La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubrichePressa Tube

Sfonda porta della Prefettura urlando 'Io amo Allah'

La Pressa
Logo LaPressa.it

E' successo a Reggio. Sul posto sono intervenuti anche agenti della Digos e della squadra Volanti della Questura


Sono stati attimi di grande tensione, quelli registrati ieri a Reggio Emilia davanti all'ingresso secondario della Prefettura in via San Pietro Martire. Verso le 13.30 un uomo marocchino di 36 anni si è prima inginocchiato in mezzo alla strada a pregare nella posa tipica dei fedeli islamici, per poi sfondare il portone della Prefettura con un calcio. Al poliziotto di guardia in servizio che stava per uscire in strada il giovane, visibilmente ubriaco, ha rivolto degli insulti, aggiungendo poi: 'Io amo Allah' e 'Voi siete dei diavoli e io ammazzo tutti i diavoli'. Sul posto sono intervenuti anche agenti della Digos e della squadra Volanti della Questura, a cui il marocchino si è rivolto con frasi sconnesse, tra cui 'Allah Akbar'. Visto l'evidente stato di agitazione indotta dall'alcol, il 36enne e' stato scortato dalla Polizia all'ospedale Santa Maria Nuova, dove le visite hanno accertato la diagnosi di 'alterazione del comportamento per abuso etilico'. Il giovane è stato denunciato per minaccia a pubblico ufficiale e danneggiamento e, considerato 'socialmente pericoloso', è stato trasferito al centro di identificazione ed espulsione di Torino da cui sarà reimpatriato in Marocco.

Da quanto ricostruito dalla Digos il marocchino aveva già ricevuto 4 provvedimenti di espulsione: uno nel 2015 perchè irregolare, e altri 3 collezionati per lo stesso motivo in questo mese, l'ultimo dei quali spiccato dal questore Isabella Fusiello il 21 agosto scorso. Il giovane è stato in regola con il permesso di soggiorno- ottenuto per motivi di lavoro- dal 2009 al 2014. In occasione dell'ultimo rinnovo di 3 anni fa, però, ha presentato dei documenti falsi relativi ad un contratto di lavoro in realta' inesistente. Dalle verifiche dell'ufficio Immigrazione della Questura è risultato infatti che l'azienda in cui il marocchino dichiarava di essere impiegato aveva cessato l'attivita' alcuni mesi prima a causa della morte del titolare. Nel 2015 lo straniero irregolare era inoltre stato arrestato per possesso di stupefacenti e strumenti atti ad offendere. A Reggio Emilia dormiva in luoghi di fortuna e talvolta ospitato da alcuni conoscenti che, dopo le perquisizioni domiciliari effettuate dalla Digos, sono risultati del tutto estranei ai fatti. 'Sicuramente- spiega il dirigente della Digos reggiana Lucio Di Cicco- il soggetto nutriva del risentimento verso l'autorità. Per questo, considerate anche le frasi pronunciate in cui associava il personale di Polizia e alcuni passanti a 'diavoli' si e' provveduto a portarlo al Cie di Torino, in attesa dell'espulsione dal territorio nazionale'.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
I soldati di Allah
Le Vignette di Paride
02 Novembre 2017 - 11:39- Visite:53561
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader Legacoop: 'Colpa di manager ..
Parola d'Autore
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:23824
Prostitute, a Reggio Emilia i residenti protestano e chiedono ..
Politica
30 Agosto 2017 - 22:19- Visite:14387
Seta: bus strapieno, la polizia multa il conducente per sovraccarico
Politica
14 Novembre 2019 - 12:30- Visite:12433
Italiani doc
Le Vignette di Paride
29 Ottobre 2017 - 13:13- Visite:12186
Festeggiava la strage di Stoccolma, espulso
Oltre Modena
01 Giugno 2017 - 17:32- Visite:11804
Pressa Tube - Articoli Recenti
Scuola, sicurezza e chiusure ..
Partecipato sit-in statico e autorizzato oggi pomeriggio in Piazza Grande del movimento ..
05 Marzo 2021 - 22:18- Visite:130
Zona rossa, parlano Menani e Tomei: ..
'Dobbiamo attendere che l'efficacia della campagna vaccinale inizi a dare risultati, per ..
05 Marzo 2021 - 11:19- Visite:636
Processo fatti Alcar Uno, prima ..
L'accusa è quella di violenza privata, messa in atto dagli imputati che durante le proteste..
01 Marzo 2021 - 12:07- Visite:447
'Covid, con tale aumento di casi ..
Parla il Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica Ausl Modena Davide Ferrari: 'La ..
26 Febbraio 2021 - 17:07- Visite:456

I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti

Pressa Tube - Articoli più letti


'Lo Ius Soli sarà per noi il primo ..
Lo ha ribadito il Ministro Lorenzin nell'esordio modenese della sua campagna elettorale: ..
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43840
Coronavirus, allerta rossa a Carpi. ..
L'ordinanza è motivata dal fatto che la situazione a Carpi «ha delle peculiarità rispetto..
25 Febbraio 2020 - 14:33- Visite:26200
Edicola La Rotonda, l'appello del ..
Petizione per Domenico Di Maiolo, 'Sono disperato, introiti crollati da quando Conad vende i..
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:21710
'Coronavirus, quarantena oltre ..
Il noto psichiatra avverte: 'All'inizio la gente cantava sui terrazzi, ora è al limite ..
17 Aprile 2020 - 10:46- Visite:21229