Ferrari, si rimpiange già Binotto
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubricheLe Vignette di Paride

Ferrari, si rimpiange già Binotto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Bisognava lasciare lavorare il Faraone-Binotto...


Ferrari, si rimpiange già Binotto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Tutti sappiamo che la Ferrari ha maggiori introiti e strumenti, se non alla pari, superiori agli altri team. Infatti l'anno scorso, proprio a Sakir, dopo molti anni, la Ferrari di Binotto fece una doppietta e la Red Bull rimase a bocca sciutta. Poi, durante l'anno, i ruoli si ribaltarono, 'grazie' soprattutto ad un paio di errori madornali al muretto del cavallino rampante e, forse, una gestione sportiva, ammettiamolo, non proprio ad alti livelli: ma lì ci vuole esperienza sul campo, o no?

E poi, se non ricordo male, anche Jean Todt (allora già esperto come direttore tecnico-sportivo, anche se nei rally), in tempi non sospetti, per quattro anni fece degli errori madornali e, quel che è peggio, con un certo Schumacher (anche se, a differenza di Carletto Leclerc, il teutonico era entrato in Ferrari già come campione del mondo) prima di centrare la coppa del mondo, o no? E gli Agnelli misero mani al portafogli, assumendo oltreché un campione del mondo, Ross Brown, praticamente un genio.

Insomma, nel regno della velocità per eccellenza, secondo la mia modesta opinione, bisognava lasciare lavorare il Faraone-Binotto e, spiace, ma il suo sostituto, tal Fred Vasseur, è la riprova, ancora una volta, che manca qualcosa, è inutile girarci attorno: è di solare evidenza. E cosa ti resta? Se non continuare a perdere oltreché un immenso spreco di denaro e di talenti? Caro John Elkann, cosa ti costa assumere un altro Adrian Martin Newey? Perché, delle due, l'una: o sei una resca, oppure hai dei cattivi consiglieri! Finita lì.
Paride Puglia

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia

Ozonoterapia 1
Le Vignette di Paride - Articoli Recenti
Per ritrovarsi, bisogna prima smarrirsi
Diritto di amare e ripudio della guerra
26 Maggio 2024 - 14:35
Lo spirito dei tempi
Forse davvero oramai tutto è perduto
21 Maggio 2024 - 15:29
L'Aia ha messo Israele e Hamas sullo stesso piano
Il terrorismo dal basso di Hamas e il terrorismo dall'alto d'Israele
20 Maggio 2024 - 17:01
Tu ne sai niente?
L'incidente in elicottero e la morte del presidente
20 Maggio 2024 - 10:18
Le Vignette di Paride - Articoli più letti
Lite tra Bonaccini e Meloni: e chi ha perso tutto è al verde
Praticamente gli sta sulle scatole Bonaccini, quindi i soldi per la ricostruzione glieli ..
14 Agosto 2023 - 19:30
I soldati di Allah
L'attacco terrorista a New York visto da Paride
02 Novembre 2017 - 11:39
Bonaccini contro tutti
In fondo la differenza tra bene e male è sottile
15 Agosto 2023 - 18:21
Quel putiniano di Orsini
Come cambiano le opinioni
22 Agosto 2023 - 07:30