Nuovi mostri: contro i runner per celare le colpe di uno Stato inerme
Whatsapp
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Whatsapp
rubricheLe Vignette di Paride

Nuovi mostri: contro i runner per celare le colpe di uno Stato inerme

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il rispetto dei medici non è indossare mascherine quando si è soli... Ma garantirle in corsia. E' fare tamponi a tutti e curare le persone ai primi sintomi


Nuovi mostri: contro i runner per celare le colpe di uno Stato inerme
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il sonno della libertà genera mostri. I mostri della paura e della caccia al colpevole, un colpevole che deve essere il più possibile vicino, fotografabile, a portata di mano. Con una camicia di lino, da malefico untore, sulla quale appiccicare con la colla del proprio rancore una lettera scarlatta, un runner con una casa da distruggere su cui ereggere un'altra infame colonna. 

Un colpevole che - nei momenti di paura vera - non viene visto invece in uno Stato inerme, incapace di garantire anche a quelli che chiama 'eroi', 'in prima linea', gli strumenti minimi di protezione individuale. Uno Stato e una Regione, l'Emilia Romagna, incapace di fare tamponi a casa a chi telefona con la febbre, disperato. Incapace anche di fare test a tutti medici, addirittura licenziando un documento (poi ritrattato) dove si permette loro di lavorare anche se positivi ma asintomatici.

Uno Stato che si riempie la bocca di slogan e spot buonisti, ma che non riesce nemmeno a regalare mascherine ai dipendenti dei centri commerciali o ai camionisti o ai benzinai. Commessi costretti a camminare tra le corsie con pezzi di carta igienica sulla faccia.
E non è una metafora.

Uno Stato che sa gridare, sussurrare, intimare 'State a casa...' senza dire chiaramente che la tragedia umana e sociale alla quale stiamo assistendo è aggravata da decenni di tagli sulla sanità pubblica. Ricordiamo, dati 2017, che i 192mila posti letto disponibili negli ospedali italiani corrispondono a una media di circa 3,2 posti per 1.000 abitanti, sesto dato più basso d'Europa che ha una media di 5 posti letto su 1.000 abitanti con la Germania prima con 8 letti ogni 1000 cittadini. Nonostante una tassazione tra le più alte del mondo.

Perchè è vero, in casa bisogna starci oggi, necessariamente, ma se non si immaginano controlli a tappeto e non si iniziano a curare i malati ai primi sintomi costringendoli invece ad andare all'ospedale in condizioni spesso disperate, allora quello 'stare a casa' diventa un orizzonte sine die. Una resa.

Senza nemmeno pensare al capitolo economico. Che fa storia a sè e farà purtroppo dramma a sè.


Ma questo Stato che nasconde le sue colpe oggi è troppo distante per rappresentare lo sfogatoio delle  ansie e paure di tutti. La rabbia ha bisogno di un nemico vicino contro cui sputare sentenze e giudizi.  Nello Stato ora si deve credere ciecamente e dello Stato - impersonato da militari che controllano con le armi impugnate anche chi passeggia per strada da solo - si ha rispetto, paura.

'Non è il tempo delle polemiche...' Ecco le parole che sopiscono ogni appunto e ogni critica. Sì, vero non è tempo delle polemiche, infatti è tempo delle liti tra poveri. Quelle vanno bene, perchè non destabilizzano. Come i capponi di Renzo, uno contro l'altro a misurare chi ha osato stare mezz'ora di più in giardino. Un cittadino contro l'altro, un sindaco contro l'altro per difendere il proprio ospedale, come se ci fosse già un muro tra due Comuni a 15 chilometri di distanza.
Concentrandosi sull'attimo senza alzare lo sguardo davanti a un mostro, il virus venuto dalla Cina, reso ancora più terribile, lo ripetiamo, da uno Stato che si è adoperato nel tagliare sull'unica arma che in questa guerra serviva: la sanità. Uno Stato che in fondo, al di là di gesti eroici di cittadini veri e di tante buone azioni da copertina, rappresenta quello che siamo. E che in fondo meritiamo.

Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Ozonoterapia 1
Le Vignette di Paride - Articoli Recenti
Diritti e paure
Presto ci verrà somministrata un altro tipo di libertà, come la libertà dei canarini ..
18 Maggio 2024 - 11:50
Eppure era un amante della letteratura...
Intanto ognuno era beatamente calato negli affari suoi
16 Maggio 2024 - 10:08
Un sogno vacuo
In tutto questo la disgrazia è che non c’è un 'popolo'
15 Maggio 2024 - 17:16
Eppure è successo
I criteri di scientificità completamente saltati, per la fretta
14 Maggio 2024 - 10:21
Le Vignette di Paride - Articoli più letti
Lite tra Bonaccini e Meloni: e chi ha perso tutto è al verde
Praticamente gli sta sulle scatole Bonaccini, quindi i soldi per la ricostruzione glieli ..
14 Agosto 2023 - 19:30
I soldati di Allah
L'attacco terrorista a New York visto da Paride
02 Novembre 2017 - 11:39
Bonaccini contro tutti
In fondo la differenza tra bene e male è sottile
15 Agosto 2023 - 18:21
Quel putiniano di Orsini
Come cambiano le opinioni
22 Agosto 2023 - 07:30