La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Fase 2: per Modena già occasione persa: la politica ha perso se stessa

La Pressa
Logo LaPressa.it

La ripresa dopo l'epocale emergenza rende ancora più evidente il vuoto di visione, e l'incapacità di creare nuovi modelli. Così Modena ha perso il suo primato


Fase 2: per Modena già occasione persa: la politica ha perso se stessa

La cosiddetta fase 2, quella della teorizzata graduale ripartenza sociale ed economica, quella dei nuovi e teorici paradigmi di sviluppo e di vita sociale, dei nuovi, altrettanto fermi alla teoria, modelli di aggregazione e di vita, delle potenziali opportunità generate da uno stop che ci ha obbligato a rivedere e riorganizzare la nostra quotidianità come mai avremmo creduto, ha reso ancora più evidente il vuoto di cui la politica modenese, nelle sue forme di governo e gestione della cosa pubblica, è espressione. 

Ciò che oggi e nei primi giorni della formale fase due, si conferma e palesa ai nostri occhi, è l’assoluta scomparsa, nella politica di governo locale, di ciò che in passato  costituiva un fiore all’occhiello per Modena, e ne sanciva diversi primati, ovvero la capacità, supportata dalla volontà, di creare nuovi modelli per gestire sviluppo e cambiamento. Soprattutto nelle fasi di crisi, di passaggio, che i cambiamenti li obbligano

Una capacità che è rimasta in ambito privato, nel mondo dell’impresa, del sapere fare, ma che è gradualmente sparita dall’azione politica. Da almeno due decenni concentrata a consolidare, restringere e chiudere nei propri fortini e nei propri centri di potere, mantenuti in vita da forti e costanti iniezioni di denaro pubblico, la propria posizione dominante, la propria sopravvivenza.  Cancellando tutto ciò che è programmazione,visione,  prospettiva. Di datto ciò che va al di la della gestione dell’ordinario e dell’esistente controllato.  I grandi progetti di sviluppo sono rimasti costantemente sulla carta per questo. Perché è mancata una visione prospettica decennale sulla Modena che verrà e nella quale inserirli. Un concetto che abbiamo ribadito più volte e che oggi, nell’emergenza emerge in tutta la sua desolante realtà.

Mancanza di  prospettiva e di visione, che questa emergenza, con tutti i suoi effetti ed i suoi stravolgimenti, avrebbe potuto nuovamente riempire. Con i nuovi modelli obbligati ed auspicati, con le nuova modalità di organizzare la città, gli spostamenti, il lavoro, gli spazi pubblici, il modo di lavorare, studiare, divertirsi. Sembra utopia ma non lo è. Perché questo è l’ambito in cui una politica che dice di volere guardare al futuro dovrebbe scendere in campo per dare il meglio di se. Per proporre, confrontarsi e decidere. E invece, a Modena, stiamo assistendo all’esatto contrario. Ad una azione politica staccata dall’emergenza stessa incarnata in un bilancio che a guardarlo potrebbe riportare la data del 30 marzo 2019 e nel 2020. Ad una azione politica che non è nemmeno quello delle decisioni sbagliate, delle proposte da confrontare, dei modelli da illustrare e da criticare, ma quella del non essere e del non agire. Del silenzio politico ed istituzionale, che risponde allo straordinario epocale con l’ordinario di sempre. Declinato in tutte le sue forme, anche di comunicazione: dove nonostante uno staff a disposizione del sindaco,  rafforzato dallo spostamento di diversi contratti sotto le dirette dipendenze della giunta, non si è andati al da di arcobaleni e copia ed incolla di decreti.

Una politica di governo che a livello locale ha relegato a ruolo di passacarte un’opposizione già vaporizzata, tale soprattutto nel principale partito d’opposizione, dove anche  il candidato a sindaco, autoannullatosi politicamente e definitivamente nel ruolo istituzionale della Vicepresidenza del Consiglio comunale, è sparito, anzi non è mai nemmeno apparso, nel dibattito politico post elezionii

Una politica di governo, incarnata nell’unica figura parlante del sindaco che, circondato da una giunta silente ed altrettanto vaporizzata, ha dettato una linea precisa parsa più simile ad una rimozione dell’emergenza che ad una gestione della stessa. Ed è così che in piena fase di restrizione sociale e chiusura economica, il 30 marzo si approvava un bilancio che conteneva l’aumento dell’Irpef per 1,8 milioni di euro. Soldi tolti dai bilanci delle famiglie per essere trasferiti nei conti del Comune. Un bilancio che non a caso abbiamo definito dell’altro mondo. E non solo per l’aumento della tassazione, ma perché distante dalla realtà in tutte le sue principali voci di entrata e di uscita che ne definivano, e definiscono assetto, natura ed equilibrio.

Con quei 20 milioni di multe previsti, con quei gettiti derivanti da tasse ed imposte che i negozianti ancora chiusi non potranno e non dovranno pagare. Con le stesse entrate da rette da asili e servizi scolastici già chiusi ai tempi in cui quelle previsioni venivano sancite. Come se l’emergenza non esistesse. Compresa la tassa di soggiorno su turisti che non ci sono e non ci saranno. Tutto approvato dalla maggioranza, anche da quella sinistra che oggi punta i piedi sulle privatizzazioni e sulle esternalizzazioni, sul welfare, che denuncia la perdita del modello storico del centro sinistra di governo modenese, ma che al momento del voto consigliare, dove davvero si poteva fare la differenza, ha abbassato nuovamente la testa e ha detto si a tutto ciò che il sindaco ha dettato ed imposto e che poneva le condizioni economiche e politiche per continuare a portarlo avanti, quel sistema.

Da qui il rinnovo per altri 4 anni, senza confronto e senza che nessuno battesse ciglio, del contratto di servizio  per la gestione delle Cra. Proprio nel momento in cui la politica nazionale e regionale, di fronte alla strage che in esse si era consumata, poneva come elemento prioritario della fase due, un radicale cambio di passo nei modelli di gestione.

In una fossilizzazione di paradigmi politici ripetuti come tali in tutti i settori dell’azione di governo. A partire da quello sanitario dove anziché aprire una discussione su cosa nella fase uno non è andato e che ha portato l’Emilia-Romagna ad essere una delle regioni più colpite, con numeri esorbitanti di contagi, morti e, nella prima fasi, di mancati tamponi, ci si è limitati a fare quadrato politico intorno all’Ausl ribadendo, anche nell’ultima riunione ristretta della Conferenza sanitaria territoriale, che è stato fatto tutto, fin dal primo momento. Così come sul fronte della mobilità e dell’ambiente, dove non si è nemmeno accennato a quanto il blocco prolungato del traffico e degli spostamenti ha insegnato per migliorare o modificare un Piano Urbano del Traffico in via di approvazione che detta gli indirizzi sui prossimi dieci anni ma nato già vecchio. Senza una idea nuova sul trasporto pubblico, sulla mobilità alternativa all’auto, su un nuovo modo di vivere ed abitare la città. Dove i giovani, i ragazzi, i meno considerati nell’emergenza, continuano a non essere ascoltati.

Perché non studiare insieme a loro, nuove forme e nuovi modi di socialità per vivere la città, fare musica e cinema, magari scuola, all’aperto? Perché Modena avrebbe anche la dimensione giusta anche per sperimentare, ad esempio, forme di connettività gratuita per tutti, estendendo la rete a tutta la città, regolamentandola, ma aprendola. Modena, per dimensione, avrebbe la possibilità di sperimentare nuove modelli dell’abitare, del lavorare, del muoversi, dell’utilizzare luoghi pubblici all’aperto abbandonati. E potremmo continuare per migliaia di righe, aumentando solamente la dimensione di un grande perché e di un grande boh. Grande come la delusione di vedere la propria città non più capace di inseguire nuovi primati, nuovi modelli e non solo di sopravvivere, svilendoli, a quelli del passato.

Gianni Galeotti



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Fase 2, formalizzata la proposta Emiliano-Romagnola per le riaperture
Politica
18 Aprile 2020 - 17:35- Visite:10095
Covid, fase 2: ecco le proposte degli esperti per riaprire l’Italia
Societa'
14 Aprile 2020 - 16:16- Visite:6622
Modena riapre, al Mercato del Novi Sad il distanziamento è 'soft'
Pressa Tube
04 Maggio 2020 - 11:09- Visite:5246
Coronavirus, si vede la luce: curva scende. Iss: 'Si pensi a fase 2'
Societa'
05 Aprile 2020 - 18:47- Visite:3069
Riapertura a metà, rimane l'autocertificazione, bar aperti a giugno
Politica
26 Aprile 2020 - 20:53- Visite:2195
C'è Starace nella task force di Conte: nel 2015 invitò a Modena ..
Politica
12 Aprile 2020 - 14:13- Visite:1520
Il Punto - Articoli Recenti
Coronavirus e Messe, a Modena la ..
Una chiesa che sull'acqua della paura del virus non cammina, ma nemmeno affoga per non ..
28 Aprile 2020 - 16:03- Visite:2936
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:16977
E oggi La Pressa compie tre anni
La leggerezza di Paride. I numeri de La Pressa, quelli certificati dai motori di ricerca, ..
24 Aprile 2020 - 18:40- Visite:1515


Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:59963
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:51599
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:30487
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28002