Crediti Iva e controlli sottesi al rilascio del Visto di conformità
Ozonoterapia 2
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Ozonoterapia 2
rubricheSpazio alle Imprese

Crediti Iva e controlli sottesi al rilascio del Visto di conformità

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'Agenzia delle Entrate ha specificato che l'apposizione del visto di conformità presuppone sempre un controllo per garantire che il codice attività economica


Crediti Iva e controlli sottesi al rilascio del Visto di conformità
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nel panorama delle agevolazioni fiscali, i contribuenti che desiderano utilizzare i crediti IVA per la compensazione sono tenuti a ottenere il rilascio del visto di conformità, che deve essere apposto sulle dichiarazioni che certificano l'esistenza di tali crediti, in un’ottica di misura anti frode. Un'alternativa a questo processo è rappresentata dall’esigenza che la dichiarazione stessa venga sottoscritta dai soggetti responsabili del controllo contabile per i contribuenti soggetti alle normative di controllo stabilite dall'articolo 2409-bis del codice civile, ovvero le società obbligate ad avere un organo di revisione legale.

A partire dal 24 aprile 2017, l'obbligo di ottenere il visto di conformità si estende agli importi superiori a 5.000 euro annui, con un'eccezione per le start-up innovative identificate secondo l'articolo 25 del D.L. n. 179/2012, per le quali tale limite viene elevato a 50.000 euro e, dal 2024, elevato a 70.

000 euro, durante il periodo di iscrizione nella sezione speciale del Registro delle Imprese. Questo onere ricade sui contribuenti che intendono utilizzare sia i crediti IVA annuali che quelli infrannuali, ovvero trimestrali, per la compensazione; di conseguenza, il visto di conformità dovrà essere apposto su entrambe le tipologie di dichiarazione IVA. In caso di iva infrannuale la trasmissione telematica dei modelli F24, contenenti compensazioni di crediti IVA superiori a 5.000 euro annui, può avvenire solo dopo 10 giorni dalla presentazione della dichiarazione o del modello TR da cui emerge il credito.

Nel contesto delle attività di controllo relative all'IVA, l'applicazione del visto di conformità non richiede valutazioni di merito, ma è piuttosto volta a verificare formalmente le operazioni registrate e la loro corretta esposizione nella dichiarazione annuale. Pertanto, il professionista incaricato di apporre il visto non deve effettuare una valutazione di merito sull'IVA detraibile o contestare la validità delle operazioni registrate.

Tuttavia, in determinati casi specifici, le autorità fiscali non escludono del tutto la possibilità di effettuare un controllo di merito sulle operazioni effettuate.

Inizialmente, i controlli del professionista per il rilascio del visto si concentrano sulla regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai fini dell'IVA, sull'aderenza dei dati esposti nella dichiarazione ai risultati delle scritture contabili e sulla coerenza dei dati esposti nelle scritture contabili con la documentazione relativa.

L'Agenzia delle Entrate ha specificato che l'apposizione del visto di conformità presuppone sempre un controllo per garantire che il codice attività economica indicato nella dichiarazione IVA corrisponda a quello risultante dalla documentazione contabile, conformemente alla tabella di classificazione delle attività economiche vigente al momento della presentazione della dichiarazione. Nel caso in cui un contribuente svolga più attività con una contabilità unificata, deve essere indicato il codice relativo all'attività principale in base al volume d'affari realizzato nell'anno d'imposta.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Whatsapp
Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
Quanto durano i corsi di trucco permanente?
Il trucco permanente, come il nome suggerisce, consente alle persone di avere sempre addosso..
11 Giugno 2024 - 16:00
Cos'è il cashback online e come sfruttarlo per risparmiare
Ma cos'è esattamente il cashback? Come funziona e come possiamo sfruttarlo al meglio per ..
11 Giugno 2024 - 10:13
L’ipoacusia in Italia, i dati: quante persone soffrono di perdita dell’udito?
In generale, l’ipoacusia colpisce indipendentemente dall’età
10 Giugno 2024 - 16:55
Quali sono i fiori più belli da regalare alla persona che si ama
I fiori sono una delle forme più antiche e universali di espressione romantica
10 Giugno 2024 - 10:34
Spazio alle Imprese - Articoli più letti
Roadhouse Restaurant: apre nuovo locale a Rovereto, in Trentino
Nei primi otto mesi?dell'anno sono stati?14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo Cremonini
18 Settembre 2019 - 17:09
Azienda agricola Cavazzuti, tradizione e cura per produrre eccellenza
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40
Quali sono gli psicologi più richiesti?
Un professionista di questo tipo deve formarsi in maniera praticamente costante, in modo da ..
16 Giugno 2023 - 06:00
Azienda agricola Giovanni Solmi, storia e futuro della ciliegia IGP
Quarta tappa del nostro viaggio nel mondo delle aziende Confagricoltura Modena, eccellenze ..
24 Luglio 2018 - 00:20