Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
rubrichePressa Tube

Realismo Bonaccini nella piazza di sinistra: 'Con la Meloni nessun pericolo fascista'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Presidente della Regione chiude la campagna elettorale della sinistra a Modena e lancia l'ultimo appello: 'Convincete gli indecisi puntando sulla nostra affidabilità, è sbagliato guardare tutti dall'alto al basso'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !

'Ho letto che a destra avrebbero raggiunto un accordo per cui Matteo Salvini potrebbe diventare ministro dell'Istruzione. Ci manca solo questo, c'è un limite a tutto. Basterebbe questo per rispondere alla domanda di un giornalista sul perché non votare il centro destra'. Parte con una stoccata che incontra poca approvazione anche tra il pubblico di sinistra accorso in piazza Matteotti, il presidente della Regione Stefano Bonaccini che chiude l'anedotto con con un parallelo ancora meno apprezzato: 'Mi sono anche chiesto perché Salvini proprio alla scuola? Forse perché in classe la campanella suona ogni ora e lui, dopo le regionali in Emilia-Romagna, non suona più neanche i campanelli'.

Cenni di applausi, qualche mugugno. La battuta non sfonda. Si va oltre, ma non oltre domenica 25.
Perché è tra venerdì e sabato che il PD e la sinistra possono ancora, secondo Bonaccini che evoca il ribaltamento dei sondaggi alle elezioni regionali di due anni fa, che vinse, recuperare quello svantaggio rispetto alla coalizione di un centro destra che veniva, fino a qualche giorno fa, segnalato vincente da tutti i sondaggi (lo ricordiamo vietati nei 15 giorni antecedenti al voto).
Anche perché 'ci sono milioni di indecisi, e' nostro dovere provare a convincerli dell'affidabilità della proposta che viene dal Pd e dal centrosinistra'. 'Io sono convinto che si possa avere un buon risultato- dice poi- bisogna però usare queste ore per lanciare messaggi molto chiari, molto semplici, per fare riflettere sull'affidabilità dell'una e dell'altra parte'. In ogni caso 'se c'è' qualcuno che può battere la destra siamo solo noi'. E qui il Presidente ridimensiona l'approccio spesso infarcito da superiorità morale ed intellettuale con cui gli esponenti PD parlano degli avversari. Come qualche minuto prima aveva fatto il sindaco di Modena, in un intervento dai toni accesi fortemente diviso, ma giocato sulla divisione tra bene e male dove è facile indovinare in che posto sta il bene, ovvero sempre e solo a sinistra. 'Dall' altra pare c'è il carbone a posto dell'energia green' aveva detto. 'C'è il guardare indietro, non c'è comunità'. E anche su questo punto, seppur indirettamente, ci pensa Bonaccini a ridimensionare il tutto. Almeno nella forma. 'Attenzione la Meloni non è fascista e il pericolo fascismo con lei al governo non c'e' (risposta indiretta anche a chi, come il candidato De Maria, poco prima, aveva dichiarato inconcepibile che una forza politica con una fiamma tricolore nel simbolo potesse governare il Paese). 'Il problema, semmai, - dice - è la preoccupazione, giustificata, in Europa, per le posizioni assunte da Salvini e Meloni, nei confronti di Orban'. 'Il problema non sono le loro posizioni atlantiste ma quelle europeiste' 

Per la chiusura Bonacini sceglie la metafora dell'aquilone, paragonando al popolo PD e di sinistra: capace di librarsi in volo nel momento in cui il vento è contrario

Gi.Ga





Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Pressa Tube - Articoli Recenti
Galati (Centro destra): 'Andare a ..
Appello al voto del già sottosegretario alle attività produttive, candidato ..
23 Settembre 2022 - 20:00
De Maria (Centro sinistra): ..
Il candidato nel collegio Uninominale Camera Carpi nell'appello al voto: 'Orgogliosi del ..
23 Settembre 2022 - 18:27
False fatturazioni nel commercio ..
Sequestrati beni per 99milioni di euro tra i quali due ville e uno yacht. Nove le misure ..
22 Settembre 2022 - 17:41
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento..
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: ..
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Green Pass, traditi da Stato e ..
I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la ..
23 Settembre 2021 - 13:17
'Non tornerò al lavoro finchè sarà..
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08