Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Pubblicitari
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

SOS fioristi modenesi. Produrre rose in Italia costa troppo

Data: / Categoria: Economia
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Chi compra una rosa per San Valentino, ha un'altissima probabilita' di acquistare un fiore 'straniero', che arriva da Colombia, Equador o Olanda


SOS fioristi modenesi. Produrre rose in Italia costa troppo
Chi compra una rosa per San Valentino, ha un'altissima probabilita' di acquistare un fiore 'straniero', che arriva da Colombia, Equador o Olanda. Cosa che capita anche con altri fiori, come tulipani o fresie: si' perche' ora, in Italia, anche i fiori 'parlano lingue straniere', sostiene in una nota Assofioristi-Confesercenti Modena, perche' coltivarli (e tenere accese le serre) costa troppo e la scelta obbligata, in quest'epoca di crisi per aziende e famiglie, e' l'importazione. E la cosa agita un po' gli addetti ai lavori. Quello che i fioristi chiedono e' una 'seria politica di sostegno di questo straordinario comparto, come avviene in altri Paesi', oltre che una vigilanza speciale, per dopodomani, nei confronti dei 'venditori abusivi che di certo non mancheranno'.
Come spiega Assofioristi, le rose rosse dal gambo lungo (tra cui quelle denominate Freedom, o Red Naomi, che costano sui sette-otto euro), vengono da Colombia, Equador ed Olanda; dall'Olanda arrivano anche le orchidee (30-35 euro) dall'Olanda, cosi' come i tulipani e poi fresie, anemoni (15 euro) ed altri fiori dai mille colori e profumi da ogni parte del mondo. Volendo fare presa su acquirenti anche giovani o molto giovani, spiegano gli operatori di Assofioristi, i prezzi dei fiori vanno mantenuti bassi e infatti sono stati mantenuti 'invariati'. E' proprio per questo che l'unica soluzione e' 'vendere fiori d'importazione'.
Se i fiori 'Made in Italy', infatti, e in particolare le rose, sono prodotti di assoluta eccellenza in fatto di qualita', 'il costo per il riscaldamento delle serre durante l'inverno non e' piu' sostenibile per le aziende ed il ricorso ai fiori d'importazione e' inevitabile'. In altri paesi europei, invece, fa notare Assofioristi, 'i costi energetici per le aziende florovivasitiche sono quasi nulli grazie al supporto dello Stato'.

In Italia, prosegue Assofioristi, ci sono aziende che, visti i costi gestionali, 'sono costrette a ridurre la produzione o addirittura ad annullarla, lasciando spazio, per accontentare i consumatori, ai prodotti d'importazione'. Eppure, insistono i fioristi, 'la qualita' della nostra produzione floreale non ha niente da invidiare a quelle di altri Paesi con grandi tradizioni in questo settore'. L'unica differenza e' che all'estero ci sono 'politiche attente e incentivanti', mentre 'in Italia le imprese devono lottare per sopravvivere'. Se anche in Italia i produttori avessero un contributo per sostenere il costo delle serre, ad esempio, la produzione potrebbe tornare a crescere e i prezzi scenderebbero: una rosa italiana, ad esempio, 'potrebbe costare sui tre-quattro euro'.
Altro problema con cui la categoria deve fare i conti e' 'la vendita irregolare e abusiva, gestita a volte in forma organizzata'. Ecco, perche' quando a San Valentino mancano due giorni, dall'associazione Di Modena arriva una richiesta forte a Comuni e forze dell'ordine di 'effettuare una vigilanza piu' serrata per contrastare questi fenomeni'.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Assaltarono la villa di 'Denny Rose': arrestati dai Carabinieri di ..
La Nera
14 Luglio 2017 - 09:52- Visite:1533
San Valentino, ho fatto un sogno
Le Vignette di Paride
14 Febbraio 2018 - 17:04- Visite:301
Emblemi, il mondo di Scapini in mostra
Che Cultura
28 Ottobre 2017 - 13:59- Visite:298
Emblemi, inaugura la mostra di Luigi Scapini
Che Cultura
21 Ottobre 2017 - 20:09- Visite:267
Economia - Articoli Recenti
Manutencoop, il colosso cooperativo dice..
L'assemblea dei soci di Manuntecoop, riunita oggi a Zola Predosa, ha ..
26 Maggio 2018 - 21:29- Visite:120
'Sisma 2012, la bassa modello di ..
Il Presidente Lapam Confartigianato Gilberto Luppi interviene ricordando il..
25 Maggio 2018 - 17:36- Visite:44
Confagricoltura, Bergamaschi diventa ..
Sarà affiancata dai vicepresidenti Claudio Canali, allevatore di suini in ..
24 Maggio 2018 - 14:52- Visite:154

Derma Più

Economia - Articoli più letti


Truffa 'Voucher Coop da 250 euro': cosa ..
Un buono spesa, un voucher da 250 euro da spendere alla Coop. Se vi arriva..
11 Giugno 2017 - 18:18- Visite:13176
E' fatto a Lesignana il formaggio più ..
Da terremotato a premiato per il miglior formaggio del mondo: la rinascita ..
22 Novembre 2017 - 12:12- Visite:13117
Separati per finta, conviene davvero?
Almeno il 7% delle separazioni (oltre 6mila su 91mila) sono 'finte'. I ..
10 Agosto 2017 - 22:36- Visite:12767


Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa