Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Incontro Ucraina La Pressa
articoliIl Punto

Italia, Repubblica fondata sul lavoro nero, precario e col green pass

La Pressa
Logo LaPressa.it

Se le fondamenta sono ridotte così, se le crepe sono divenute voragini, forse è meglio gridare aiuto piuttosto che continuare a ballare sull'attico


Italia, Repubblica fondata sul lavoro nero, precario e col green pass
Ammorbati dalla retorica sempre uguale a se stessa e sempre più sterile, ci accontentiamo di pompose cerimonie immaginando possano da sole riempire di senso i grandi valori su cui i nostri Padri hanno fondato la Repubblica italiana. Ogni due giugno, tra frecce Tricoli e discorsi del Presidente, ci illudiamo di rinforzare l'identità nazionale non con il crudo cemento fondativo, ma con il delicato intonaco rosaceo della apparenza, senza accorgerci che proprio così facendo tradiamo quei valori che vorremmo difendere. E che i veri patrioti non sono coloro che applaudono a occhi chiusi, ma sono coloro che gridano, anche in modo scomposto, che così non va. Così non va più. E non è lesa maestà dirlo, ma è la maestà del potere che lede chi dovrebbe non comandare, ma ben più nobilmente, rappresentare.

 
Una denuncia di un Paese al contrario, dolorosa e difficile, politicamente scorretta, ma l'unica che può ridare un senso al sacrificio di chi ha lottato dopo la disfatta della Seconda guerra mondiale per quel sogno chiamato Democrazia. Spinti da un piano Marshall pensato in chiave anti-sovietica, sul quale ci siamo poi colpevolmente adagiati.
Già democrazia...
L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Recita l'articolo 1 della Costituzione italiana. Partiamo da qui, dall'inizio.
Qual è il lavoro su cui oggi si fonda la Repubblica italiana?
E' un lavoro precario. Proprio ieri l'Istat ha certificato come ad aprile gli assunti con contratto a termine abbiano raggiunto quota 3 milioni 166mila con un aumento di 9mila unità su marzo e una crescita di 354mila unità su aprile 2021, oltre la metà dell’aumento complessivo degli occupati (+670mila in un anno). Per il numero degli occupati dipendenti a termine si tratta del dato più alto dal 1977.


E' un lavoro nero. Lo certifica l'ufficio studi della Cgia. Dal febbraio del 2020 al marzo di quest’anno i lavoratori indipendenti sono diminuiti di 215 mila unità. Se 2 anni fa erano 5 milioni 192 mila, al termine del primo trimestre di quest’anno sono scesi a 4 milioni 977 mila (-4,1 per cento). E, per la stessa Cgia, 'molti di coloro che hanno chiuso definitivamente l’attività e non sono riusciti a trovare una nuova occupazione, probabilmente continuano a lavorare in nero'.
Del resto ad aprile il tasso di inattività è salito al 34,6%. Un dato che coinvolge entrambi i sessi e tutte le classi di età. Dati che, come ha spiegato anche ieri Francesco Seghezzi presidente di Fondazione Adap, 'nascondano una quota significativa di lavoro nero. Altrimenti è inspiegabile avere un dato così, senza che nelle strade si verifichino rivolte sociali e proteste'.
E' un lavoro sottopagato. I dati Eurostat 2020 rivelano che in Italia lo stipendio medio per la fascia tra i 18 e i 24 anni è di 15.858 euro. Impietoso il confronto con gli altri paesi con un costo di vita simile: i giovani guadagnano in media 23.858 euro in Germania, 19.482 in Francia, 23.778 nei Paesi Bassi e 25.617 in Belgio. E ancora: l'Italia è l’unico paese dell’Ocse in cui gli stipendi non sono aumentati dal 1990. Anzi, sono diminuiti, mentre le tasse sul lavoro e l’inflazione sono aumentate. Basta un grafico per spiegare il dramma.


E' un lavoro vincolato al Green Pass. Sì, perchè, come se tutto questo non bastasse, l'Italia è l'unico Paese d'Europa che per mesi ha vincolato il lavoro al possesso di un green pass vaccinale. Un orrore del quale siamo andati pure orgogliosi e che non è escluso possa rimaterializzarsi in autunno.

Questo è il quadro nel quale festeggiamo oggi il 2 giugno. Festa della Repubblica fondata sul lavoro. E allora se le fondamenta sono ridotte così, se le crepe sono divenute voragini, forse è meglio gridare aiuto piuttosto che continuare a ballare sull'attico, unico spazio addobbato a festa per nascondere lo sfacelo sottostante. Sperando di potere rinascere prima di essere ridotti in cenere.
Giuseppe Leonelli


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
La garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose...
Le Vignette di Paride
09 Gennaio 2023 - 16:40
Madre, Cristiana, Italiana: la stangata
Le Vignette di Paride
06 Gennaio 2023 - 13:05
Addio Green Pass? Ieri all'ospedale Baggiovara è successo altro...
Lettere al Direttore
01 Gennaio 2023 - 13:15

Il Punto - Articoli Recenti
Criminalità, furti e degrado: ecco ..
Nulla di nuovo sotto la Ghirlandina nonostante i quotidiani comunicati stampa forzatamente ..
11 Gennaio 2023 - 23:05
Almanacco Modena 2023: Muzzarelli una..
Buon Anno ai nostri lettori e non solo. Buon anno in particolare a chi ha perso una sfida, ..
31 Dicembre 2022 - 06:00
Punti nascita, la sconfitta di ..
Uno smacco che può pesare in modo significativo sulla sua corsa alla guida nazionale Pd. Il..
30 Dicembre 2022 - 18:33
Le nostalgie missine del presidente ..
L'impressione è che La Russa, Isabella Rauti e tanti altri, non siano elementi ..
28 Dicembre 2022 - 06:49
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58