Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Punti Incrociati
articoliIl Punto

Ci? che Conte, purtroppo, non ha detto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nel discorso con cui il Premier ha annunciato la nuova stretta sulle imprese non essenziali, nessun cambio di rotta rispetto al fallimentare modello dei piccoli passi fino ad ora adottato


Ci? che Conte, purtroppo, non ha detto

Crediamo che nell'annuncio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla decisione di procedere, per decreto (l'undicesimo che verrà varato domani), allo stop delle imprese che producono beni e servizi non essenziali e di pubblica utilità, siano più le cose non dette (e che era auspicabile sentire), che quelle utili dette.

Quelle che ci saremmo aspettati per auspicare un cambio di rotta e di approccio capace di dare discontinuità, sul fronte epidemioiogico, a quella serie di provvedimenti adottati fino ad oggi, e dall'inizio dell'emergenza, a pezzi e bocconi, a piccoli passi, a macchia di leopardo e facendosi sempre superare (come successo anche ieri sera dalla Lombardia e dall'Emilia), dai provvedimenti delle regioni. Che detta così, fornisce davvero l'idea di uno scollamento preoccupante tra governo e regioni. Non possiamo dimenticare che sono 10, e domani diventeranno 11, i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri che si sono susseguiti in queste ultime settimane.

Che hanno aggiunto restrizioni a restrizioni a piccoli passi, che spesso si sono accavallati con quelli di regioni, appunto, ed enti locali. Provvedimenti che, purtroppo, non stanno iniziando a dare, come gli stessi governatori si aspettavano, (e di questo passo per lo stesso motivo, forse non daranno), alcun positivo risultato.

Così come non c'è stato, insieme all'annuncio dello stop alla produzione di decine di migliaia di aziende giudicate non utili per i bisogni ed i servizi da garantire al paese, anche solo un annuncio su politiche di sostegno alle imprese costrette a chiudere. Per non farle chiudere, davvero, in breve, se le nuove misure, come prevedibile, perché frutto di una mera estensione al resto d'Italia di misure adottate in ritardo e con scarso risultato al nord, non dovessero, come probabile, dare risultati soddisfacenti. Aiuti che devono richiedere uno sforzo immediato, anche nei decreti attuativi, per andare ben oltre ai 25 miliardi stanziati fino ad ora. 

Così come non c'è stato alcun accenno ad un cambio di rotta rispetto agli strumenti scientifici, basati sull'analisi epidemiologica, che fino ad ora sono stati adottati, o non adottati (come specificato anche ieri sera dal Prof. Galli, Infettivologo dell'Ospedale Sacco di Milano su Rai 3), per limitare i contagi fin da subito. Contagi che al contrario, ad oggi, sembrano fuori controllo.
Al punto che questa sera, negli illuminanti interventi dei professori Galli e Ricciardi (su Rai 3), si è avuta anche la conferma che il modello Corea (dove il contagio, su una popolazione da 50 milioni, è stato bloccato da protocolli ferrei che hanno previsto l'aggressione massiva di tutti i focolai con l'individuazione e l'isolamento dei soggetti positivi ed il monitoraggio altrettanto massivo degli spostamenti attraverso la rete cellulare), qui, in Italia, a questo punto di esplosione del contagio, sarebbe difficile, se non impossibile, applicare. Se non in quelle zone del sud non ancora critiche, in cui le aree di maggiore contagio sono ancora identificabile, e dove applicare il metodo in un contesto ristretto e controllato di focolaio. Un pò, anche se il paragone è stato giudicato non compatibile, come è successo con Vò, il paese del veneto dove attraverso una mappatura capillare, si è riusciti a fermare la diffusione del virus

Ed è così che l'unica via italiana (che incredibilmente viene osannata dall'esterno nonostante il record assoluto di contagi, ricoverati e morti al mondo), sembra quella di rimanere nel limbo dei provvedimenti inefficaci, resi solo più restrittivi, soprattutto sulla carta, nonostante gli enormi sacrifici chiesti agli italiani e alle imprese. Quelle che dovrebbero servire per evitare il più possibile i contatti tra le persone.

Continuando però (e qui riprendiamo le considerazioni ripetuti da esperti), a non fare tamponi al di fuori degli ospedali e delle strutture sanitarie, lasciando migliaia di persone anche sintomatiche nel limbo dell'incertezza ma nella certezza di potere girare e contagiare inconsapevolmente, e lasciando le persone asintomatiche, ma potenzialmente positive, di fare altrettanto. Continuando a contagiare in famiglia e nelle fabbriche, non meno di prima.

Il caso di Nicola Porro, da lui stesso annunciato poche ore fa, è emblematico. Positività al Coronavirus, cinque giorni di febbre, altri cinque senza sintomi, pronto a concludere la quarantena e a rincontrare la propria famiglia, ma nei confronti del quale è arrivata, ieri pomeriggio, la conferma della nuova positività. Quanti sono coloro che a Modena ed in regione hanno superato a casa l'infezione del virus come una normale influenza, e che, a differenza di Porro, consapevole di essere positivo, non sanno di esserlo? Quante persone così, nelle scorse settimane sono uscite, sono andate al lavoro, a fare la spesa, hanno preso l'autobus? E quante continueranno a farlo anche oggi e la prossima settimana? Tante, tantissime stando alle segnalazioni di chi questo tipo, che ognuno può verificare anche solo nelle cerchia dei propri amici e delle proprie conoscenze. Per questo del discorso di Conte preoccupa non tanto per le cose dette ma soprattutto per quelle non dette.

Gi.Ga. 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Di Maio non ha abolito la povertà, ..
Tornino nelle loro stanze i bambini e i puri di cuore. E' il tempo dei grandi. Degli uomini ..
21 Giugno 2022 - 22:06
Primo giorno d'estate: ma è tutto ..
Siamo stati tirati in ballo in una guerra che neppure doveva iniziare e che, comunque, non ..
21 Giugno 2022 - 12:58
Urne deserte, il buon esempio ..
Tra grotteschi festeggiamenti per la mancata partecipazione popolare a espliciti inviti al ..
13 Giugno 2022 - 09:46
A Modena preghiera pro-Lgbt, a ..
Guardando queste fotografie è difficile immaginare chi sia vittima di questa corsa al ..
07 Giugno 2022 - 13:12
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58