La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

Effetto coronavirus a Piazza Affari: chiusura a -11,17%

La Pressa
Logo LaPressa.it

I mercati azionari di tutto il mondo hanno assistito a uno degli crolli più drammatici di sempre


Effetto coronavirus a Piazza Affari: chiusura a -11,17%

Chiusura in fortissimo calo per la Borsa di Milano con l’indice Ftse Mib che perde l’11,17% a 18.475,91 punti. Si tratta del secondo maggiore ribasso in una sola seduta dalla nascita dell’indice nel 1998 dopo quella successiva al referendum sulla Brexit del 24 giugno 2016.

I mercati azionari di tutto il mondo hanno assistito a uno degli crolli più drammatici di sempre dopo che la rottura tra Arabia Saudita e Russia, due delle più grandi nazioni produttrici di petrolio al mondo, ha innescato un crollo del prezzo del greggio, spaventando ulteriormente gli investitori già in preda al panico da due settimane per via della diffusione globale del coronavirus.

Apertura da tracollo per Piazza Affari con il Ftse Mib che questa mattina è arrivato a perdere oltre l’11%. L’indice ha poi riguadagnato in mattinata un paio di punti, dopo la comunicazione del Mef sull’impegno del governo a mantenere i conti in ordine e l’annuncio di provvedimenti vigorosi in tempi rapidi per sostenere l’economia. 

Oltre all’emergenza coronavirus a pesare sui listini la cosiddetta ‘guerra del petrolio‘, con il prezzo del barile ancora in calo dopo la decisione dell’Arabia Saudita di non limitare la produzione e l’attesa di un ulteriore abbassamento dei prezzi. Penalizzati i titoli del comparto. Si segnalano per eccesso di ribasso alcuni titoli che non sono entrati in contrattazione e altri ritirati. Sul piano dei titoli pubblici, il differenziale tra Btp e Bund tedeschi è arrivato a toccare quota 230, e ora è ridisceso a 196.

Qualcuno, già ieri e poi alla luce del crollo di stamane, ha invocato la chiusura della Borsa. Ma la Consob interviene per dire che non sarebbe la decisione giusta, non servirebbe e non farebbe altro che creare “problemi di mercato di non facile soluzione nell’immediato futuro”.

La Consob “non ha evidenza che gli andamenti della Borsa italiana siano riflesso di attacchi speculativi, salvo che non si voglia attribuire a questo termine la reazione degli operatori alle incertezze sul futuro generate dagli effetti del coronavirus sull’economia. Questi effetti non sono correggibili con decisioni restrittive di Borsa, soprattutto se queste avvenissero in modo indipendente dai paesi membri dell’Unione Europea che sono investiti dagli stessi problemi che colpiscono l’Italia”. E’ quanto si legge in una nota dopo gli ultimi sviluppi del coronavirus e soprattutto a fronte dello shock sui prezzi del petrolio (-30%).

La Consob ritiene che “la temporanea sospensione delle contrattazioni di singole azioni, intesa come pausa di riflessione imposta, già operante quando la caduta dei prezzi è in prossimità dei parametri previsti dai trading halt, introdotti per le sedi di negoziazione da Mifid II, stia ben funzionando, pur nei limiti di efficacia dello strumento e tenuto conto del contesto di mercato sfavorevole a livello di andamento delle Borse nel mondo. In ogni caso l’adozione del divieto unilaterale di short selling è valutata, secondo il Regolamento europeo (Regolamento Ue 236/2012), se la caduta dei corsi supera mediamente il 10% e in presenza degli altri presupposti. La sospensione di tutte le contrattazioni di Borsa invece sarebbe una decisione che spegnerebbe l’indicatore di prezzo senza rimuovere le cause, generando problemi di mercato di non facile soluzione nell’immediato futuro”.

Pesanti ribassi anche per i titoli del settore petrolifero, dopo che il prezzo del greggio a New York è sceso a 33 dollari al barile, registrando il maggior calo giornaliero dal 1991, ai tempi della Guerra del Golfo. ENI ha perso il 20,9% a 8,1 euro, mentre Saipem ha lasciato sul terreno il 21,5% a a 2,224 euro. Male anche Tenaris (-21,4% a 5,77 euro). 

Ribassi pesanti anche per i titoli bancari con Bper Banca che anche oggi chiude la seduta di Borsa a 2,62 perdendo il -13,58% (Unipol 3,489 -10,74%); Unicredit chiude a -13,44 a 8,614 euro, Credem - 7,40 a 3,755 euro.
Hera chiude a 3,554 con un ribasso del 8,54%




Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Punti nascite, il parere decisivo pro-chiusura da una fedelissima di ..
La Provincia
25 Ottobre 2017 - 09:39- Visite:11575
'Esselunga in Borsa? Non credo'
Economia
23 Giugno 2017 - 11:31- Visite:11508
Progetto periferie: i due annunci di Muzzarelli
Politica
11 Ottobre 2017 - 21:35- Visite:10996
Bper, meno 800 milioni da metà febbraio. Ma tutti i bancari crollano
Economia
05 Marzo 2020 - 20:10- Visite:3607
Elezioni, crolla l'affluenza: Vignola -20%
Politica
11 Giugno 2017 - 21:00- Visite:3430
Bper, nuovo crollo in Borsa: quasi -3%: è la peggiore della settimana
Economia
21 Febbraio 2020 - 19:11- Visite:3157
Economia - Articoli Recenti
'Nei luoghi di lavoro non si scambi ..
La segreteria provinciale CGIL denuncia la mancanza dei dispositivi in molte aziende di ..
19 Marzo 2020 - 22:28- Visite:120
Coronavirus, quali garanzie nei punti..
Una nostra lettrice di Nonantola ha inviato ieri alla redazione de La Pressa una serie di ..
19 Marzo 2020 - 19:12- Visite:1196
Bper, riviste le condizioni per la ..
Obiettivo di tale accordo è la revisione del meccanismo di calcolo per la determinazione ..
19 Marzo 2020 - 19:05- Visite:492
Coop: chiusura di tutti i punti ..
Coronavirus: Coop Italia ha deciso la chiusura degli oltre 1100 punti vendita su tutto il ..
16 Marzo 2020 - 20:24- Visite:802


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:59292
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:48407
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:30100
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:29962