraverso mezzi non istituzionali (la pagina FB anche se da sindaco) vengono lanciati messaggi politici che utilizzano la visibilità ed i luoghi garantiti dal proprio ruolo istituzionale, da sindaco, utilizzando il comune come set per la propaganda politica, allora il problema, anche se tecnicamente non perseguibile, rimane sul piano politico.
Anche perché così è come fare passare dalla finestra tutto ciò che la par condicio ha impedito di fare passare dalla porta centrale.

Il limite è sottile ma importante. Anche l'ultimo spot elettorale di Muzzarelli è stato lanciato dalla pagina Facebook del sindaco di Modena. Non personale, di Giancarlo Muzzarelli, ma di Giancarlo Muzzarelli sindaco di Modena, più precisamente 'Per Modena'. All'interno del comune, del Municipio. Qui, dall'inizio della campagna elettorale, le stanze comunali, tra cui quella del sindaco, sono apparse spesso location in cui ospitare e fotografare e divulgare volti dei candidati PD. Con sorrisi e strette di mano. Se a questo aggiungiamo che ogni giorno si organizzano conferenze stampa in comune anche sul nulla, con frequenze e sequenze impensabili in altro periodo non elettorale, pur di fare apparire a fotografi e giornalisti gli amministratori PD ed il loro magnifico operato. Se a questo poi aggiungiamo la balconata interna del comune come location per promuovere, in formato Tik Tok, condiviso su Facebook, la manifestazione elettorale del PD e delle sinistre questa sera in piazza Matteotti, allora, pur nella legittimità, si va ben oltre.
 
Non basta evitare l'utilizzo dei mezzi di comunicazione del comune, in ottemperanza alla legge (legge che in passato lo stesso Comune di Modena e il sindaco hanno violato con tanto di richiamo e ammenda), per rispettarne anche il principio ispiratore. Un principio in base al quale bisognerebbe evitare o quantomeno limitare scene e atti del genere che non fanno altro fare apparire il comune al servizio di un partito e di una parte politica. 

E ciò al netto del fatto che in campagna elettorale, lo sappiamo, il confine tra ruolo istituzionale e politico diventa sempre più sottile; al netto che è prevedibile (anzi ci meraviglieremmo del contrario), che un'amministratore pubblico faccia campagna elettorale per il partito che lo ha fatto eleggere e di cui espressione. Ci mancherebbe. Magari salendo sul palco politico, come farà Muzzarelli e come ha fatto, senza però fare comizi, il sindaco di Sassuolo Menani, sul palco di e con Salvini. Senza però lanciare video di propaganda elettorali dalla casa Municipale, come ha fatto Muzzarelli. Senza utilizzare costantemente le istituzioni come luoghi a consumo della politica e della propaganda di parte. Perché ci sono forme da rispettare, che sono anche sostanza, che riguardano i luoghi del Comune, la casa dei cittadini, di tutti i cittadini; luoghi che non possono, o almeno non dovrebbero, essere sviliti e utilizzati come megafono della propaganda politica. Le istituzioni che si rappresentano meritano rispetto così come lo meritano tutte le forze politiche in campo. In egual misura.

Gianni Galeotti



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Il Galeotto - Articoli Recenti
La grande beffa
Il caso delle fonderie cooperative al cui il Tar ha concesso di proseguire l'attività fino ..
09 Febbraio 2022 - 15:33
Perch? Papa e sindaci tutti vicini ..
Stupore di fronte alle immagini di schiere di sindaci (tra cui quello di Modena), senza ..
08 Febbraio 2022 - 01:00
L' uso della fascia tricolore al ..
Il Ministero ne prevede l'uso da parte di altri esponenti dell'amministrazione, oltre il ..
31 Ottobre 2021 - 23:40
Il Galeotto - Articoli più letti
I Promessi Consip
Renzi e la Musti. E l'Ultimo uomo mascherato a fare da innominato
17 Settembre 2017 - 00:07
Minniti, Renzi e Richetti: ecco gli ..
Ultima giornata di lavoro della Conferenza programmatica del Pd
30 Ottobre 2017 - 23:00
Bonaccini, collezione-estate
Un bel selfie di Stefano Bonaccini con il potentissimo Gianni Prandi
26 Luglio 2017 - 10:31
Pessime notizie
'L'annuncio dell'apertura della Pressa rappresenta una pessima notizia... No mi sono ..
23 Aprile 2017 - 08:55