La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Bonaccini mette il turbo, e si prepara a vincere (ancora) le elezioni

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Presidente della Regione chiude accordi, elargisce contributi (impegnandosi a cambiare anche la legge per farlo), in tutti i territori della Regione. Approfittando dei ritardi, ormai incolmabili, dell'alternativa (in) possibile


Bonaccini mette il turbo, e si prepara a vincere (ancora) le elezioni

Da mesi, da quando ha deciso di ricandidarsi alla guida della Regione, gira come come una trottola, percorrendo in lungo ed in largo la regione. A stringere mani, accordi, convenzioni, protocolli, misure a sostegno di  comuni, unioni di comuni, associazioni di categoria. Come fa un candidato politico, come ci si aspetta faccia un candidato politico. Elargendo finanziamenti, impegnandosi a farlo, garantendo risposte e accettando proposte. In tutti i centri di potere economico e sociale, nei diversi campi toccati dalle competenze legislative regionali.  Solo nell’ultima settimana si è passati dai 30 milioni per ridurre le rette per i nidi, al taglio dell’Irap per le aziende montane, dai 10 milioni di incentivi per la casa alle giovani coppie, alle autorizzazioni per nuovi vigneti. Reali o sognati che siano. La home page del sito web della Regione si è trasformata in un grande manifesto elettorale, dove la comunicazione istituzionale si confonde, come nei redazionali finanziati su una certa emittenza televisiva, con la propaganda politica.

E' un Bonaccini che politicamente c’è, risponde sempre presente, ‘scatenato’ nella sua azione amministrativa e politica. Che utilizzando il potere che ha, impegna, negli ultimi mesi di mandato, ad aiutare chi gli chiede interventi. Elargendo contribuiti economici, addirittura anche anche quando la legge non gli consente, nell'immediato, di farlo.  Impegnandosi anche a cambiarle, quelle leggi vincolanti. Si, proprio così. E’ successo sempre in questa settimana: non potendo disporre di una legge per garantire sostegno alle imprese dei Luna park, danneggiate dai mancati introiti dovuti al maltempo, Bonaccini ha prospettato all’Ansva Confesercenti, rappresentante della categoria, un provvedimento, anzi una modifica ad hoc della legge, per comprendere anche gli spettacoli viaggianti (che nella sola provincia di Modena hanno calcolato 250 mila euro di mancati introiti), nell'elenco delle attività turistico-commerciali con i requisiti per ottenere risarcimenti. Così da potere finanziare anche loro, per compensare il crollo dei guadagni. Incassando il pubblico plauso della stessa associazione che in una nota stampa ha evidenziato nell’impegno ottenuto dal Presidente della Regione, “un risultato senza dubbio positivo e che dimostra l’attenzione dell’Ente presieduto da Stefano Bonaccini per le imprese del settore”. Un altro successo, da mettere in saccoccia, per Stefano da Campogalliano, in vista delle prossime elezioni. Un altro tassello del mosaico delle rappresentanze economico stabilizzato e del consenso. 

Una azione politica – istituzionale e di relazione, continua, costante, quotidiana, quella assunta da Bonaccini da alcuni mesi a questa parte, che può allo stesso tempo contare sull’assenza, o meglio su una presenza ormai già fuori tempo massimo, dell’opposizione. Bonaccini l’ha capito, da tempo, come Muzzarelli  lo capi, quando una volta ufficializzato il candidato scelto/inposto dalla Lega, e conoscendo di che opposizione e di che Lega si parlava a Modena (magari forte sul piano politico nazionale ma assolutamente destrutturata sul piano amministrativo-locale), decise di candidarsi, consapevole di fare bottino pieno, già al primo turno. Perché gli amministratori PD, quelli della ‘vecchia scuola di partito’ che sono stati prima PCI-PDS-DS, e di quel mondo sono ancora espressione, questo sanno fare, di mestiere. E possono continuare a farlo, vincendo, come successo a Modena, soprattutto grazie all’incapacità dell’opposizione di costruire, negli anni (perché per vincere o potere mettere in difficoltà il Partitone a Modena serve questo), una proposta alternativa, strutturata e di sistema.  Costruita in cinque anni o più e non in cinque mesi o meno. Proponendola, discutendola, trattandola, con i centri di potere, con quel mondo imprenditoriale, universitario, sociale ed economico, e a quelle lobby, anche cooperative, abituate a convivere con la consapevolezza che non c’è alternativa alla comodità e alle garanzie, pur minimali, dell’attuale stato di cose. Realtà che è stato dimostrato anche nel post elezioni, hanno fatto intendere che una proposta alternativa, a Modena, non era stata scelta non perché non era preferibile nel merito, ma semplicemente perché non c’era. Così come oggi, in egual modo, non c’è per la Regione. Al di dei passi indietro o in avanti di Bonaccini. Al di la delle qualità o dello spessore politico del candidato in opposizione.

In questi anni l’opposizione emiliano-romagnola non è riuscita nemmeno a mutuare le parti migliori del cosiddetto ‘buon governo’ delle regioni Lombardia e Veneto, locomotive d’Italia, governare dal centro destra, strutturandola in una proposta 'emiliana'. Ed i risultati di questa carenza si rifletteranno, così come si sono riflessi a Modena, sul risultato elettorale regionale. A prescindere dagli scandali modello Bibbiano, al di là degli immobilismi.
Ricordiamo bene quanto la vittoria personale e politica di Muzzarelli, a Modena, già nei minuti successivi alla proclamazione, venne assunta a modello per il PD ed il centro sinistra da applicare a livello regionale. E non perché Muzzarelli avesse brillato in risultati, in prospettiva ed in visione (anzi), ma perché capace di mantenere e di garantire lo status quo, di tenere saldo il volante del sistema, senza scossoni, continuando a garantire (e gli atti amministrativi, gli appalti e gli affidamenti a lungo termine assicurati prima della scadenza del mandato lo confermano), ai centri di potere, trasformati negli anni in centro del consenso, garanzie, vita e guadagni. E quai mondi, come era prevedibili succedesse, lo hanno premiato. Nonostante tutto.

E  questo sta succedendo, da settimane, ormai da mesi, sul piano regionale. Con un Bonaccini nomade ed ospite da un capo all’altro della Regione. Nelle grandi aziende, nei comuni. A prendere accordi, a promettere e ad elargire contributi, ad impegnarsi. In prima persona. Mentre l’opposizione a trazione leghista, o meglio Salviniana, forse ancora inconsapevole della lezione Modena, conta ancora sui numeri forti dei sondaggi nazionali. Numeri politicamente ingannevoli, capaci di sviare dalla realtà, che alla prova dei fatti delle competizioni amministrative e regionali, servono solo nascondere i vuoti che nella politica dei territori per l'opposizione, anche civica, diventano abissi. E che si riflettono nel risultato delle urne, nei centri dove i risultati contano davvero: Bologna, Modena, Reggio. Numeri utili anche a chi, come Bonaccini, vinse la scorsa tornata con il voto di poco più del 18% degli emiliano romagnoli (ovvero poco più del 50% del misero 37% degli elettori che andarano a votare), di vincere ancora, migliorando di molto (come ha fatto Muzzarelli vincitore al primo turno nel 2019 dopo il primo ballottaggio nel 2014), il non brillante, anche se vincente, risultato ottenuto cinque anni prima. Nonostante i venti di crisi che soffiano sul PD anche dopo la ‘controriforma’ di Zingaretti. Ed è per questo che di fronte all’analisi degli ultimi 5 anni, all’accellerazione data da Bonaccini alla campagna elettorale, e ai ritardi con cui l’alternativa possibile si sta presentando all’appuntamento, nulla cambierà votare a novembre o votare a gennaio od oltre. Perché ormai i giochi sono di nuovo fatti e solo chi ha saputo gestirli sembra essersene accorto.

Gianni Galeotti

 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:48224
Critiche raccolta fondi, Bonaccini minaccia: 'Ci vediamo in tribunale'
Politica
05 Gennaio 2020 - 06:26- Visite:43351
'Crisi Coop Alleanza 3.0: il modello degli ipermercati ha fallito'
Politica
01 Febbraio 2019 - 13:33- Visite:41252
Riccione, sindaco si ribella a Bonaccini: 'Io lunedì apro le spiagge'
Politica
02 Maggio 2020 - 00:19- Visite:33335
Bonaccini: 'Emilia Romagna pronta a riaprire 27 aprile. Ma no scuole'
Societa'
20 Aprile 2020 - 12:40- Visite:32870
Sanità, più risorse ai privati. Bonaccini firma accordo
Politica
20 Novembre 2019 - 17:49- Visite:32822
Il Punto - Articoli Recenti
Conte estende l'emergenza al 31 ..
Il premier ha confermato la sua intenzione: 'Lo stato di emergenza serve per tenere sotto ..
10 Luglio 2020 - 16:27- Visite:1511
Zingaretti, il segretario che non è ..
Alla cena a Ponte Alto molti i tavoli vuoti, soprattutto i riservati PD. Zingaretti non ..
04 Luglio 2020 - 02:40- Visite:1585
Strage nelle cra, un mese fa ..
Ieri in consiglio, a un mese di distanza, Muzzarelli ha smentito i numeri da lui stesso dati..
26 Giugno 2020 - 16:45- Visite:1757
Bibbiano, la giustizia avanza la ..
Le 24 proposte della commissione di inchiesta sulle criticità del sistema affidi sparite ..
24 Giugno 2020 - 13:00- Visite:896

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61020
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:53853
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31192
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28361