19 ottobre 2020: quando il governo vietò anche ai bambini di giocare in gruppo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubricheSenza Memoria

19 ottobre 2020: quando il governo vietò anche ai bambini di giocare in gruppo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Esattamente tre anni fa l'entrata in vigore di un nuovo decreto cosiddetto anti-covid, con misure sempre più restrittive. Compreso il coprifuoco dopo le 21 nelle piazze e il divieto di qualsiasi attività sportiva o sociale che prevedesse contatto e vicinanza fisica, anche tra minori


19 ottobre 2020: quando il governo vietò anche ai bambini di giocare in gruppo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Chiusura di piazze e di strade dopo le ore 21, stop ad ogni forma di celebrazione civile o religiosa, sagre e feste di paese. Divieto assoluto di praticare attività fisica e ludica sportiva anche dilettantistica e amatoriale a contatto con altre persone. Compreso il gioco dei bambini anche all'aperto. Queste alcune delle misure apparentemente incredibili con gli occhi di oggi, ma reali e da non dimenticare, 'partorite' dal governo Conte tre anni fa. In piena emergenza pandemica e che consentì all'esecutivo italiano di introdurre provvedimenti dal forte connotato politico (e come venne dimostrato successivamente senza presupposto scientifico soprattutto in termini di protezione della salute pubblica), capaci però di condizionare e limitare le libertà personali ed i diritti della persona, arrivando ad intaccare anche il diritto al lavoro.

Attraverso strumenti di cui venne ugualente dimostrata l'inefficacia e l'assenza di fondamento scientifico, come il Green Pass sfociato poi in modo altrettanto scientificamente infondato nella sua applicazione, in super-green pass. Collegato all'avere fatto non più due ma, entro un certo periodo dalla seconda, anche la terza dose. 

Un certificato verde applicato in modo da renderlo ancora più grottesco, oltre che surreale. Per consentire l'accesso contingentato, anche in aree pubbliche, all'aperto, solo in presenza di persone non solo 'bi' ma 'tri'-dosate' e ad una distanza non inferiore ad un metro. 'Davanti, dietro e a lato, se sedute'. Sì, per Decreto si arrivò a specificare anche questo. Anche la distanza al ristorante, in orari definiti e in assenza di divisorie in plexiglass, che facevano apparire anche una cena a due come un incontro tra cliente e operatore in un ufficio postale.

Dove è negato il contatto fisico e consentito solo quello verbale e visivo. Come quelli che si consumavano nelle cosiddette stanze degli abbracci delle Cra, separati dal nylon, per mesi unica possibilità di fugace, e spesso ultimo contatto, tra persone anziane in strutture (protette ma come dimostrò il numero record di morti, nemmeno troppo), con i propri cari, prima di subire anche l'ultimo obbligo di legge: quello di morire soli, senza nessuno accanto. Perché questo successe e questo non dobbiamo dimenticare. Anche perché i danni provocati dalle politiche anti-covid saranno poi dimostrate (quelle sì anche sotto l'aspetto scientifico), nei mesi del post covid, e ancora oggi. Effetti negativi, a volte cronici, importanti ed evidenti che la stessa medicina dello sport di Modena (un tempo muta), confermò ripetutamente e recentemente.
Effetti anche sotto il profilo psicologico, provocati presumibilmente anche da un groviglio di regole contorte e contraddittorie tutto ed esclusivamente made in Italy che variava e vietava addirittura gli orari di apertura delle attività di ristorazione a seconda che il consumo fosse al tavolo, in piedi, consentendo alle prime di chiudere a mezzanotte e alle seconde alle 18. Ma lasciando senza limitazioni e senza regole i ristoranti sulle autostrade e negli aeroporti.
Ma la cosa più desolante è che tutto ciò venne accettato, in nome di un solo presunto interesse superiore. Si dimostrò che l'interesse superiore c'era ma non era quello sanitario e di salute pubblica semplicemente perché soprattutto nella seconda parte della fittizia emergenza, questi non c'erano. 
E anche questo bisogna ricordare, perché senza memoria non ci sono gli strumenti per poter combattere e sviluppare alcun pensiero critico e diffuso, necessario quando tutto ciò ritornerà. Non solo sul piano sanitario. 

Gi. GA.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Eppure è successo
Le Vignette di Paride
14 Maggio 2024 - 10:21
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45

Contattaci
Senza Memoria - Articoli Recenti
Volti nel lager: a Carpi la donazione delle lettere di Carlo Prina
In Fondazione la cerimonia di donazione delle lettere di Prina, tra i martiri della strage ..
27 Gennaio 2023 - 00:41
Di Maio in seggio emiliano blindato Pd? Tre anni fa diceva: 'Mai con partito di Bibbiano'
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Complanarina, nuovo rinvio: Muzzarelli la annuncia, a vuoto, dal 2014
Con l'ennesimo rinvio di un anno l'attuale sindaco conferma che dopo averla inserita come ..
14 Marzo 2022 - 10:02
Senza Memoria - Articoli più letti
Lo scalo Merci: da Modena a Marzaglia i simboli della città che (non) cambia
L'infrastruttura ferma da dieci anni ha bloccato lo sviluppo e la ricucitura dell'asse ovest..
06 Agosto 2017 - 00:35
Ex diurno e Piazza Mazzini: dopo 16 anni siamo all'anno zero
Bonaccini lo annunci? nel 2001, più di un milione di euro senza risultati
27 Aprile 2017 - 06:45
Il giorno in cui il PD disse si ad 841 nuovi alloggi
Era il 2 aprile 2012. In Consiglio comunale, al documento che diede il via libera a 533 ..
25 Settembre 2017 - 02:55
Parco Ferrari, ritorna il tema della riqualificazione
L'occasione del concerto di Vasco è un modo per rispolverare il progetto del Wwf che ..
03 Maggio 2017 - 18:34