Morti sulle strade, l'Emilia Romagna come la Bulgaria
Attestazione Idoneità Finanziaria per imprese di Autotrasporto Conto Terzi
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Scelgo Goldoni Elezioni comunali San Felice sul Panaro
notiziarioLa Provincia

Morti sulle strade, l'Emilia Romagna come la Bulgaria

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il numero sinistri in Unione Terre di Castelli è doppio rispetto al dato già elevatissimo della provincia di Modena e della stessa Regione


Morti sulle strade, l'Emilia Romagna come la Bulgaria
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La strage silenziosa sulle nostre strade, dai dati del Ministero a quelli della Regione a quelli della Provincia di Modena e a quelli dell’Unione Terre di Castelli, per finire ai dati della Pedemontana 569/467 nel tratto di Solignano di Castelvetro. A tratteggiare una dettagliata analisi sono i consiglieri castelvetresi Roberto Monfredini e Filippo Gianaroli. Una analisi che volentieri riportiamo.

Non serve a nulla commentare, i dati sono impietosi, fuori da ogni logica, come un lanciare i dadi senza sapere se domani tocca a me.
Iniziamo solo a leggere i dati che il Ministero ci fornisce, relazionandoli con quelli del sito della Regione Emilia Romagna, analizzando la Provincia di Modena e l’Unione Terre di Castelli escludendo due Comuni dalla stessa, Savignano e Montese, di cui il primo rientrato nell’Unione da poco.

Incidenti ufficiale della Regione Emilia Romagna 2017 riferita all’anno 2016

Regione Emilia Romagna 2016        17.

363 sinistri                  378 morti           23.500 feriti
Italia 2016                                                     175.791 sinistri              3.283 morti       249.175 feriti
Modena e Provincia                                 2830 sinistri                     57 morti              3864 feriti



Dopo Bologna, Modena si colloca al secondo posto come numero sinistri stradali, con un numero di decessi che è tornato uguale a quello del 2010 (57).



Le categorie maggiormente penalizzate, continuano ad essere nel tempo, invece, pedoni e ciclisti.

Il 2016, si configura come un anno nero per i ciclisti, tornano ad aumentare, infatti, le vittime per gli utenti delle biciclette (+9,6%), mentre diminuiscono sulle due ruote a motore (12,0%) e tra i pedoni (-5,3%), mentre nel 2017 il trend è tornato a crescere.

Come ci fotografa il Ministero dei Trasporti nel 2016 gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia sono stati 175.791, le vittime 3.283 e i feriti 249.175. Ogni giorno, durante l’anno, si sono verificati in media 428 incidenti stradali con lesioni a persone, sono morte 9 persone ( di cui 1 in RER) e ne sono rimaste ferite 683.  Rispetto al 2015 il numero di vittime diminuisce del 4,2%, invece aumentano gli incidenti dello 0,7% e i feriti dello 0,9%.





Il tasso di mortalità dei pedoni, escluso l’eccezione Bolzano, ci vede competere con la Regione Toscana per il primato.

Ma in Europa invece cosa accade? Con una media di 49 vittime di incidenti stradali per milione di abitanti, le strade europee sono rimaste di gran lunga le più sicure al mondo nel 2017. All’interno della Ue, la Svezia (25 decessi per milione di abitanti), il Regno Unito (27), l’Olanda (31) e la Danimarca (32) hanno registrato i migliori dati nel 2017. Rispetto al 2016, l’Estonia e la Slovenia hanno registrato il calo maggiore degli incidenti mortali, rispettivamente con il -32 % e il -20 %. In Italia si e’ registrato un aumento del 3% a quota 56 vittime per milione di abitanti (54 nel 2016, 70 nel 2010). Il divario tra gli Stati membri si e’ inoltre ridotto ulteriormente, e nel 2017 soltanto due Stati membri, Romania e Bulgaria, hanno registrato un tasso di mortalita’ superiore alle 80 vittime per milione di abitanti (Radiocor).


L’Italia dai dati ISTAT pubblicati di recente si colloca con 54 decessi per milione di abitanti, ma la Regione Emilia Romagna con 85 decessi si colloca fuori da qualsiasi statistica raggiungendo Bulgaria e Romania.

Unione Terre di Castelli

Analizzando nello specifico la situazione nell’Unione Terre di Castelli.

Sinistri Provincia di Modena     2830/abitanti  711000   =   0,0039 = 3,9/mille

Sinistri Unione Terre Castelli    447/abitanti   65000   =   0,0068 = 6,8/mille

In Unione mancano i sinistri di Polizia stradale e carabinieri in quanto non forniti, in media 25% del totale che tende ad un valore superiore al 8 per mille

Sinistri in Regione Emilia Romagna     17.363/abitanti  4.451.000    =   0,0039 = 3,9 /mille

Emerge chiaramente che il valore della percentuale è identico tra la Provincia di Modena e la Regione Emilia Romagna (3,9/mille) mentre è esattamente il doppio (6,8/mille al quale occorre aggiungere gli interventi di altre forze dell’ordine) per quanto riguarda l’Unione Terre di Castelli.

La presenza di un dato sinistri in Unione Terre di Castelli, doppio rispetto al dato già elevatissimo della provincia di Modena e della stessa Regione Emilia Romagna, fa emergere uno scenario da vera guerra del “ferro”, per chi ogni mattina mette in moto l’auto , il camion o il ciclomotore, o anche semplicemente sale in sella o percorre a piedi in tratto di strada.

In sintesi

  • La Regione Emilia Romagna si colloca con 85 morti/milione abitanti in vetta alle statistiche Italiane ed Europee (Romania e Bulgaria), media nazionale 54, media Europea 49.
  • La provincia di Modena è in linea con gli incidenti della Regione Emilia Romagna, 3,9 x mille, seconda in Regione dopo Bologna.
  • L’Unione Terre di Castelli raddoppia il coefficiente, 8 x mille, di sinistri, già elevatissimi in Regione, sia della Provincia che della Regione stessa, collocandosi al vertice assoluto.
  • Le strade Provinciali risultano essere le strade maggiormente pericolose dai dati forniti dalla Regione e dal Ministero dei trasporti con gli indici di lesività più alti.

Roberto Monfredini - Filippo Gianaroli

 

 

 

 

 


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
La Provincia - Articoli Recenti
Nonantola: 41enne sospettato, trovato in possesso di 500 grammi di has
Lo hanno fermato gli agenti della Squadra Mobile sotto casa, a seguito di diverse ..
20 Maggio 2024 - 15:20
A 12 anni dal sisma riapre il Duomo di Finale Emilia
L'importo complessivo delle opere, finanziato dalla Regione Emilia Romagna, è pari a 6 ..
20 Maggio 2024 - 12:42
Incidenti a Mirandola e Spilamberto: vigili del fuoco mobilitati
A Spilamberto con divaricatore e cesoie idrauliche è stata aperta la portiera, liberato il ..
20 Maggio 2024 - 11:37
Castelfranco Emilia: due arresti per evasione
I carabinieri hanno fermato un uomo che poteva uscire di casa solo per andare a lavorare, un..
20 Maggio 2024 - 00:29
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48